Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

sistemo
(traduzione)
(sistemo)
 
*''Gellius audierat patruum obiurgare solere, | si quis delicias diceret aut faceret. | Hoc ne ipsi accideret, patrui perdepsuit ipsam | uxorem et patruum reddidit Harpocratem. | Quod voluit fecit: nam, quamvis irrumet ipsum | nunc patruum, verbum non faciet patruus.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/74|LXXIV]])
**''Gellio udì, che lo zio solea far chiasso, | s'ei dicesse o facesse un che di grasso. | A schivar questo, ei dello zio si prese | la moglie, e così Arpocrate lo rese. | L'intento ottenne; ed or convien che taccia | lo zio, quand'anche in bocca ei gliela faccia.'' ([[s:Le poesie di Catullo/6474|LXXIV]])
**''Su chi erotiche cose dice o fa | lo zio di Gellio tuonava e rituonava. | Gellio sfuggì a ogni censura: | [[sesso anale|inculando]] la moglie dello zio | fece di lui la statua del Silenzio. | Inculasse anche lo zio | lo zio non fiaterebbe.''<ref>Gaio Valerio Catullo, ''Le poesie'', Einaudi, Torino, 1969, p. 238.</ref>
 
*''Difficile est longum subito deponere amorem.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/76|LXXVI, ''ad deos'']], v. 13)
**''Ahi, ma un antico amor mai non avviene | sveller dal seno in un istante.'' ([[s:Le poesie di Catullo/76|LXXVI]], vv. 16-17)
:È difficile guarire di colpo d'un [[amore]] durato a lungo.{{da controllare|traduttore?}}
:**''È difficile deporre d'improvviso un amore lungo.''<ref>Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 26. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref>
 
*''Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. | Nescio, sed fieri sentio et excrucior.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/85|LXXXV]])
**''Odio ed amo. Com’è? chiedi. Nol so: | so ch'odio ed amo, e gran tormento n'ho.'' ([[s:Le poesie di Catullo/85|LXXXV]])
:**''[[Odio]] e [[amore|amo]]. Forse chiedi perché lo faccia. | Non lo so, ma sento e mi tormento.''<ref>Citato in Guido Almansi, ''Il filosofo portatile'', TEA, 1991.</ref>
:**''Odio e amo. Forse mi chiedi come io faccia. | Non lo so, ma sento che ciò accade, e mi tortura.''<ref>Traduzione di Luca Canali.</ref>
:**''Io odio e amo. "Come fai?" mi chiedi. | Non lo so. Ma lo sento, e sono in croce.''<ref>Traduzione di Franco Caviglia.</ref>
:**''Odio e amo. | Come sia non so dire. | Ma tu mi vedi qui crocifisso | Al mio odio e al mio amore.''<ref>Citato in Nicola Flocchini, Piera Guidotti Bacci, ''Il libro degli autori. Antologia di scrittori latini'', Bompiani, Milano, 1989.</ref>
:**''Io [[odio]] e [[amore|amo]]; forse chiederai | come questo può essere. Non so, | ma sento che è così: sento e ne soffro.''<ref>Traduzione di Enzio Cetrangolo.</ref>
:**''Odio e amo. Perché mai, tu mi chiedi. | Non so. Ma sento che è così, ed è un tormento.''<ref>Traduzione di Gioachino Chiarini.</ref>
:**''Odio e amo. Forse mi chiedi come io faccia. | Non so ma sento che questo mi accade: qui è la mia croce.''<ref>Catullo, ''Poesie'', a cura di Francesco Della Corte, Mondadori, Milano, 2007.</ref>
:**''Io odio e amo. Ma come, dirai. Non lo so, | sento che avviene e che è la mia tortura.''<ref>Citato in Enzo Mandruzzato, ''Catullo: Canti'', Rizzoli, Milano, 2007.</ref>
:**''Odio e amo. Tu non mi chiedere. | Come non so, ma sento questa pena.''<ref>Citato in Italo Mariotti, ''Da Saffo a Ovidio'', Manni Editori, 2001.</ref>
:**''I' t'odio e tt'amo, e saccio amaro 'o ddoce. | pe' cchesto stongo ccà, 'nchiuvato 'ncroce.''<ref>Traduzione di Amedeo Messina.</ref>
:**''L'odio e l'adoro. Perché ciò faccia, se forse mi chiedi, | io, nol so: ben so tutta la pena che n'ho.''<ref>Citato in Giovanni Pascoli, ''Odio e amore'', in ''Traduzioni e riduzioni'', a cura di Maria Pascoli, Zanichelli, Bologna, 1913.</ref>
:**''Odio e amo. Perché io faccia così, forse t'interessa sapere. | Non lo so. Ma sento che così è, e sono in croce.''<ref>Traduzione di Giovanni Battista Pighi.</ref>
:**''Odio e amo. Forse chiederai come sia possibile; | non so, ma è proprio così, e mi tormento.''<ref>Citato in Salvatore Quasimodo, ''Catullo: Canti'', Mondadori, Milano, 1988.</ref>
:**''Odio e amo. Me ne chiedi la ragione? | Non so, così accade e mi tormento.''<ref>Citato in Mario Ramous, ''Gaio Valerio Catullo: Le Poesie'', Garzanti, Milano, 1989.</ref>
:**''Odio e amo. Mi chiedi come si può. | Lo sa il mio cuore crocifisso. Io non lo so.''<ref>Citato in Tiziano Rizzo, ''Catullo: Le poesie – Carmina'', Newton Compton Editori, Roma, 1992.</ref>
:**''Odio e amo. Perché questo io faccia forse domandi. | Non so; lo sento e mi torturo l'anima.''<ref>Traduzione di Guido Vitali.</ref>
 
*''Andarti a genio, [[Gaio Giulio Cesare|Cesare]], non è la mia passione | Né di sapere se sei «bianco o nero».'' (93; 2007)
*''Quando fu detto mai di parolai e stronzi | si può dire di te, vezzoso Vezzio, | che questa [[lingua]] tua se ti conviene | lecca culi e scarpacce rusticane. | Se tu ci vuoi distruggere in un colpo | schiudi la bocca, Vezzio, è irresistibile.'' (98; 2007)
*''Il sogno, il [[desiderio]], contro ogni speranza appagato, | è la gioia dell'anima più vera. | Così anche a me tu dai una gioia più cara dell'oro, | tornando, Lesbia, quando più ti bramavo, | e ti bramavo senza sperare, e tu vieni da te, | per me. Giorno di privilegio questo.'' (107, vv. 1-7; 2007)
 
====''Odi et amo''====
''Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. | Nescio, sed fieri sentio et excrucior.'' (LXXXV)
:''[[Odio]] e [[amore|amo]]. Forse chiedi perché lo faccia. | Non lo so, ma sento e mi tormento.''<ref>Citato in Guido Almansi, ''Il filosofo portatile'', TEA, 1991.</ref>
:''Odio e amo. Forse mi chiedi come io faccia. | Non lo so, ma sento che ciò accade, e mi tortura.''<ref>Traduzione di Luca Canali.</ref>
:''Io odio e amo. "Come fai?" mi chiedi. | Non lo so. Ma lo sento, e sono in croce.''<ref>Traduzione di Franco Caviglia.</ref>
:''Odio e amo. | Come sia non so dire. | Ma tu mi vedi qui crocifisso | Al mio odio e al mio amore.''<ref>Citato in Nicola Flocchini, Piera Guidotti Bacci, ''Il libro degli autori. Antologia di scrittori latini'', Bompiani, Milano, 1989.</ref>
:''Io odio e amo; forse chiederai | come questo può essere. Non so, | ma sento che è così: sento e ne soffro.''<ref>Traduzione di Enzio Cetrangolo.</ref>
:''Odio e amo. Perché mai, tu mi chiedi. | Non so. Ma sento che è così, ed è un tormento.''<ref>Traduzione di Gioachino Chiarini.</ref>
:''Odio e amo. Forse mi chiedi come io faccia. | Non so ma sento che questo mi accade: qui è la mia croce.''<ref>Catullo, ''Poesie'', a cura di Francesco Della Corte, Mondadori, Milano, 2007.</ref>
:''Io odio e amo. Ma come, dirai. Non lo so, | sento che avviene e che è la mia tortura.''<ref>Citato in Enzo Mandruzzato, ''Catullo: Canti'', Rizzoli, Milano, 2007.</ref>
:''Odio e amo. Tu non mi chiedere. | Come non so, ma sento questa pena.''<ref>Citato in Italo Mariotti, ''Da Saffo a Ovidio'', Manni Editori, 2001.</ref>
:''I' t'odio e tt'amo, e saccio amaro 'o ddoce. | pe' cchesto stongo ccà, 'nchiuvato 'ncroce.''<ref>Traduzione di Amedeo Messina.</ref>
:''L'odio e l'adoro. Perché ciò faccia, se forse mi chiedi, | io, nol so: ben so tutta la pena che n'ho.''<ref>Citato in Giovanni Pascoli, ''Odio e amore'', in ''Traduzioni e riduzioni'', a cura di Maria Pascoli, Zanichelli, Bologna, 1913.</ref>
:''Odio e amo. Perché io faccia così, forse t'interessa sapere. | Non lo so. Ma sento che così è, e sono in croce.''<ref>Traduzione di Giovanni Battista Pighi.</ref>
:''Odio e amo. Forse chiederai come sia possibile; | non so, ma è proprio così, e mi tormento.''<ref>Citato in Salvatore Quasimodo, ''Catullo: Canti'', Mondadori, Milano, 1988.</ref>
:''Odio e amo. Me ne chiedi la ragione? | Non so, così accade e mi tormento.''<ref>Citato in Mario Ramous, ''Gaio Valerio Catullo: Le Poesie'', Garzanti, Milano, 1989.</ref>
:''Odio e amo. Mi chiedi come si può. | Lo sa il mio cuore crocifisso. Io non lo so.''<ref>Citato in Tiziano Rizzo, ''Catullo: Le poesie – Carmina'', Newton Compton Editori, Roma, 1992.</ref>
:''Odio e amo. Perché questo io faccia forse domandi. | Non so; lo sento e mi torturo l'anima.''<ref>Traduzione di Guido Vitali.</ref>
 
===[[Explicit]]===