Differenze tra le versioni di "Omeopatia"

835 byte rimossi ,  6 anni fa
voce cancellata
(voce cancellata)
*L'omeopata è l'umorista della professione medica. ([[Ambrose Bierce]])
*Prendete un ditale, riempitelo di un prodotto medicinale, versatelo nella Marna dal ponte di Charenton<ref>Il ponte di Charenton è un ponte sulla [[w:Marna (fiume)|Marna]], poco prima della confluenza del fiume con la [[w:Senna|Senna]], nel territorio del comune di [[w:Charenton-le-Pont|Charenton-le-Pont]] sito alla periferia sud-occidentale di Parigi.</ref>, poi andate con una cisterna a raccoglier l'acqua sotto il ponte Mirabeau<ref>Il ponte Mirabeau è un ponte sulla Senna che collega in Parigi ''rue de la Convention'', sulla riva sinistra del fiume, con ''Place de Barcelone'' sulla riva destra, ed è sito quindi fra il 15° ed 16° ''arrondissement'', quasi al termine della lunga ansa percorsa dalla Senna nella capitale francese, a parecchi chilometri di distanza perciò dal ponte di Charenton.</ref>. Avrete così alcune migliaia di litri di rimedio omeopatico. ([[Anonimo]])
*Se l'omeopatia non è un rimedio ma un principio, io allora questo principio potrei usarlo anche solo verbalmente. Cioè, se come ho tante volte constatato durante la mia esperienza di medico omeopata, la malattia è sempre, o quasi, di origine [[psicosomatica]], io potrei applicare la legge dei simili (curare il male con lo stesso male), che è alla base della medicina omeopatica, non con un preparato omeopatico, ma con le [[parole]]. Avevo altresì imparato che la malattia è un'espressione che non fa altro che rivelare in maniera metaforica un vissuto [[emozione|emozionale]], che ha portato alla [[malattia]] stessa. A questo punto pensai che avrei potuto fare omeopatia verbale se, sciogliendo la [[metafora]], avessi detto al paziente quale era il [[male]] morale che lo aveva portato alla malattia. ([[Gabriella Mereu]])
 
==Note==
28 285

contributi