Differenze tra le versioni di "Gaio Valerio Catullo"

sistemo
(→‎Citazioni: sistemo)
(sistemo)
 
===Citazioni===
*''Vivamus, mea Lesbia, atque amemus.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/5|V]], v. 1)
*:''Godiamo, o Lesbia, mia Lesbia, amiamo.'' ([[s:Le poesie di Catullo/5|V]], v. 1)<br />''Viviamo, mia Lesbia, e amiamo.''<ref>Citato in Paola Mastellaro, ''Il libro delle citazioni latine e greche'', Mondadori, Milano, 2012, p. 22. ISBN 978-88-04-47133-2.</ref>
 
*''Tramontar possono gli astri e redire: | noi, quando il tenue raggio dileguasi, | dobbiam perpetua notte dormire.'' ([[s:Le poesie di Catullo/5|V]], vv. 4-6)
:''Soles occidere et redire possunt: | nobis, cum semel occidit brevis lux, | nox est perpetua una dormienda.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/5|V]], vv. 4-6)
 
*''Da mi basia mille, deinde centum, | dein mille altera, dein secunda centum, | deinde usque altera mille, deinde centum, | dein, cum milia multa fecerimus, |conturbabimus illa, ne sciamus, | aut ne quis malus inuidere possit, | cum tantum sciat esse basiorum.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/5|V]], vv. 7-14)
*:''[[Bacio|Baciami]], baciami, vuo' che mi baci; | a cento scocchino, a mille piovano | qui su quest'avida bocca i tuoi baci. | E poi che il numero sfugge a noi stessi.'' ([[s:Le poesie di Catullo/5|V]], vv. 7-10)<br />''[[Bacio|Baciami]] mille volte e ancora cento | poi nuovamente mille e ancora cento | e dopo ancora mille e dopo cento, | e poi confonderemo le migliaia | tutte insieme per non saperle mai, | perché nessun maligno porti male | sapendo quanti sono i nostri baci.'' (2007, vv. 7-13)
 
*''Lascia, o Catullo — triste, i sogni di prima, | e quanto hai visto — perir, perduto estima.'' ([[s:Le poesie di Catullo/8|VIII]], vv. 1-2)
:''Miser Catulle, desinas ineptire, | et quod videsuides perisse perditum ducas.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/8|VIII]], vv. 1-2)
 
*''Pedicabo ego vos et irrumabo, | Aureli pathice et cinaede Furi, | qui me ex uersiculis meis putastis, | quod sunt molliculi, parum pudicum. | Nam castum esse decet pium poetam | ipsum, uersiculos nihil necesse es.'' ([[s:la:Carmina (Catullus)/16|XVI]], vv. 1-6)
:''Or sì, che v’empio forziere e cassa, | finocchio Aurelio, Furio bardassa, | che troppo morbido mi giudicaste | dalle mie pagine non troppo caste. | dee pura e candida l'anima aversi: | posson non essere pudichi i versi.'' ([[s:Le poesie di Catullo/16|XVI]], vv. 1-6)<br />''Io a voi lo metto in culo e in bocca | Aurelio frocio e Furio pederasta | voi che avete dedotto dai miei versi | niente austeri che sono niente casto. | Il sacro vate deve essere onesto, | senza obbligo che i versi anche lo siano.'' (2007)<br />''Conviene al [[poeta]] ch'egli stesso sia casto e pio, ma non occorre che tali siano i suoi versi.'' (XVI, 5-6<ref>Citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Chi l'ha detto?|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. [[s:Pagina:Chi l'ha detto.djvu/631#c1805|599]].</ref>)
 
*''Misero Catullo, smetti di vaneggiare, | e dai per perso quello che ben vedi perduto.''{{da controllare|traduttore?}} (VIII, ''ad se ipsum'', vv. 1-2)
:''Miser Catulle, desinas ineptire, | et quod vides perisse perditum ducas.''
*''Io a voi lo metto in culo e in bocca | Aurelio frocio e Furio pederasta | voi che avete dedotto dai miei versi | niente austeri che sono niente casto. | Il sacro vate deve essere onesto, | senza obbligo che i versi anche lo siano.'' (16, vv. 1-6; 2007)
:Conviene al [[poeta]] ch'egli stesso sia casto e pio, ma non occorre che tali siano i suoi versi. (XVI, 5-6; citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Chi l'ha detto?|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. [[s:Pagina:Chi l'ha detto.djvu/631#c1805|599]])
:''Castum esse decet pium poetam | Ipsum: versiculos nihil necesse est''.
*O Sirmione, occhio di tutte le penisole e isole. (XXXI)
:''Peninsularum Sirmio insularumque Ocelle''.