Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

traduzione migliore
(altra traduzione)
(traduzione migliore)
:''Poetae tenero, meo sodali | velim Caecilio, papyre, dicas | Veronam veniat, Novi relinquens | Comi moenia Lariumque litus. | Nam quasdam volo cogitationes | amici accipiat sui meique.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/35|XXXV]], vv. 1-7)
 
*[...] ''ei ghigna. Ad ogni evento, | checchè egli faccia, — ovunque vada, ei ghigna. | È questo il suo — debole, e affè, non troppo | bello ed urbano.'' ([[s:Le poesie di Catullo/39|XXXIX]], ''Il sorriso di Egnazio'', vv. 5-8)
:[...] ''renidet ille. Quidquid est, ubicumque est, | quodcumque agit, renidet: hunc habet morbum, | neque elegantem, ut arbitror, neque urbanum.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/39|XXXIX]], vv. 6-8)
 
*[...] ''chèrisu nullainepto ères scioccoineptior nulla a par d'un sciocco [[risata|riso]]est.'' ([[s:Lela:Carmina poesie di Catullo(Catullus)/39|XXXIX]], ''Il sorriso di Egnazio'', v. 16)
:**[...] ''risuchè ineptonulla resè ineptiorsciocco nulla esta par d'un sciocco riso.'' ([[s:la:CarminaLe (Catullus)poesie di Catullo/39|XXXIX]], v. 16)
**[...] ''nulla è più sciocco di un [[risata|sorriso]] sciocco.'' (1992, p. 53)
 
*''Nati sul pelio giogo eran quei pini, | che primi (se di fede il grido è degno) | del Fasi ai flutti ed agli eètei fini | il nettunio varcâr liquido regno, | Quando, l'aureo a rapir vello a' Colchini | il fior de' prodi argivi, in agil legno, | osò, lungi scorrendo i gorghi amari, | sferzar con lignei remi i glauchi mari.'' ([[s:Le poesie di Catullo/64|LXIV]]; vv. 1-8)
**''Ciò che una donna dice all'amante pieno di desiderio bisognerebbe scriverlo nel vento e nell'acqua corrente.''<ref>Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 24. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref>
 
*''Dilexit tum te non tantum ut uulgus amicam, | sed pater ut gnatos diligit et generos. | Nunc te cognoui: quare etsi impensius uror, | multo mi tamen es uilior et leuior. | Qui potis est? inquis. Quod amantem iniuria talis | cogit amare magis, sed bene uellevelle minus.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/72|LXXII]], ''Ora ti conosco'', vv. 3-8)
**''E allor t'amai, non come il volgo suole | l'amica, ma qual padre ama la prole. | Or ti conobbi, o Lesbia; e se ancor ardo, | pur son meno di te lieve e codardo. | Come mai? Chiedi. Ahi, se la stima muore, | le stesse infedeltà crescon l'amore!'' ([[s:Le poesie di Catullo/72|LXXII]]; vv. 3-8)
**''Allora ti ebbi cara non solo come il volgo l'amante, | ma come il padre ha cari i figli e i generi. | Ora ti conosco; perciò anche se brucio più forte | per me tuttavia hai meno valore e peso. | Com'è possibile? Chiedi. Perché, se ami, un torto così | ti fa amare di più ma voler bene meno.'' (1992, p. 153)