Dino Compagni: differenze tra le versioni

m
correggo da fonte primaria ma mantengo la secondaria
m (correggo da fonte primaria ma mantengo la secondaria)
'''Dino Compagni''' (1255 ca. – 1324), politico, scrittore e storico italiano.
 
*Naturalmente i [[Pistoia|Pistolesi]] sono uomini discordevoli, crudeli e salvatichi. (da ''Cronica delle cose occorrenti ne' tempi suoi'', Libro I, 25)
*E non si può d'amor proprio parlare <br>a chi non prova i suoi dolzi savori; <br>e senza prova non sen può stimare <br>più che lo cieco nato dei colori. (da ''La Donna del Poeta'', in ''L'Intelligenza'')
 
 
===Citazioni===
*La detta città di [[Firenze]] è molto bene popolata, e generativa per la buona aria: i cittadini ben costumati, e le donne molto belle e adorne: i casamenti bellissimi, pienapieni di molte bisognevoli arti, oltre all'altre città d'[[Italia]]. Per la qual cosa molti di lontani paesi la vengono a vedere, non per necessità, ma per bontà de' mestieri ed arti, e per bellezza ed ornamento della città. (p. 114)<ref name=Lal>(citatoCitato in ''La letteratura narrativa e allegorica'', ''Letteratura Italiana'', Fratelli Fabbri Editori, Milano 1965, pp. 114-115.</ref>
*Piangano adunque i suoi cittadini {{NDR|Riferito a [[Firenze]]}} sopra loro e sopra i loro figliuoli, i quali, per loro superbia e per loro malizia e per gara d'ufici, hanno così nobile città disfatta, e vituperate le leggi, e barattati gli onori in picciol tempo, i quali i loro antichi con molta fatica e con lunghissimo tempo hanno acquistato; e aspettino la giustizia di Dio, la quale per molti segni promette loro male sì come a colpevoli, i quali erano liberi da non potere essere soggiogati. (ppp. 1145-6)<ref name=Lal></ref>
*Mossono le insegne al giorno ordinato [''stabilito''] i [[Firenze|Fiorentini]] per andare in terra di nimici, e passarono per Casentino per male [''disagevoli''] vie, ove, se avessono trovatetrovati i nimici, arebbono ricevuto assai danno: ma non volle [[Dio]]. (ppp. 11520-21)<ref name=Lal></ref>
* Più si consuma in ununo dì nella guerra, che in molti molt'anni non si guadagna in pace. (p. 68)
*Naturalmente[...] naturalmente i [[Pistoia|Pistolesi]] sono uomini discordevoli, crudeli e salvatichi. (da ''Cronica delle cose occorrenti ne' tempi suoi'', Libro I,p. 2562)
 
==Citazioni sull'opera==
 
==Bibliografia==
*Dino Compagni, ''[http://wwwbooks.liberlibergoogle.it/libri/c/compagni/index.htmbooks?id=nQBOAAAAcAAJ Cronica delle cose occorrenti ne' tempi suoiFiorentina]'', introduzione e note di GinoG. LuzzattoBarbèra, EinaudiFirenze, 19681862.
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w|s=Autore:Dino Compagni|commons=Category:Dino Compagni}}
===Opere===
{{Pedia|Cronica delle cose occorrenti ne' tempi suoi||}}
 
[[Categoria{{DEFAULTSORT:Politici italiani|Compagni, Dino]]}}
[[Categoria:ScrittoriPolitici italiani|Compagni, Dino]]
[[Categoria:StoriciScrittori italiani|Compagni, Dino]]
[[Categoria:Cronisti|Compagni,Storici Dinoitaliani]]
[[Categoria:Cronisti]]
22 142

contributi