Differenze tra le versioni di "Gaio Lucilio"

m
nessun oggetto della modifica
(wikificata)
m
===Libro incerto===
 
*Ora dalla [[mattina]] presto a tarda [[notte]], nei [[giorno|giorni]] di festa e di [[lavoro]], tutto il [[popolo]] e i senatori, senza distinzione, si agitano per il fòro, e non se ne vanno mai; tutti si sono dedicati a un'unica [[attività]], a un'unica [[arte]]: riuscire a imbrogliarsi senza darlo a vedere, combattersi con la [[inganno|frode]], gareggiare in [[complimento|complimenti]], fingersi galantuomini, tendersi trabocchetti, come se fossero tutti [[nemico|nemici]] l'uno dell'altro. (2005)
:''Nunc vero a mani ad noctem, festo atque profesto,<br />totus item pariterque die populusque patresque<br />iactare indu foro se omnes, decedere nusquam,<br />uni se atque eidem studio omnes dedere et arti,<br />verba dare ut caute possint, pugnare dolose,<br />blanditia certare, bonum simulare virum se,<br />insidias facere, ut si hostes sint omnibus omnes.''<ref>Cfr.: [[Thomas Hobbes]], ''De cive'', 1, 12.</ref> (1228-1234 Marx)