Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

altre traduzioni
(altre traduzioni)
(altre traduzioni)
**''Allora ti ebbi cara non solo come il volgo l'amante, | ma come il padre ha cari i figli e i generi. | Ora ti conosco; perciò anche se brucio più forte | per me tuttavia hai meno valore e peso. | Com'è possibile? Chiedi. Perché, se ami, un torto così | ti fa amare di più ma voler bene meno.'' (1992, p. 153)
 
*''Gellius audierat patruum obiurgare solere, | si quis delicias diceret aut faceret. | Hoc ne ipsi accideret, patrui perdepsuit ipsam | uxorem et patruum reddidit Harpocratem. | Quod voluit fecit: nam, quamvis irrumet ipsum | nunc patruum, verbum non faciet patruus.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/74|LXXIV]], ''Lo zio reso muto'')
**''Gellio udì, che lo zio solea far chiasso, | s'ei dicesse o facesse un che di grasso. | A schivar questo, ei dello zio si prese | la moglie, e così Arpocrate lo rese. | L'intento ottenne; ed or convien che taccia | lo zio, quand'anche in bocca ei gliela faccia.'' ([[s:Le poesie di Catullo/74|LXXIV]])
**''Gellio aveva sentito che lo zio soleva indignarsi | se qualcuno parlava d'amore o lo faceva. | Per premunirsi ben bene, impastò lo moglie | dello zio e rese lo zio un vero Arpòcrate. | Ha ottenuto l'intento, ora lo infilasse in bocca | anche allo zio, lo zio non farà motto.'' (1992, p. 153)
**''Su chi erotiche cose dice o fa | lo zio di Gellio tuonava e rituonava. | Gellio sfuggì a ogni censura: | [[sesso anale|inculando]] la moglie dello zio | fece di lui la statua del Silenzio. | Inculasse anche lo zio | lo zio non fiaterebbe.''<ref group="fonte">Gaio Valerio Catullo, ''Le poesie'', Einaudi, Torino, 1969, p. 238.</ref>
 
*''Difficile est longum subito deponere amorem.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/76|LXXVI]], ''La preghiera estrema'' v. 13)
**''Ahi, ma un antico amor mai non avviene | sveller dal seno in un istante.'' ([[s:Le poesie di Catullo/76|LXXVI]], vv. 16-17)
**''È difficile deporre di colpo un antico amore.'' (1992, p. 155)
**''È difficile deporre d'improvviso un [[amore]] lungo.''<ref group="fonte">Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 26. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref>
[[Immagine:Catullus at Lesbia's by Sir Laurence Alma Tadema.jpg|miniatura|upright=1.4|''Catullo da Lesbia'' (L. Alma-Tameda, 1865)]]
*''Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. | Nescio, sed fieri sentio et excrucior.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/85|LXXXV]], ''Odio e amo'')
**''Odio ed amo. Com’èCom'è? chiedi. Nol so: | so ch'odio ed amo, e gran tormento n'ho.'' ([[s:Le poesie di Catullo/85|LXXXV]])
**''Odio e amo. Come posso farlo, forse mi chiedi. | Non so, ma sento che accade, ed è la mia croce.'' (1992, p. 161)
**''Odio e amo. Forse chiedi perché lo faccia. | Non lo so, ma sento e mi tormento.''<ref group="fonte">Citato in Guido Almansi, ''Il filosofo portatile'', TEA, 1991.</ref>
**''Odio e amo. Forse mi chiedi come io faccia. | Non lo so, ma sento che ciò accade, e mi tortura.''<ref group="fonte">Traduzione di Luca Canali.</ref>
**''Odio e amo. Perché questo io faccia forse domandi. | Non so; lo sento e mi torturo l'anima.''<ref group="fonte">Traduzione di Guido Vitali.</ref>
 
*''Nil nimium studeo, Caesar, tibi uellevelle placere, | nec scire utrum sis albus an ater homo.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/93|XCIII]])
**''D'andarti ai versi, o Cesare, non ho punto pensiero, | nè mi preme conoscere, se tu sii bianco o nero.'' ([[s:Le poesie di Catullo/93|XCIII]])
**''Andarti a genio, [[Gaio Giulio Cesare|Cesare]], non è la mia passione, | né di sapere se sei «bianco o nero».'' (2007)