Differenze tra le versioni di "Jean-Paul Sartre"

m
+wikilink
m
m (+wikilink)
*A che serve arrotare un [[coltello]] tutti i giorni se non lo si usa mai per tagliare?<ref>Citato in ''Telepiù'', n. 12'', 22–28 marzo 2014.</ref>
*A [[Napoli]] ho scoperto l'immonda parentela tra l'amore e il Cibo. Non è avvenuto all'improvviso, Napoli non si rivela immediatamente: è una città che si vergogna di se stessa; tenta di far credere agli stranieri che è popolata di casinò, ville e palazzi. Sono arrivato via mare, un mattino di settembre, ed essa mi ha accolto da lontano con dei bagliori scialbi; ho passeggiato tutto il giorno lungo le sue strade diritte e larghe, la Via Umberto, la Via Garibaldi e non ho saputo scorgere, dietro i belletti, le piaghe sospette che esse si portano ai fianchi. Verso sera ero capitato alla terrazza del caffè Gambrinus, davanti a una granita che guardavo malinconicamente mentre si scioglieva nella sua coppa di smalto. Ero piuttosto scoraggiato, non avevo afferrato a volo che piccoli fatti multicolori, dei coriandoli. Mi domandavo: «Ma sono a Napoli? Napoli esiste?».<ref>Citato in ''Spaesamento – Napoli e Capri'', introduzione e traduzione di Aniello Montano, Napoli, Dante & Descartes, 2000; [http://lgxserver.uniba.it/lei/rassegna/001230k.htm visibile su ''Il Mattino online''].</ref>
*Anche nel democratico più liberale si può nascondere una sfumatura di [[antisemitismo]]: egli è ostile all'ebreo nella misura in cui questi osa pensarsi, appunto, ebreo.<ref>Da ''Rèflexions sur la question juive'', 1946, ed. Gallimard, Parigi.</ref>
*Ciò che non è assolutamente possibile è non [[Scelta|scegliere]].<ref name=esist>Da ''L'esistenzialismo è un umanismo'', 1946.</ref>
*''Cristo si è fermato a Eboli'', ''L'Orologio'', sono i momenti di un'autobiografia che non può svolgersi altrimenti che ricostruendo la storia della società italiana, dal fascismo ai primi anni del dopoguerra. [[Carlo Levi]] — qui è il centro della sua arte — non dipinge un quadro d'insieme di codesta società per poi, subito dopo, inserirvisi; non procede verso l'universale astratto. Nella sua opera il moto di universalizzazione è tutt'uno con l'approfondimento del concreto. Dai suoi inizi ci ha posto, sempre, contemporaneamente su due piani: quello della Storia e quello delle sue storie, specchiantisi l'uno nell'altro. Mi sia consentito affermare, in questa occasione, il mio totale consenso a un'arte dello scrivere cosí concepita. Io credo che, attualmente, non possiamo tentare nient'altro che collocare i nostri lettori in questa doppia prospettiva: di una vita che si singola-rizza, avida di gustare il sapore di tutte le altre vite, e di una universalità strutturata del vissuto che si totalizza soltanto nelle vite particolari. [...] Quella curiosità di cui poco fa ho parlato, e che ha fatto di lui lo scrittore di cui non possiamo mai dimenticarci, è nata dalla passione di vivere, che lo induce a cogliere come un valore, in se stesso e negli altri, ogni esperienza vissuta. In Levi tutto si accorda, tutto si tiene. Medico dapprima, poi scrittore e artista per una sola identica ragione: l'immenso rispetto per la vita. E questo stesso rispetto è all'origine del suo impegno politico, cosí come alla sorgente della sua arte.<ref>Da ''Galleria'', 3-6 (1967), pp. 259-60, a cura di Aldo Marcovecchio; citato in Carlo Levi, ''Cristo si è fermato a Eboli'', Einaudi, 1990, p. XII.</ref>