Differenze tra le versioni di "Antonio Genovesi"

m (Bot: migrazione automatica di 1 collegamento interwiki a Wikidata: d:Q602201)
*Mi piace che il giureconsulto sappia le lingue, sappia la [[storia]]: ma se non sarà filosofo riempirà i suoi commentari di ciarle. (da ''Discorso sopra il vero fine delle lettere e delle scienze'')
*Tutte le [[legge|leggi]] sono pezzi di [[filosofia]]. (da ''La logica per gli giovinetti'')
*L’[[amore]] è o animale, o razionale. L’amore animale ha tutti i fenomeni d’una febbretta, quando è nel suo aumento: frequenza ed espansione di polsi, palpitazioni di cuori più sensibili, inquietudine di tutta la macchina, deliri, sogni, guance rubiconde, ecc. E quando quest’amore tira a lungo senza conseguire il desiderato fine, genera i segni d’una febbre continuata per lungo tempo: inappetenza, lassezza, pallore, emaciamento, lentezza e bassezza di polsi, debolezza e vacillamento di testa, e delle volte una morte etica. Dunque l’amore ha la sua sede e cagion fisica nel diaframma, nel cuore e nel sangue. I primi moti di quest’amore sono dolcemente piacevoli per quelle momentanee e continuate pressioncine nascenti e cadenti in tempi cortissimi ed eguali, per la forza dell’immagine dell’oggetto amato. Ma continuando poi, le percosse divengono più forti e lunghe; ond’è che essendo le cadute momentanee, comincia a prevalere la premitura dolorosa, e con ciò la tristezza e la malinconia. Così anche un vento mediocre, se continua, prima increspa il mare, poi fa che ondeggi, e ultimamente tempesti. In fatti l’amore quando tira a lungo, se vi si mischia la disperazione di conseguire il bene che si ama, diventa, come nelle febbri acute, frenesia: e dove venga ad unirsi la gelosia, furore. (da ''Logica e metafisica'')
 
==''Lezioni di economia civile''==
Utente anonimo