Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

+1
(distinzione note/fonti)
(+1)
**[...] ''chè nulla è sciocco — a par d'un sciocco riso.'' ([[s:Le poesie di Catullo/39|XXXIX]], v. 16)
**[...] ''nulla è più sciocco di un [[risata|sorriso]] sciocco.'' (1992, p. 53)
 
*''Caeli, Lesbia nostra, Lesbia illa, | illa Lesbia, quam Catullus unam | plus quam se atque suos amauit omnes, | nunc in quadriviis et angiportis | glubit magnanimi Remi nepotes.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/58|LVIII]], ''Degradazione'')
**''La Lesbia, o Celio, la Lesbia, sai, | quella che unica, più di me stesso, | più dei miei proprj parenti amai, | la nostra Lesbia, sì proprio quella, | pe' chiassi e i vicoli di Roma adesso | di Remo gl'incliti nepoti spella.'' ([[s:Le poesie di Catullo/58|LVIII]])
**''Celio, la nostra Lesbia, quella, | quella Lesbia, che, sola, Catullo | amò più di sè più di tutti i suoi, | ora per i quadrivi e gli angiporti, | spella i nipoti dell'inclito Remo.'' (1992, p. 71)
 
*''Nati sul pelio giogo eran quei pini, | che primi (se di fede il grido è degno) | del Fasi ai flutti ed agli eètei fini | il nettunio varcâr liquido regno, | Quando, l'aureo a rapir vello a' Colchini | il fior de' prodi argivi, in agil legno, | osò, lungi scorrendo i gorghi amari, | sferzar con lignei remi i glauchi mari.'' ([[s:Le poesie di Catullo/64|LXIV]]; vv. 1-8)