Differenze tra le versioni di "Elio Fiorucci"

nessun oggetto della modifica
m
'''Elio Fiorucci''' (1935 – vivente), imprenditore e stilista italiano.
 
*[...] ho, diciamo, da anni quest'idea che ci si debba sensibilizzare verso gli [[Animale|animali]], e volevo raccontare un episodio: [...] a Shanghai eravamo lì per la questione dell'Expo e c'era un gruppo di cuochi [...]; mi hanno visto e hanno detto: «Sentiamo cosa pensa Fiorucci della cucina». E io ho detto: «La [[cucina]] futura, vostra, sarà sempre in difficoltà se buttate le aragoste vive nell'acqua bollente e se chiudete le galline nelle gabbie, senza che abbiano commesso un delitto, di trenta centimetri». [...] Ho detto: «Bisognerebbe fare una cucina senza crudeltà», perché secondo me [...] durante la vita degli animali non possiamo renderli infelici.<ref>Dall'[http://www.lacoscienzadeglianimali.it/index.php/component/content/article/325-2-luglio-2011-milano intervento alla ''Giornata per la Coscienza degli Animali'' del 2 luglio 2011].</ref>
*Il [[bene]] deve essere sentito come vocazione umana, indipendentemente dai singoli fenomeni religiosi che, spesso, si sono allontanati dalla purezza originaria. Si tratta ovviamente di sottoporre a rivoluzione anche un modello sociale di sviluppo e consumo come quello attuale, partendo dal concetto che il benessere di ognuno di noi non dipende solo da quello dell'altro ma soprattutto dall'equilibrio con la natura e con ogni forma di vita. Allora, perché continuare a incoraggiare e foraggiare, con i nostri consumi, un modello che sfrutta gli animali? Il consumo di carne nella civiltà contadina era, oltre che contenuto, legato a cicli naturali e basato sul rispetto degli animali. L'allevamento intensivo di oggi è, invece, una forma di crudeltà inaccettabile: togliere la dignità ad un animale è un'alterazione grave dell'armonia cosmica.<ref name="Orso">Dall'intervista di Giovanni Orso, ''[http://www.ecodibiella.it/it/web/visti-da-vicino-br-elio-fiorucci-6103/sez/territorio Visti da vicino: Elio Fiorucci]'', ''Eco di Biella'', 5 marzo 2012.</ref>
*La [[creatività]] ha sempre una radice nel sapere dell'altro, è il miglioramento di qualcosa che c'è già.<ref name="Orso" />