Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

traduzioni
(sistemo)
(traduzioni)
===Citazioni===
*''Vivamus, mea Lesbia, atque amemus.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/5|V]], v. 1)
**''Godiamo, o Lesbia, mia Lesbia, amiamo.'' ([[s:Le poesie di Catullo/5|V]], v. 1)
**''Viviamo, mia Lesbia, e amiamo.''<ref>Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 22. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref>
 
**''Odio e amo. Perché questo io faccia forse domandi. | Non so; lo sento e mi torturo l'anima.''<ref>Traduzione di Guido Vitali.</ref>
 
*''Nil nimium studeo, Caesar, tibi uelle placere, | nec scire utrum sis albus an ater homo.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/93|XCIII]])
*''Andarti a genio, [[Gaio Giulio Cesare|Cesare]], non è la mia passione | Né di sapere se sei «bianco o nero».'' (93; 2007)
**''D'andarti ai versi, o Cesare, non ho punto pensiero, | nè mi preme conoscere, se tu sii bianco o nero.'' ([[s:Le poesie di Catullo/93|XCIII]])
*''Quando fu detto mai di parolai e stronzi | si può dire di te, vezzoso Vezzio, | che questa [[lingua]] tua se ti conviene | lecca culi e scarpacce rusticane. | Se tu ci vuoi distruggere in un colpo | schiudi la bocca, Vezzio, è irresistibile.'' (98; 2007)
**''Andarti a genio, [[Gaio Giulio Cesare|Cesare]], non è la mia passione, | di sapere se sei «bianco o nero».'' (93; 2007)
*''Il sogno, il [[desiderio]], contro ogni speranza appagato, | è la gioia dell'anima più vera. | Così anche a me tu dai una gioia più cara dell'oro, | tornando, Lesbia, quando più ti bramavo, | e ti bramavo senza sperare, e tu vieni da te, | per me. Giorno di privilegio questo.'' (107, vv. 1-7; 2007)
 
*''In te, si in quemquam, dici pote, putide Victi, | id quod uerbosis dicitur et fatuis: | ista cum lingua, si usus veniat tibi, possis | culos et crepidas lingere carpatinas. | Si nos omnino uis omnes perdere, Victi, | Hiscas: omnino quod cupis efficies.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/98|XCVIII]])
**''Quanto suol dirsi a un grullo maldicente, | dir si può contro a te, Vezio fetente: | con una lingua tal puoi dei villani | ripulire le scarpe e i deretani. | Vezio, vuoi finirmi in un momento? | Apri la bocca, ed otterrai l'intento. ([[s:Le poesie di Catullo/98|XCVIII]])
**''Quando fu detto mai di parolai e stronzi | si può dire di te, vezzoso Vezzio, | che questa [[lingua]] tua se ti conviene | lecca culi e scarpacce rusticane. | Se tu ci vuoi distruggere in un colpo | schiudi la bocca, Vezzio, è irresistibile.'' (98; 2007)
 
*''Si quicquam cupido optantique obtigit umquam | insperanti, hoc est gratum animo proprie. | Quare hoc est gratum nobis quoque, carius auro | quod te restituis, Lesbia, mi cupido. | Restituis cupido atque insperanti, ipsa refers te | nobis. O lucem candidiore nota!'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/107|CVII]], vv. 1-7)
**''Se ad uom che molto agogna e nulla spera | giunge gradito un improvviso bene, | più grato a me d'ogni ricchezza vera | il tuo ritorno, amata Lesbia, viene. | Io senza speme viveva in desio, | e tu ritorni, o Lesbia, all'amor mio; | al cupido mio cor tu fai ritorno; | oh più d'ogn'altro fortunato giorno!'' ([[s:Le poesie di Catullo/107|CVII]], vv. 1-8)
**''Il sogno, il [[desiderio]], contro ogni speranza appagato, | è la gioia dell'anima più vera. | Così anche a me tu dai una gioia più cara dell'oro, | tornando, Lesbia, quando più ti bramavo, | e ti bramavo senza sperare, e tu vieni da te, | per me. Giorno di privilegio questo.'' (107, vv. 1-7; 2007)
 
===[[Explicit]]===