Differenze tra le versioni di "Conoscere sé stessi"

m
corsivo, sposto wlink in su
(Alexander Pope)
m (corsivo, sposto wlink in su)
*Conoscere l'altro e se stessi – cento battaglie, senza rischi; non conoscere l'altro, e conoscere se stessi – a volte, vittoria; a volte, sconfitta; non conoscere l'altro, né se stessi – ogni battaglia è un rischio certo. ([[Sūnzǐ]])
*Conoscere se stessi significa non riconoscersi. ([[Anacleto Verrecchia]])
*''Conosci dunque te stesso, non presumere d'investigare Dio; | l'[[uomo]] è lo studio più adatto all'umanità.'' ([[Alexander Pope]])
*«Conosci te stesso» è tutta la scienza. Solo alla fine della conoscenza di tutte le cose, l'uomo avrà conosciuto se stesso. Le cose infatti sono soltanto i limiti dell'uomo. ([[Friedrich Nietzsche]])
*''Conosci te stesso'' è un magnifico precetto, ma soltanto Dio può metterlo in pratica: chi altri può conoscere la propria essenza? ([[Voltaire]])
*È una buona cosa vederci come ci vedono gli altri. Potremmo fare tutti i tentativi che vogliamo, ma non riusciremo mai a conoscere appieno noi stessi, specialmente la nostra parte peggiore. Ciò può accadere soltanto se non siamo arrabbiati con i nostri critici, ma accettiamo senza offenderci qualsiasi loro affermazione. ([[Mahatma Gandhi]])
*È vero che ciascuno deve conoscersi, purificarsi, giungere alla pienezza; ma non a vantaggio di se stesso, non a beneficio della sua felicità terrena o della sua beatitudine celeste, bensì in vista dell'opera che deve compiere sul mondo di Dio. ([[Martin Buber]])
*Esamina te stesso a contatto con l'[[Uomo|umanità]]. Essa fa dubitare chi è scettico, fa credere chi è credente. ([[Franz Kafka]])
*Ho indagato me stesso. ([[Eraclito]])
*Il monito ''Conosci te stesso'' era scolpito sull'architrave del tempio di Delfi, a testimonianza di una verità basilare che deve essere assunta come regola minima da ogni uomo desideroso di distinguersi, in mezzo a tutto il creato, qualificandosi come «uomo» appunto in quanto «conoscitore di se stesso». ([[Papa Giovanni Paolo II]])