Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

miglioro traduzione
m
(miglioro traduzione)
 
===Citazioni===
*''Vivamus, mea Lesbia, atque amemus.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/5|V]], ''Orgia di baci'', v. 1)
**''Godiamo, o Lesbia, mia Lesbia, amiamo.'' ([[s:Le poesie di Catullo/5|V]], v. 1)
**''Viviamo, mia Lesbia, e amiamoci.'' (1992, p. 9)
**''Viviamo, mia Lesbia, e amiamo.''<ref group="fonte">Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 22. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref>
 
*''TramontarSoles possonooccidere gliet astriredire e redirepossunt: | noinobis, quandocum ilsemel tenueoccidit raggiobrevis dileguasilux, | dobbiamnox est perpetua notteuna dormiredormienda.'' ([[s:Lela:Carmina poesie di Catullo(Catullus)/5|V]], ''Orgia di baci'', vv. 4-6)
:**''SolesTramontar occiderepossono etgli redireastri possunte redire: | nobisnoi, cumquando semelil occidittenue brevisraggio luxdileguasi, | nox estdobbiam perpetua unanotte dormiendadormire.'' ([[s:la:CarminaLe (Catullus)poesie di Catullo/5|V]], vv. 4-6)
**''I soli possono cadere e tornare; | per noi, quando la breve luce cade, | c'è il sonno di una notte senza fine.'' (1992, p. 9)
 
*''Da mi basia mille, deinde centum, | dein mille altera, dein secunda centum, | deinde usque altera mille, deinde centum, | dein, cum milia multa fecerimus, |conturbabimus illa, ne sciamus, | aut ne quis malus inuidere possit, | cum tantum sciat esse basiorum.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/5|V]], ''Orgia di baci'', vv. 7-14)
**''[[Bacio|Baciami]], baciami, vuo' che mi baci; | a cento scocchino, a mille piovano | qui su quest'avida bocca i tuoi baci. | E poi che il numero sfugge a noi stessi.'' ([[s:Le poesie di Catullo/5|V]], vv. 7-10)
**''Dammi mille baci, e dopo cento, | poi altri mille, poi ancora cento, | poi di fila altri mille, e dopo cento. | Poi, giunti a farne le migliori migliaia, | le confonderemo, per non saperle.'' (1992, p. 9)
**''[[Bacio|Baciami]] mille volte e ancora cento | poi nuovamente mille e ancora cento | e dopo ancora mille e dopo cento, | e poi confonderemo le migliaia | tutte insieme per non saperle mai, | perché nessun maligno porti male | sapendo quanti sono i nostri baci.'' (2007, vv. 7-13)
 
*''Lascia,Miser o Catullo — tristeCatulle, i sogni didesinas primaineptire, | eet quantoquod haiuides vistoperisse perditum perir, perduto estimaducas.'' ([[s:Lela:Carmina poesie di Catullo(Catullus)/8|VIII]], ''Catullo, resisti'', vv. 1-2)
:**''MiserLascia, Catulleo Catullo — triste, desinasi ineptiresogni di prima, | ete quodquanto uideshai perissevisto perditum ducasperir, perduto estima.'' ([[s:la:CarminaLe (Catullus)poesie di Catullo/8|VIII]], vv. 1-2)
**''Povero Catullo, basta vaneggiare, | e ciò che è perso, consideralo perso.'' (1992, p. 11)
 
*''Pedicabo ego vos et irrumabo, | Aureli pathice et cinaede Furi, | qui me ex uersiculis meis putastis, | quod sunt molliculi, parum pudicum. | Nam castum esse decet pium poetam | ipsum, uersiculos nihil necesse es.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/16|XVI]], vv. 1-6)