Differenze tra le versioni di "Ubriachezza"

672 byte aggiunti ,  5 anni fa
+2, su una ho dubbi, non so se è la tematica adatta
m (+wikilink)
(+2, su una ho dubbi, non so se è la tematica adatta)
*Al Denton: il tipico ubriacone del villaggio. Un uomo che ha cominciato a morire da giovane, quando ha intrapreso il suo lungo viaggio nel mare dell'alcol. (''[[Ai confini della realtà (serie televisiva 1959)|Ai confini della realtà]]'')
*''Bacco, | guida tu questo insano caduto per mano di femmina, | insisto, giacché il meteo ha previsto banchi di nebbia sulla mia retina. | Qui si brinda e non si lesina | anche se si dà | un'immagine pessima di se stessi.'' ([[Caparezza]])
*Bevi perché sei felice, ma mai perché sei triste. Non bere mai quando non farlo ti rende infelice, o sarai come il bevitore di gin dal volto tetro dei bassifondi; ma se bevi quando saresti felice anche senza bere sarai come l'allegro contadino italiano. Non bere mai perché ne hai bisogno, poiché questo è un atto razionale che ti porta dritto alla morte e all'inferno. Ma bevi perché non ne hai bisogno, poiché questo è un atto irrazionale e l'antica salute del mondo. ([[Gilbert Keith Chesterton]])
*C'era una certa benignità nell'ubriachezza: c'era quell'indescrivibile splendore che essa recava, simile ai ricordi di serate effimere e svanite. ([[Francis Scott Fitzgerald]])
*– Che hai fatto al tuo compleanno?<br />– Niente.<br />– Ma dai, devi aver fatto qualcosa.<br />– No, un giorno come tutti gli altri. Mi sono alzato, mi sentivo di merda, sono andato al lavoro, mi sentivo di merda.<br />– Quelli si chiamano postumi di una sbronza.<br />– Se mi sbronzassi, almeno dopo sentirei qualcosa. (''[[I figli degli uomini]]'')
*Ebbro? Intendi sbronzo? Ovvio che sono sbronzo. Sono le quattro del mattino. ([[Mordecai Richler]])
*Ingiuria un assente chi litiga con un ubriaco! ([[Publilio Siro]])
*Io sono più un bevitore di cognac, sono troppo impaziente per amare il vino. Se devo ubriacarmi non ci voglio mettere tutta la sera. (''[[Un'ottima annata]]'')
*''L'ubriachezza accresce l'ira dello stolto a sua rovina, | ne diminuisce le forze e gli procura ferite.'' (''[[Siracide]]'')
*''L'Ubriaco è l'uom schifoso | che avvilisce la natura; | tutto dì la sepoltura | per lui aperta se ne sta. || Il far' uso del liquore | con dovuta temperanza | l'Estro sveglia, e con possanza | spinge l'Uomo a poetar.'' ([[Ferdinando Ingarrica]])