Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

traduzione, riordino
m (probabilmente più chiaro)
(traduzione, riordino)
:''Paene insularum, Sirmio, insularumque Ocelle'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/31|XXXI]], vv. 1-2)
 
*[...] ''Eiei ghigna. Ad ogni evento, | checchè egli faccia, — ovunque vada, ei ghigna. | È questo il suo — debole, e affè, non troppo | bello ed urbano.'' ([[s:Le poesie di Catullo/39|XXXIX]], vv. 5-8)
:[...] ''renidet ille. Quidquid est, ubicumque est, | quodcumque agit, renidet: hunc habet morbum, | neque elegantem, ut arbitror, neque urbanum.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/39|XXXIX]], vv. 6-8)
 
*[...] ''Nullachè nulla è più sciocco di a par d'un sciocco [[ridererisata|riso]] da sciocchi.''{{da controllare|traduttore?}} (XXXIX,[[s:Le ''adpoesie Egnatium''di Catullo/39|XXXIX]], v. 16)
:[...] ''risu inepto res ineptior nulla est.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/39|XXXIX]], v. 16)
 
*''Pini già un tempo nati al Pelio in vetta | Fama è che a nuoto per le liquide onde | Nettunie al Fasi andaro e a' lidi Etei, | Allorché degli Argivi il miglior nerbo, | Gioventù scelta, per rapire a' Clochi | L'aurato vello soò per' salsi guadi | Ir su ratto vascel con abetini | Remi sferzando i gran cerulei piani.'' (LXIV; vv. 1-8, ''Poemetto sul maritaggio di Peleo e di Teti''; 1808)
*''Cosa di più desiderabile può essere donato dagli dei che un'ora fortunata?''{{da controllare|traduttore?}} (LXII, ''exametrum carmen nuptiale'', v. 30)
:''Quid datur a divis felici optatius hora?''
 
*''Nati sul pelio giogo eran quei pini, | che primi (se di fede il grido è degno) | del Fasi ai flutti ed agli eètei fini | il nettunio varcâr liquido regno, | Quando, l'aureo a rapir vello a' Colchini | il fior de' prodi argivi, in agil legno, | osò, lungi scorrendo i gorghi amari, | sferzar con lignei remi i glauchi mari.'' ([[s:Le poesie di Catullo/64|LXIV]]; vv. 1-8)
:Peliaco quondam prognatae uertice pinus | dicuntur liquidas Neptuni nasse per undas | phasidos ad fluctus et fines Aeeteos, | cum lecti iuuenes, Argiuae robora pubis, | auratam optantes Colchis auertere pellem | ausi sunt uada salsa cita decurrere puppi, | caerula uerrentes abiegnis aequora palmis.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/64|LXIV]], v. 1-8)
 
*Ciò che una donna dice all'amante pieno di desiderio bisognerebbe scriverlo nel vento e nell'acqua corrente.<ref>Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 24. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref> (LXX, vv. 3-4)
==Bibliografia==
*Catullo, ''I Canti'', introduzione e note di Alfonso Traina, traduzione di Enzo Mandruzzato, BUR, 2007.
*Catullo, ''Poemetto sul maritaggio di Peleo e di Teti'', traduzione di Giuseppe Maria Pagnini, in "Collezione d'opuscoli scientifici e letterarj ed estratti d'opere interessanti", Vol. V-VI, stamperia di Borgo Ognissanti, Firenze, 1808.
*Gaio Valerio Catullo, ''[[s:Le poesie di Catullo|Le poesie di Catullo]]'', tradotte da Mario Rapisardi, Luigi Pierro, Napoli, 1889.