Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

**''Ma promesse di donna e giuramenti | scrivi in rapido fiume e affida ai venti.'' ([[s:Le poesie di Catullo/70|LXX]]; vv. 3-4)
**''Ciò che una donna dice all'amante pieno di desiderio bisognerebbe scriverlo nel vento e nell'acqua corrente.''<ref>Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 24. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref>
 
*''E allor t'amai, non come il volgo suole | l'amica, ma qual padre ama la prole. | Or ti conobbi, o Lesbia; e se ancor ardo, | pur son meno di te lieve e codardo. | Come mai? chiedi. Ahi, se la stima muore, | le stesse infedeltà crescon l'amore!'' ([[s:Le poesie di Catullo/72|LXXII]]; vv. 3-8)
:''Dilexit tum te non tantum ut uulgus amicam, | sed pater ut gnatos diligit et generos. | Nunc te cognoui: quare etsi impensius uror, | multo mi tamen es uilior et leuior. | Qui potis est? inquis. Quod amantem iniuria talis | cogit amare magis, sed bene uelle minus.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/72|LXXII]], vv. 3-8)
 
*''Gellius audierat patruum obiurgare solere, | si quis delicias diceret aut faceret. | Hoc ne ipsi accideret, patrui perdepsuit ipsam | uxorem et patruum reddidit Harpocratem. | Quod voluit fecit: nam, quamvis irrumet ipsum | nunc patruum, verbum non faciet patruus.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/74|LXXIV]])
 
*''In te, si in quemquam, dici pote, putide Victi, | id quod uerbosis dicitur et fatuis: | ista cum lingua, si usus veniat tibi, possis | culos et crepidas lingere carpatinas. | Si nos omnino uis omnes perdere, Victi, | Hiscas: omnino quod cupis efficies.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/98|XCVIII]])
**''Quanto suol dirsi a un grullo maldicente, | dir si può contro a te, Vezio fetente: | con una lingua tal puoi dei villani | ripulire le scarpe e i deretani. | O Vezio, vuoi finirmi in un momento? | Apri la bocca, ed otterrai l'intento. ([[s:Le poesie di Catullo/98|XCVIII]])
**''Quando fu detto mai di parolai e stronzi | si può dire di te, vezzoso Vezzio, | che questa [[lingua]] tua se ti conviene | lecca culi e scarpacce rusticane. | Se tu ci vuoi distruggere in un colpo | schiudi la bocca, Vezzio, è irresistibile.'' (2007)