Apri il menu principale

Modifiche

1 995 byte aggiunti ,  5 anni fa
nuova sezione con incipit e cinque citazioni; devo revisionare
*Un'[[opera d'arte]] è un angolo della creazione visto attraverso un temperamento. (da ''Mes haines'')
*{{NDR|Su [[Johann Strauss jr]]}} Ha mostrato come il mondo può essere bello, io invece ho scritto come il mondo può essere brutto. (citato in Roberto Iovino, ''Gli Strauss, Una dinastia a tempo di valzer''; Camunia; 1998)
 
===''Germinale''===
===[[Incipit]]===
In mezzo all'aperta pianura, sotto un cielo senza [[stella|stelle]], nero d'un nero d'inchiostro, un [[uomo]] percorreva, solo, la strada maestra tra Marchiennes e Montsou; dieci chilometri di massicciata che si lanciava in linea retta attraverso campi di barbabietole. Quasi non vedeva dove metteva i piedi; e dell'immenso orizzonte piatto che lo circondava aveva solo sentore per le raffiche del [[vento]] di [[marzo]]: vaste raffiche che spazzavano la pianura come un mare; gelate da leghe e leghe di palude e di landa sulle quali erano passate. Non un profilo d'[[albero|alberi]] sul [[cielo]]; diritta come un molo, la strada si protendeva in un buio impenetrabile allo sguardo.
 
{{NDR|Émile Zola, ''Germinale''Einaudi, traduzione di [[Camillo Sbarbaro]], Einaudi.}}
 
===Citazioni===
*{{NDR|A Maheu}} Quando non si è i piú forti, bisogna bene essere i piú giudiziosi. (Richomme: I, V; 1951, p. 56)
*Aumentare il salario, che forse si può? Una legge di ferro lo fissa allo stretto necessario; all'indispensabile, perché l'operaio possa mangiare pane e sputo e procreare dei figli. Se il salario scende sotto quel livello, l'operaio crepa; e la richiesta di nuovi operai lo fa risalire. Se supera quel livello, cresce l'offerta di manodopera e lo fa calare. È l'altalena delle pance vuote, la condanna a vita alla galera della fame. (Souvarine: III, I; 1951, p. 133)
*I soli piaceri che restavano, quello di sborniarsi e d'ingravidare la moglie. (III, III; 1951, p. 152)
*– Pane! pane! pane! – Pane! come se bastasse! L'aveva il pane, lui {{NDR|Hennebeau}}; ma non era meno per questo il piú infelice degli uomini. Il rimpianto della sua vita fallita, la vita del cuore, l'unica che gli importasse, lo prese alla gola come una mano che lo strozzasse. Ah, no; non bastava aver del pane per essere felice! Chi era quell'idiota che faceva dipendere la felicità dalla spartizione dei beni? Codesti acchiappanuvole di rivoluzionari, potevano bene distruggere la società e farne sorgere una nuova; con l'assicurare a tutti un tozzo di pane non darebbero all'umanità una gioia di piú né la libererebbero da un solo dolore! Al contrario, sarebbe l'infelicità che farebbero regnare sulla terra; perché persino i cani finirebbero per urlare di disperazione il giorno che, non piú paghi di soddisfare i loro istinti, illusi di elevarsi, cadessero in balía delle passioni che nulla può saziare. No, il solo bene era non esistere; ma, dovendo nascere, nascere albero, nascere pietra; granello di sabbia, meglio ancora, che non sa del piede che lo calpesta. (V, V; 1951, pp. 320-321)
*La folla: una forza cieca che continuamente divora se stessa. (VII, I; 1951, p. 405)
 
==''Il sogno''==
 
==[[Incipit]] di alcune opere==
===''Germinale''===
In mezzo all'aperta pianura, sotto un cielo senza [[stella|stelle]], nero d'un nero d'inchiostro, un [[uomo]] percorreva, solo, la strada maestra tra Marchiennes e Montsou; dieci chilometri di massicciata che si lanciava in linea retta attraverso campi di barbabietole. Quasi non vedeva dove metteva i piedi; e dell'immenso orizzonte piatto che lo circondava aveva solo sentore per le raffiche del [[vento]] di [[marzo]]: vaste raffiche che spazzavano la pianura come un mare; gelate da leghe e leghe di palude e di landa sulle quali erano passate. Non un profilo d'[[albero|alberi]] sul [[cielo]]; diritta come un molo, la strada si protendeva in un buio impenetrabile allo sguardo
 
{{NDR|Émile Zola, ''Germinale'', traduzione di [[Camillo Sbarbaro]], Einaudi.}}
 
===''Il paradiso delle signore''===
Denise se ne veniva a piedi dalla Gare Saint-Lazare, dove il treno da Cherbourg l'aveva sbarcata dopo una notte passata sul duro sedile di un vagone di terza classe.<br>
 
==Bibliografia==
*Émile Zola, ''Germinale'' (''Germinal'', 1885), traduzione di [[Camillo Sbarbaro]], con un saggio di [[Francesco De Sanctis]], Einaudi, Torino, 1951. ISBN 8806135309
*Émile Zola, ''Germinal'', traduzione di L. G. Tenconi, Fabbri Editori, 2001.
*Émile Zola, ''Il sogno'', Casa Editrice Bietti, Milano, 1949.
*Émile Zola, ''Il sogno'', traduzione di Maria Azzi Grimaldi, Rusconi Editore, 1987.
2 792

contributi