Differenze tra le versioni di "Dante Alighieri"

nessun oggetto della modifica
==Incipit della ''Vita nuova''==
In quella parte del libro de la mia memoria dinanzi a la quale poco si potrebbe leggere, si trova una rubrica la quale dice: Incipit vita nova. Sotto la quale rubrica io trovo scritte le parole le quali è mio intendimento d'assemplare in questo libello; e se non tutte, almeno la loro sentenzia.<br>
Nove fiate già appresso lo mio nascimento era tornato lo cielo de la luce quasi a uno medesimo punto, quanto a la sua propria girazione, quando a li miei occhi apparve prima la gloriosa donna de la mia mente, la quale fu chiamata da molti Beatrice li quali non sapeano che si chiamare. Ella era in questa vita già stata tanto, che ne lo suo tempo lo cielo stellato era mosso verso la parte d'oriente de le dodici parti l'una d'un grado, sì che quasi dal principio del suo anno nono apparve a me, ed io la vidi quasi da la fine del mio nono. Apparve vestita di nobilissimo colore, umile e onesto, sanguigno, cinta e ornata a la guisa che a la sua giovanissima etade si convenia.
 
==Sonetti==
 
*Guido, i' vorrei che tu e Lapo ed io<br>
fossimo presi per incantamento,<br>
e messi in un vasel, ch'ad ogni vento<br>
per mare andasse al voler vostro e mio;<br>
sì che fortuna od altro tempio rio<br>
non ci potesse dare impedimento,<br>
anzi, vivendo sempre in un talento,<br>
di stare insieme crescesse 'l disio.<br>
E monna Vanna e monna Lagia poi,<br>
con quella ch'è sul numer de le trenta,<br>
con noi ponesse il buono incantatore:<br>
e quivi ragionar sempre d'amore,<br>
e ciascuna di lor fosse contenta,<br>
sì come i' credo che saremmo noi.
 
==Citazioni su Dante Alighieri==
Utente anonimo