Differenze tra le versioni di "Lorenzo de' Medici"

m
(Annullata la modifica 534585 di 2.232.20.17 (discussione))
*''Convien giucare e spender bei quattrini.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/I. Canzona de' confortini|Canzona de' confortini]]'', v. 14)
*''Chi vince, per dolcezza si gavazza, | dileggia e ghigna, e tutto si diguazza; | credere alla [[Fortuna]] è cosa pazza: | aspetta pur che poi si pieghi e chini.'' (da ''Canzona de' confortini'', vv. 27-30)
*''Quant'è bella [[giovinezza]], | che si fugge tuttavia! | chi vuol esser lieto, sia: | di [[domani|doman]] non c'è certezza.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/VII. Canzona di Bacco|Canzona di Bacco]]'', vv. 1-4) {{NDR|sul tema del [[carpe diem]]}}
*''Donne, noi siam maestri d'innestare; | in ogni modo lo sappiam ben fare.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/IV. Canzona degl'innestatori|Canzona degl'innestatori]]'', vv. 1-2)
*''Cetrïuoli abbiamo e grossi, | di fuor pur ronchiosi e strani; | paion quasi pien' di cossi, | poi sono apritivi e strani; | e' si piglion con duo mani: | di fuor lieva un po' di buccia, | apri ben la bocca e succia; | chi s'avezza, e' non fa male.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/VI. Canzona delle forese|Canzona delle forese]]'', vv. 13-20)