Differenze tra le versioni di "Metal Gear Solid 4: Guns of the Patriots"

nessun oggetto della modifica
|genere= azione/stealth
|tema= fantascienza/spionaggio
|piattaforma= PlayStation 3
|preceduto= [[Metal Gear Solid: Portable Ops]]
|seguito= [[Metal Gear Solid: Peace Walker]]
==Frasi==
{{cronologico}}
*Solo due uova oggi? [[Solidus Snake|Solidus]] avrà preso un giorno libero. ('''Sunny''')
*Prima o poi, tutta la razza umana si trasformerà in colletti verdi. In aggiunta, l'intera razza umana combatterà le guerre per procura. ('''Drebin''')
*Occhio, che ti vedo! ('''Drebin''')
:''Eye have you.''
*Il mondo dipende dalla guerra, dall'indotto generato dalla guerra. Immagini cosa accadrebbe se la guerra sparisse da un giorno all'altro? ('''Otacon''')
*Questi tizi {{NDR|le Rane}} fanno parte dell'esercito privato di Liquid. Prima sparate poi pensate. [...] Abbiamo un eroe leggendario con noi. Cercate di non fare brutta figura. ('''Meryl''')
*Su con la vita! Non siamo le copie di nostro padre! Siamo liberi dai vincoli del destino! Snake! Fratello... Siamo liberi! ('''Liquid Ocelot''')
*Snake, non vorrai mica essere prigioniero della sorte... Allora vai a compiere il tuo destino. ('''Naomi''')
*Snake, quella che chiamiamo "[[pace]]" è un equilibrio che si regge sull'economia bellica. ('''Campbell''')
*Le Belle e le Bestie. Insieme formano il [[Beauty and the Beast Corps|Reparto B&B]]. Sono un gruppo di soldatesse potenziate [...]. La loro priorità è eliminare un tizio non appena lo vedono. Un certo [[Solid Snake]]. O meglio "Old Snake", a quel che vedo. ('''Drebin''')
*In giro si dice che sotto quelle brutte tute potenziate che indossano, le B&B siano delle pupe... davvero stupende. Pare che siano tutte rimaste traumatizzate dalla guerra. [...] Così, l'unico modo per affrontare la realtà della battaglia era diventare a loro volta delle macchine da guerra. Ciò che resta della parte umana è nascosto all'interno. La bestia... è quella che si vede all'esterno. Snake, la guerra ci trasforma... in bestie. ('''Drebin''')
*Fin dall'antichità, i comandanti militari hanno dovuto affrontare il problema di come assicurare il [[cibo]] ai propri uomini. La quantità, oltre che la qualità, del cibo per i soldati influisce direttamente sul morale. [...] Una volta, [[Napoleone Bonaparte|Napoleone]] disse: "Un esercito marcia sul suo stomaco". La sapeva lunga. ('''Rose''')