Differenze tra le versioni di "V for Vendetta"

1 880 byte aggiunti ,  6 anni fa
 
===Capitolo 3, ''Varie Valentine''===
*'''Dominic''': "Le rose sono rosse, le viole sono blu, tutto è possibile ma nulla è vero." Sembrano delle lettere d'amore,. chiChi le ha spedite? <br> '''Creedy''': Scoprirlo è affar suo. [...]I miei ausiliari civili le hanno trovate addosso a degli sfaccendati arrestati stamattina. <br> '''Dominic''': "Amo la pioggia, amo la luna, amo il vento e le stelle... Vorrei venirti a trovare presto e baciarti attraverso le sbarre." Cosa vorrà dire?<br> '''Creedy''':Opera Vuoldi direun guai,matto. figlioloIl [...].<br>'''Dominic''':paese "Tista amoperdendo la bussola. Malo perchésa maiche amarea laManchester [[legge]]?ci Losono sannodei tuttidisordini cheper èil unacibo? puttana...E Letutto personeper virtuoseun laerrore schivano,del idannato malvagicomputer! se<br> la'''Dominic''': fottono"...Vorrei venirti a trovare presto e poibaciarti laattraverso ignoranole sbarre." Ah,Cosa buonavorrà questa,dire? conosce<br> la'''Creedy''': stradaVuol dire guai, vero?figliolo.
 
*''Ama la tua rabbia e non la tua gabbia.'' {{NDR|in un foglietto}}
*"Ti amo, ma perché mai amare la [[legge]]? Lo sanno tutti che è una puttana... Le persone virtuose la schivano, i malvagi se la fottono e poi la ignorano." Ah, buona questa, conosce la strada, vero? ('''Dominic''')
*'''Rosemary''': Non dormo più perché voglio giustizia. Voglio che tutto il mondo sappia che non è giusto. Non riesco a dormire perché ho la pistola sotto il cuscino.
 
*'''V''': Povero domino. Tanto tempo per costruire il tuo grazioso impero e adesso con uno schiocco di dita della storia crolla tutto.
*{{NDR|In un foglietto}} ''Ama la tua rabbia e non la tua gabbia.'' {{NDR|in un foglietto}}('''V''')
*''Hai un amor meccanico, mi dici, che ti sazia di amore e miele, ma ho letto tutte le sue matrici e ho scoperto che ti è infedele.'' {{NDR|foglio volante}}
 
*'''V''': Ecco i pezzi qui schierati, in una perfetta linea. Completo. Si può afferrare infine il disegno. L'importanza loro. Pur se il riconoscimento è stato ritardato nella sua tortuosa e labirintica costruzione ora alla vista lo schema emerge. Non è sublime? Non è semplice, ed elegante, e rigoroso? Che strano che, dopo la fatica dei preparativi, occorra solo poco sforzo e meno ancor pensiero a innescare questo breve svago nella sua precipitosa corsa. Un solo tocco e null'altro... ...E cadrà tutto al suo posto. Ma i pezzi percepiscono quanto noi il danno a cui tenta la loro disposizione: quelle code flemmatiche, rispettose della legge, cariche di catastrofe, ignare di fronte all'onda scatenata dal crudele fato. Son colpiti più degli altri, ma comprendono di meno... ...E la comprensione, quando giunge, immancabilmente arriva tardi. Non sapranno che non va qualcosa fino a quando non saran coinvolti in quell'orribil slancio, forse anche lo scambieranno per un'azione ardita e decisiva, un'ultima ripresa a distogliere il disastro, ed alla carica così andranno... {{NDR|V sistema ancora una tessera del domino}}...Ma non sarà una carica. Solo una caduta. Ecco... Vedi? Dritti in piedi coi numeri su quei volti spenti, scialbi, indifferenti, Norimberga in miniatura, fila d'uomini di legno tinto... Poveri miei piccoli. Povere tessere del domino. Quanto c'è voluto a costruire il vostro elegante impero e ora, allo schioccar di dita della storia... Ora cade. {{NDR|V tocca la prima tessera.}}
*'''Rosemary''': Non dormo più perché voglio giustizia. Voglio che tutto il mondo sappia che non è giusto.... Non riesco a dormire perché ho la pistola sotto il cuscino. ('''Rosemary''')
 
*I pezzi sono perfettamente allineati di fronte a me. Ora si può finalmente cogliere lo schema, il significato recondito... ma "quasi finito"? Sì. Sì, immagino di sì. Anche se la complessità della realizzazione l'ha resa a lungo indecifrabile, ora la segreta immagine balza all'occhio. Non è benna? Non è semplice, elegante, austera? Strano che dopo la lunga fatica della preparazione non occorrano nè lo sforzo, nè la concentrazione per mettere furiosamente e rovinosamente in moto questo effimero, complicato giocattolo. Niente altro che un tocco lievissimo... e tutto va al suo posto. I pezzi non comprendono quali dispetti la loro disposizione invita: queste stolide file timorate così gravide di catastrofe, ignare al cospetto dell'V'ondata così presto scatenata da un fato crudele. Essere tanto compiti, e capire così poco... e la comprensione, quando arriva, arriva invariabilmente troppo tardi. E certo non capiranno che qualcosa non va finchè non saranno in balia del terribile sommovimento, e forse sulle prime lo prenderanno per un'audace azione risolutrice, per un'estrema resistenza per scongiurare il disastro, per uan cairca alla riscossa... e invece non andranno alla carica. Cadranno. Ecco...Li vedi? In piei con i numeri sulle facce vauce e indifferenti, una Norimberga in miniatura, le schiere dei manichini... poveri piccoli. Povero domino. Tanto tempo per costruire il tuo grazioso impero e adesso con uno schiocco delle dita della storia... crolla tutto. <ref>Una traduzione diversa è: "Ecco i pezzi qui schierati, in una perfetta linea. Completo. Si può afferrare infine il disegno. L'importanza loro. Pur se il riconoscimento è stato ritardato nella sua tortuosa e labirintica costruzione ora alla vista lo schema emerge. Non è sublime? Non è semplice, ed elegante, e rigoroso? Che strano che, dopo la fatica dei preparativi, occorra solo poco sforzo e meno ancor pensiero a innescare questo breve svago nella sua precipitosa corsa. Un solo tocco e null'altro... ...E cadrà tutto al suo posto. Ma i pezzi percepiscono quanto noi il danno a cui tenta la loro disposizione: quelle code flemmatiche, rispettose della legge, cariche di catastrofe, ignare di fronte all'onda scatenata dal crudele fato. Son colpiti più degli altri, ma comprendono di meno... ...E la comprensione, quando giunge, immancabilmente arriva tardi. Non sapranno che non va qualcosa fino a quando non saran coinvolti in quell'orribil slancio, forse anche lo scambieranno per un'azione ardita e decisiva, un'ultima ripresa a distogliere il disastro, ed alla carica così andranno... {{NDR|V sistema ancora una tessera del domino}}...Ma non sarà una carica. Solo una caduta. Ecco... Vedi? Dritti in piedi coi numeri su quei volti spenti, scialbi, indifferenti, Norimberga in miniatura, fila d'uomini di legno tinto... Poveri miei piccoli. Povere tessere del domino. Quanto c'è voluto a costruire il vostro elegante impero e ora, allo schioccar di dita della storia... Ora cade. {{NDR|V tocca la prima tessera.}}"</ref> ('''V''')
 
*{{NDR|In un foglietto}} ''Dici di avere un'amore meccanico che ti nutre e si prende cura di te, ma io ho letto i suoi diari e so che non ti è fedele.'' <ref>Una traduzione differente è:''Hai un amor meccanico, mi dici, che ti sazia di amore e miele, ma ho letto tutte le sue matrici e ho scoperto che ti è infedele.''</ref> ('''V''')
 
===Capitolo 4, ''Vestigia''===