Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

+1
(traduzione migliore)
(+1)
**''Su chi erotiche cose dice o fa | lo zio di Gellio tuonava e rituonava. | Gellio sfuggì a ogni censura: | [[sesso anale|inculando]] la moglie dello zio | fece di lui la statua del Silenzio. | Inculasse anche lo zio | lo zio non fiaterebbe.''<ref>Gaio Valerio Catullo, ''Le poesie'', Einaudi, Torino, 1969, p. 238.</ref>
 
*''Huc est mens deducta tua mea, Lesbia, culpa, | atque ita se officio perdidit ipsa suo, | ut iam nec bene uelle queat tibi, si optuma fias, | nec desistere amare, omnia si facias.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/75|LXXV]], ''Non c'è via d'uscita'')
*''Difficile est longum subito deponere amorem.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/76|LXXVI]], v. 13)
**''Ora il mio cor per te ridotto è a tale, | ed ogni ufficio suo così perdè, | che a stimarti, anche fida, ahi più non vale, | e a spregiarti, anche rea, forte non è.'' ([[s:Le poesie di Catullo/87|LXXXVII]]<ref>In questa versione gli ultimi quattro versi del carme 87 corrispondono al carme 75.</ref>)
**''A tale l'animo è giunto per tua colpa, mia Lesbia, | e così s'è rovinato per serbare la fede, | che non può più volerti bene, se diventassi un modello, | né cessare di amarti se facessi di tutto.'' (1992, p. 155)
 
*''Difficile est longum subito deponere amorem.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/76|LXXVI]], ''La preghiera estrema'' v. 13)
**''Ahi, ma un antico amor mai non avviene | sveller dal seno in un istante.'' ([[s:Le poesie di Catullo/76|LXXVI]], vv. 16-17)
**''È difficile deporre d'improvviso un amore lungo.''<ref>Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 26. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref>