Differenze tra le versioni di "Karen Blixen"

862 byte aggiunti ,  6 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Bot: removing existed iw links in Wikidata)
*Che cos'è l'[[uomo]], quando ci pensi, se non una macchina complicata e ingegnosa per trasformare, con sapienza infinita, il rosso vino di Shiraz in orina? (da ''Sette storie gotiche'')
*I giorni furono difficili, ma le [[Notte|notti]] furono dolci. (citato in Vanni Beltrami, ''Breviario per nomadi'', Voland)
 
===Attribuite===
*Ogni pena può essere sopportata se la si narra, o se ne fa una storia.<ref>Citato in [[Hannah Arendt]], ''Vita activa. La condizione umana'', a cura di Alessandro Dal Lago, Bompiani, 2012.</ref>
:La citazione è tratta dall'intervista di Bent Mohn, ''Talk With Isak Dinesen''<ref>Uno degli pseudonimi di Karen Blixen.</ref>, ''The New York Times Book Review'', 3 novembre 1957, p. 284; l'autrice riporta, tuttavia, il pensiero di un amico: «''I am not a novelist, really not even a writer; I am a storyteller. One of my friends said about me that I think all sorrows can be borne if you put them into a story or tell a story about them, and perhaps this is not entirely untrue. To me, the explanation of life seems to be its melody, its pattern. And I feel in life such an infinite, truly inconceivable fantasy''».
 
==''La mia Africa''==
==[[Incipit]] di ''Il pranzo di Babette''==
In [[Norvegia]] c'è un fiordo – un braccio di mare lungo e chiuso tra alte montagne – che si chiama Berlevaag Fjord. Ai piedi di quelle montagne il paese di Berlevaag sembra un paese in miniatura, composto da casine di grigio, di giallo, di rosa e di tanti altri colori.<br>Settantacinque anni fa, in una delle casine gialle, vivevano due anziane signore. A quell'epoca altre signore portavano il busto, e le due sorelle avrebbero potuto portarlo con altrettanta grazia, perché erano alte e flessuose. Ma non avevano mai posseduto un oggetto di moda, e per tutta la vita si erano vestite dimessamente, di grigio o di nero. Erano state battezzate col nome di Martina e Filippa, in onore di [[Martin Lutero|Lutero]] e del suo amico Filippo Melantone.
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==
42 716

contributi