Differenze tra le versioni di "Don Camillo e l'onorevole Peppone"

 
* '''Peppone''': I diritti li ha solo il popolo lavoratore: voi avete voluto diventare proprietario, arrangiatevi! {{NDR|Rivolto al Bezzi}} <br />'''Don Camillo''': Ah, se il Tasca non sgombera noi ci rivolgiamo alle autorità per lo sfratto! <br />'''Peppone''': Qui l'unica autorità che riconosco è il popolo e il popolo siamo noi!
 
* '''Don Camillo''': Spiccio? Cosa vuoi? Hai sbagliato porta: questo non è il Cremlino.<br /> '''Spiccio''': Reverendo, io ho una cosa sullo stomaco.<br /> '''Don Camillo''': ...spaghetti?<br /> '''Spiccio''': No no, uno di quegli arnesi grossi, coi cingoli...<br /> '''Don Camillo''': Un trattore?<br /> '''Spiccio''': Sì una specie, ma con un cannone sopra.<br /> '''Don Camillo''': Ti sei mangiato un carro armato?!<br /> '''Spiccio''': E non lo digerisco! È un panzer tedesco, roba vecchia del '45, quando i tedeschi stavano scappando. Uno di quegli arnesi, mentre attraversava la strada per passare dal campo del Tasca si è rotto.<br /> '''Don Camillo''': E allora?<br /> '''Spiccio''': Eh... allora niente: sono scesi due tedeschi, hanno raggiunto l'aia del Tasca, hanno chiesto del vino e si sono ubriacati. E fu allora che il Tasca fece la fesseria!<br /> '''Don Camillo''': Cos'è, li ha fatti fuori?<br /> '''Spiccio''': No! In quel momento sulla strada passava una colonna di tedeschi in ritirata: Tasca ferma un camion, si rivolse a un sergente e gli disse che c'erano due dei loro ubriachi. Il sergente li prese, li buttò sul camion, e via.<br /> '''Don Camillo''': {{NDR|sorridendo}} Beh, eh, non capisco perché mi hai raccontato questa storia.<br /> '''Spiccio''': Perché... perché il carro armato sta ancora là, dove l'hanno lasciato i tedeschi, sotto la catasta delle fascine!<br /> '''Don Camillo''': Cosa?! ... E naturalmente dal '45 non ha mai trovato un momento per fare la denuncia alle autorità militari, eh?<br /> '''Spiccio''': Ma era un ricordo...<br /> '''Don Camillo''': Un ciondolino!<br /> '''Spiccio''': Eh poi ci si è messa di mezzo la politica e allora noi abbiamo pensato che quella cosetta poteva far comodo in certi momenti...<br /> '''Don Camillo''': Gesù ma lo sentite? Proprio a me me lo viene a confessare!<br /> '''Spiccio''': E da chi volete che mi confessi, dal veterinario? Siete voi il curato, no?<br /> '''Don Camillo''': Sì, ma ricordati che sono anche un medio-massimo!
 
*'''Don Camillo''': Poverino, ti è voluto qualche annetto per risvegliarti il rimorso, eh?<br /> '''Spiccio''': Ma che rimorso! Il fatto è che il Tasca non può lasciare il podere perché se va via e subentra qualcun altro e trova il carro armato... noi siamo rovinati!<br /> '''Don Camillo''': Ah ecco perché Peppone difende i mezzadri contro i proprietari... Eheh, è questa la sua giustizia sociale!<br /> '''Spiccio''': Reverendo non ho mica finito: c'è un'altra cosa che non mi va né su e né giù!<br /> '''Don Camillo''': Cosa... un sottomarino?<br /> '''Spiccio''': Reverendo! Tra poco arriveranno quelli della polizia con le autoblinde, e Peppone...<br /> '''Don Camillo''': E Peppone?<br /> '''Spiccio''': ...ha minato il ponte sul Canalaccio!
 
*{{NDR|Don Camillo ha appena impedito che Peppone facesse saltare in aria un ponte}}<br /> '''Peppone''': Non sapete cosa avete fatto, sono rovinato!<br /> '''Don Camillo''': Eri rovinato se il ponte saltava.<br /> '''Peppone''': Ma state zitto, cosa ne sapete dei fatti miei...<br /> '''Don Camillo''': ''Mo'' io so tutto: hai paura che la polizia scopra che sotto un mucchio di fascine c'è una colomba della pace {{NDR|riferendosi ad un carroarmato}} che invece di tubare spara!<br /> '''Peppone''': Ma non è vero, se il Tasca ha nascosto quel carro è stato solo per farne un trattore.<br /> '''Don Camillo''': Un trattore, sì, per gli orbi!
402

contributi