Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

(adeguo explicit)
*''O Sirmione — o vago occhio di quante | isole e terre.'' ([[s:Le poesie di Catullo/31|XXXI]], vv. 1-2)
:''Paene insularum, Sirmio, insularumque Ocelle'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/31|XXXI]], vv. 1-2)
 
*''Io vo' che al tenero poeta, al mio | Cecilio, o lettera, tu dica, ch'io | bramo ch'ei lascisi dietro le spalle | Como e del Lario l'amena valle, e che, i propositi d'una persona | amica a intendere, venga a [[Verona]]. | Chè se l'antifona capisce, allora | sono certissimo, la via divora.'' ([[s:Le poesie di Catullo/35|XXXV]], vv. 1-7)
:''Poetae tenero, meo sodali | velim Caecilio, papyre, dicas | Veronam veniat, Novi relinquens | Comi moenia Lariumque litus. | Nam quasdam volo cogitationes | amici accipiat sui meique.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/35|XXXV]], vv. 1-7)
 
*[...] ''ei ghigna. Ad ogni evento, | checchè egli faccia, — ovunque vada, ei ghigna. | È questo il suo — debole, e affè, non troppo | bello ed urbano.'' ([[s:Le poesie di Catullo/39|XXXIX]], vv. 5-8)