Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

traduzione
(traduzione)
:''Peliaco quondam prognatae uertice pinus | dicuntur liquidas Neptuni nasse per undas | phasidos ad fluctus et fines Aeeteos, | cum lecti iuuenes, Argiuae robora pubis, | auratam optantes Colchis auertere pellem | ausi sunt uada salsa cita decurrere puppi, | caerula uerrentes abiegnis aequora palmis.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/64|LXIV]], v. 1-8)
 
:*[...] ''Muliermulier cupido quod dicit amanti, | in vento et rapida scribere oportet aqua.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/70|LXX]], vv. 3-4)
*Ciò che una donna dice all'amante pieno di desiderio bisognerebbe scriverlo nel vento e nell'acqua corrente.<ref>Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 24. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref> (LXX, vv. 3-4)
**''Ma promesse di donna e giuramenti | scrivi in rapido fiume e affida ai venti.'' ([[s:Le poesie di Catullo/70|LXX]]; vv. 3-4)
:''Mulier cupido quod dicit amanti, in vento et rapida scribere oportet aqua.''
**''Ciò che una donna dice all'amante pieno di desiderio bisognerebbe scriverlo nel vento e nell'acqua corrente.''<ref>Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 24. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref> (LXX, vv. 3-4)
 
*''Gellius audierat patruum obiurgare solere, | si quis delicias diceret aut faceret. | Hoc ne ipsi accideret, patrui perdepsuit ipsam | uxorem et patruum reddidit Harpocratem. | Quod voluit fecit: nam, quamvis irrumet ipsum | nunc patruum, verbum non faciet patruus.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/74|LXXIV]])
*''Su chi erotiche cose dice o fa | lo zio di Gellio tuonava e rituonava. | Gellio sfuggì a ogni censura: | [[sesso anale|inculando]] la moglie dello zio | fece di lui la statua del Silenzio. | Inculasse anche lo zio | lo zio non fiaterebbe.'' (74; da ''Le poesie'', Einaudi, Torino, 1969, p. 238)
**''Gellio udì, che lo zio solea far chiasso, | s'ei dicesse o facesse un che di grasso. | A schivar questo, ei dello zio si prese | la moglie, e così Arpocrate lo rese. | L'intento ottenne; ed or convien che taccia | lo zio, quand'anche in bocca ei gliela faccia.'' ([[s:Le poesie di Catullo/64|LXXIV]])
**''Su chi erotiche cose dice o fa | lo zio di Gellio tuonava e rituonava. | Gellio sfuggì a ogni censura: | [[sesso anale|inculando]] la moglie dello zio | fece di lui la statua del Silenzio. | Inculasse anche lo zio | lo zio non fiaterebbe.''<ref>Gaio (74;Valerio daCatullo, ''Le poesie'', Einaudi, Torino, 1969, p. 238).</ref>
 
*''Difficile est longum subito deponere amorem.'' (LXXVI, ''ad deos'', v. 13)