Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

altre traduzioni
(altre traduzioni)
(altre traduzioni)
**''Al dolce poeta e mio compagno | Cecilio, vorrei, papiro, dicessi | di venire a Verona, abbandonando | le mura di Como e le sponde | del Lario, perché voglio ascolti certe | fantasie di un suo amico e mio. | Perciò divorerà la via, se ha senno.'' (1992, p. 47)
 
*[...] ''eirenidet ghignaille. AdQuidquid ogniest, ubicumque eventoest, | checchèquodcumque egli facciaagit, renidet: hunc ovunquehabet vadamorbum, ei ghigna. | Èneque questo il suo — deboleelegantem, eut affèarbitror, nonneque troppo | bello ed urbanourbanum.'' ([[s:Lela:Carmina poesie di Catullo(Catullus)/39|XXXIX]], ''Il sorriso di Egnazio'', vv. 56-8)
:**[...] ''renidetei illeghigna. QuidquidAd est, ubicumqueogni estevento, | quodcumquechecchè agitegli faccia, renidet: huncovunque habet morbumvada, ei ghigna. | nequeÈ elegantemquesto il suo — debole, ute arbitroraffè, nequenon urbanumtroppo | bello ed urbano.'' ([[s:la:CarminaLe (Catullus)poesie di Catullo/39|XXXIX]], vv. 65-8)
**[...] ''lui [[sorriso|sorride]]. In ogni occasione e luogo, | qualunque cosa faccia, sorride: una mania, | penso, non conforme al buon gusto né civile.'' (1992, p. 53)
 
*[...] ''risu inepto res ineptior nulla est.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/39|XXXIX]], ''Il sorriso di Egnazio'', v. 16)
**''Celio, la nostra Lesbia, quella, | quella Lesbia, che, sola, Catullo | amò più di sè più di tutti i suoi, | ora per i quadrivi e gli angiporti, | spella i nipoti dell'inclito Remo.'' (1992, p. 71)
 
:*''Peliaco quondam prognatae uertice pinus | dicuntur liquidas Neptuni nasse per undas | phasidos ad fluctus et fines Aeeteos, | cum lecti iuuenes, Argiuae robora pubis, | auratam optantes Colchis auertere pellem | ausi sunt uada salsa cita decurrere puppi, | caerula uerrentes abiegnis aequora palmis.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/64|LXIV]], ''Nozze di Peleo e Teti'', v. 1-8)
**''Nati sul pelio giogo eran quei pini, | che primi (se di fede il grido è degno) | del Fasi ai flutti ed agli eètei fini | il nettunio varcâr liquido regno, | Quando, l'aureo a rapir vello a' Colchini | il fior de' prodi argivi, in agil legno, | osò, lungi scorrendo i gorghi amari, | sferzar con lignei remi i glauchi mari.'' ([[s:Le poesie di Catullo/64|LXIV]]; vv. 1-8)
:''Peliaco quondam prognatae uertice pinus | dicuntur liquidas Neptuni nasse per undas | phasidos ad fluctus et fines Aeeteos, | cum lecti iuuenes, Argiuae robora pubis, | auratam optantes Colchis auertere pellem | ausi sunt uada salsa cita decurrere puppi, | caerula uerrentes abiegnis aequora palmis.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/64|LXIV]], v. 1-8)
**''Un tempo pini generati in vetta al Pelio | nuotarono, si dice, sulle limpide onde di Nettuno | verso la corrente del Fasi e il paese di Eèta, | quando giovani scelti, fiore della gioventù argiva, | desiderosi di sottrarre ai Colchi il vello d'oro | osarono varcare le acque salse su veloce poppa, | spazzando le azzurre distese con pale d'abete.'' (1992, p. 103)
 
*[...] ''mulier cupido quod dicit amanti, | in vento et rapida scribere oportet aqua.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/70|LXX]], vv. 3-4)