Differenze tra le versioni di "Gaio Lucilio"

5 918 byte rimossi ,  6 anni fa
elimino commenti che qui non adoperiamo
(elimino commenti che qui non adoperiamo)
:''aetheris et terrae genitabile quaerere tempus'' (1 Warmington)
 
*[[Lucio Anneo Seneca|Seneca]], ''[[w:Apokolokyntosis|Apokolokyntosis]]''.</ref> Gli [[dio|dèi]] discutevano sui grandi [[problema|problemi]] degli [[uomo|uomini]]... come Giove potesse salvare ancora il [[popolo]] e la [[città]] di [[Roma]]... e, se non più a lungo, prolungarne l'[[esistenza]] almeno di un cinquennio... e in qual modo potesse attuare il proposito e salvare le mura. (1968)
*<ref>Questa prima [[satira]] vuole essere soprattutto la parodia dell'istituzione senatoria. Lucilio inoltre attacca gli [[dio|déi]], colti in fallo e [[difetto]] proprio quando [[Roma]] ha più che mai bisogno del loro [[aiuto]], mentre infuriano le [[guerra|guerre]] sociali, sia prima che dopo i tentativi di riforma agraria attuati dai fratelli [[Tiberio Sempronio Gracco|Tiberio]] e [[Gaio Sempronio Gracco]]. Lucilio ricorre al ''τόπος'' (''topos'') greco del ''concilio degli déi'', o del ''senato celeste'', presente anche in:
*[[Omero]]: ''[[Iliade]]'', libri IV, VIII, e XX; ''[[Odissea]]'', libro I;
*[[Gneo Nevio|Nevio]], ''[[w:Bellum Poenicum|Bellum Poenicum]]'' (dubbio);
*[[Quinto Ennio|Ennio]], ''[[w:Annales (Ennio)|Annales]]'', libro I;
*[[Publio Virgilio Marone|Virgilio]], ''[[w:Eneide|Eneide]]'', libro X;
*[[Publio Ovidio Nasone|Ovidio]], ''[[w:Metamorfosi (Ovidio)|Metamorfosi]]'', libro I, versi 163-252;
*[[Lucio Anneo Seneca|Seneca]], ''[[w:Apokolokyntosis|Apokolokyntosis]]''.</ref> Gli [[dio|dèi]] discutevano sui grandi [[problema|problemi]] degli [[uomo|uomini]]... come Giove potesse salvare ancora il [[popolo]] e la [[città]] di [[Roma]]... e, se non più a lungo, prolungarne l'[[esistenza]] almeno di un cinquennio... e in qual modo potesse attuare il proposito e salvare le mura. (1968)
:''Consilium summis hominum de rebus habebant...<br />quo populum atque urbem pacto servare potisset<br />amplius romanam...<br />si non amplius, at lustrum protolleret unum...<br />munus tamen fungi et muros servare potisset.''
 
*<ref>Quirino, ossia Romolo divinizzato, presunto "presidente" della seduta, esprime i suoi amari rimorsi per il ritardo nel riunire l'assemblea, essendo consapevole del fatto che in quel mentre la situazione di [[Roma]] sta precipitando. L'estrema [[umanità]] degli [[dio|déi]], propria della religione [[Grecia|greco]]-[[Roma|romana]], si manifesta anche nei vincoli imposti dal [[tempo]] (vedi ''priore''/prima) indistintamente ai mortali e agli [[immortalità|immortali]]; cosa, questa, non propria del [[paradiso]] [[Cristianesimo|cristiano]], per [[esempio]].</ref> '''Quirino''': O cittadini dei cieli, vorrei, al concilio che voi dite<br />di aver tenuto qui un tempo, – a quel concilio, vorrei essere stato presente!
:'''''Quirinus''': Vellem concilio vestrum, quod dicitis olim,<br />caelicolae, hic habitum, – vellem adfuissemus priore<br />concilio.'' (20-22 Warmington)
 
:''Haec ubi dicta dedit, fecit pausam ore loquendi.'' (18 Marx)
 
*<ref>Per [[bocca]] di Apollo – [[dio]] della [[medicina]], della [[musica]], della profezia e della [[poesia]] – Lucilio deride l'epiteto di "[[padre|pater]]" che si suole attribuire indistintamente a tutti gli [[dio|dèi]].</ref> '''Apollo''': Non c'è nessuno di noi che non sia o l'[[perfezione|ottimo]] [[padre]] degli [[dio|déi]] o il padre Nettuno o il padre Libero o il padre Saturno o il padre Marte, Giano, Quirino, e non venga chiamato con questo nome. (1968)
:'''''Apollo''''': ''Nemo sit nostrum quin aut pater optimus Divum,<br />aut Neptunus pater, Liber, Saturnus pater, Mars,<br />Ianus, Quirinus pater siet ac dicatur ad unum.''
 
*<ref>Lucio Cornelio Lentulo Lupo è il principale colpevole della situazione di degrado [[politica|politico]] e giuridico, e pertanto va punito. Bisogna anzitutto individuarlo: ne segue un ritratto tanto impietoso quanto rapido. La [[castigo|punizione]] scelta è ingloriosa: il corrotto e [[gola|goloso]] politico [[morte|morirà]] d'indigestione a un banchetto! E quello che è considerato il verso conclusivo è uno [[scherzo|sberleffo]], che ruota attorno al doppio significato di ''Lupus'', che è sia nome di [[uomo (genere)|persona maschile]], sia il nome di un [[pesce]] pregiato, la spigola o il branzino (nel qual caso ''lupus'' sarebbe da considerarsi sinonimo di ''acarnae'', [[parole|parola]] traslitterata dal greco ''acharnē'').</ref> '''Dio 1''': Che aspetto ha l'[[uomo (genere)|uomo]], com'é l'espressione del volto?<br />'''Dio 2''': Il [[volto]] è così come l'aspetto: il resto è [[morte]], [[malattia]], [[veleno]].<br />'''Dio 3''': Li farò venire a cena, e agli intervenuti per prima cosa<br />darò a ciascuno ventresche di tonno e filetti di branzino.<br />'''Dio 4''': Ti uccidono, Lupo, sardelle e salsa di [[pesce]] siluro. (2003)
:'''''Deus I''''': ''Quae facies, qui vultus viro?'' (43 Marx)<br />'''''Deus II''''': ''Vultus item ut facies, mors cetera, morbus venenum.'' (44 Marx)<br />'''''Deus III''''': ''Ad cenam adducam, et primum hisce abdomina tunni<br />advenientibus priva dabo cephalaeaque acarnae.'' (49-50 Marx)<br />'''''Deus IV''''': ''Occidunt, Lupe, saperdae te et iura''<ref>"'''iura''': Con significato di «salse», non di «leggi»." ([[Francesco Della Corte]])</ref>'' siluri.'' (54 Marx)
 
===Libro VII===
 
*<ref>Lucilio attacca i [[Vizio|vizi]] dei [[Roma|Romani]], ironizzando anche sull'eccessiva cura per il [[corpo]] da parte loro. A parlare nel breve estratto è un [[uomo (genere)|uomo]]: può trattarsi di Lucilio stesso, che ironizza in prima persona, oppure di un suo concittadino noto per l'uso eccessivo di cosmetici, olii e profumi.</ref> Mi rado, mi depilo, mi striglio, mi liscio, mi agghindo, mi fo [[bellezza|bello]], mi trucco... (2005)
:''Rador, subvellor, desquamor, pumicor, ornor,<br />expolior, pingor...'' (1830)
 
===Libro XXII===
 
*<ref>"In questo caso il [[poeta]] si appropria dei moduli tipici dell'epigramma per svolgere un motivo funerario con commossa [[sensibilità]] e con [[tecnica]] consumata: si notino la [[w:litote|litote]] del primo verso (''neque infidus neque inutilis'') e la studiata disposizione delle [[parola|parole]] nel [[w:pentametro|pentametro]]." ([[Giovanna Garbarino]])</ref> Un [[servitù|servo]] che di certo non fu poco [[fedeltà|fidato]] né poco [[utile]] al [[padrone]]<br /> è qui sepolto: il piccolo pilastro della [[casa]] di Lucilio, Metrofane. (1996)
:''Servus neque infīdus neque inutilis quaquam<br />&#09;Lucili columella hic situs Metrophanes.'' (vv. 581s. Krenkel)
 
===Libro XXVI===
 
*<ref>L'aristocrazia senatoria offrì a Lucilio un importante incarico [[politica|politico]] nella provincia d'Asia, ma quegli si rifiutò, preferendo l<nowiki>'</nowiki>''[[ozio|otium]]'' di [[Roma]] ai saccheggi di [[terra|terre]] [[lontananza|lontane]]. Puoi inoltre ritrovare in questo brano il ''soggettivismo'' luciliano: al proposito leggi la voce di Gaio Lucilio in Wikipedia.</ref> Che io debba diventare un pubblicano dell'Asia, un esattore di imposte, invece che [[essere]] Lucilio, questo io non lo [[volontà|voglio]], e al posto di questa cosa sola non vorrei in cambio tutto l'[[oro]] del [[mondo]]. (2005)
:''Publicanus vero ut Asiae fiam, ut scripturarius<br />pro Lucilio, id ego nolo, et uno hoc non muto omnia.'' (671-672 Marx)
 
*<ref>Lucilio parodia l<nowiki>'</nowiki>''Antiope'' del tragediografo [[Marco Pacuvio|Pacuvio]], nella quale l'omonima protagonista è resa irriconoscibile dallo sporco del [[corpo]], dai capelli lunghi, spettinati, annodati e scarmigliati. Risalta particolarmente il [[w:Climax (retorica)|climax]] fatto di elementi dapprima [[serietà|seri]] (la [[fame]] e il freddo) e via via più [[ridicolo|ridicoli]].</ref> Qui è tormentata dalla [[fame]],<br />dal freddo, dalla sporcizia, dalla mancanza di bagni, lavacri e cure. (1996)
:''Hic cruciatur fame,<br />frigore, inluvie, inbalnitie, inperfunditie, incuria.'' (vv. 620s. Krenkel)
 
:''Nunc vero a mani ad noctem, festo atque profesto,<br />totus item pariterque die populusque patresque<br />iactare indu foro se omnes, decedere nusquam,<br />uni se atque eidem studio omnes dedere et arti,<br />verba dare ut caute possint, pugnare dolose,<br />blanditia certare, bonum simulare virum se,<br />insidias facere, ut si hostes sint omnibus omnes.''<ref>Cfr.: [[Thomas Hobbes]], ''De cive'', 1, 12.</ref> (1228-1234 Marx)
 
*<ref>Corre l'anno 121 a.C., e Quinto Muzio Scevola, detto Augure, è pretore ad [[Atene]]. Incontra per [[caso]] Tito Albucio, e lo [[saluto|saluta]] in [[Grecia|greco]] (''chaere'' (Χαῖρε), che equivale al ''vale'' latino, significa ''stammi bene!'', ''[[Salute]] a te!''), come se Tito non fosse un cittadino [[Roma|romano]], e quindi non capisse il latino. Il che sarà preso come un'[[offesa]] da Tito, il quale, l'anno successivo, accuserà il pretore Scevola di estorsione: quegli dovrà tornare in [[Italia]], a [[Roma]], per pronunciare la propria difesa davanti a un tribunale, ed essere assolto in [[tempo]] per candidarsi al consolato e ottenerlo nel 117 a.C.; si andrà formando tra i due, col tempo, un divario sempre maggiore, e una lunga serie di incidenti deteriorerà i rapporti tra i due.</ref> '''Quinto Muzio Scevola Augure''': O Albucio, tu hai preferito essere detto [[Grecia|greco]], invece che [[Roma|romano]] o sabino, concittadino di Ponzio<ref>Cittadino di probabili origini sannitiche.</ref>, di Tritano<ref>Uomo di forza erculea, di probabili origini sannitiche.</ref>, concittadino di [[w:Centurio|centurioni]], di uomini insigni, di [[w:Primus pilus|primipili]] e di [[w:Signifer|alfieri]]. Perciò ad [[Atene]], al [[tempo]] che ero [[w:pretore (storia romana)|pretore]], visto che tu lo preferivi, quando ti sei presentato a me, ti ho [[saluto|salutato]] in [[lingua greca|greco]]: «Chaere, o Tito.». E i [[w:Littore|littori]] e tutta la [[w:Coorte|coorte]] e la folla: «Chaere, o Tito.». Fu da quel momento che Albucio mi divenne [[nemico]], da allora mi fu avversario. (1968)
:'''''Quintus Mucius Scaevola Augur''''': ''Graecum te, Albuci, quam Romanum atque Sabinum,<br />municipem Ponti, Tritani, centurionum,<br />praeclarorum hominum ac primorum signiferumque,<br />maluisti dici. Graece ergo praetor Athenis,<br />id quod maluisti, te, cum ad me accedis, saluto:<br />«Chaere''<ref name=gr/>'', – inquam – Tite!». Lictores, turma omnis chorusque:<br />«Chaere, Tite!», hinc hostis mi Albucius, hinc inimicus.'' (89-95 Krenkel)
 
*Quello che hai è quello che tu sei,<br />quello che sei stimato. (2003)
*<ref>Cfr. [[Quinto Orazio Flacco|Orazio]], ''Satire'', libro I, satira I, verso 62: ''«nil satis est – inquit – quia tanti quantum habeas sis»'' (Non basta mai niente – disse – perché sei ciò che possiedi);<br />cfr. [[Petronio Arbitro|Petronio]], 77, 6: ''Assem habeas, assem valeas: habeas, habeberis.'' (Hai un soldo? Vali un soldo: possiedi, e avrai stima.).</ref> Quello che hai è quello che tu sei,<br />quello che sei stimato. (2003)
:''Tantum habeas, tantum ipse sies tantique habearis.'' (1120 Marx)
 
 
==Citazioni su Gaio Lucilio==
*<ref>La prolissità del [[linguaggio]] è il primo capo di accusa nei confronti di Lucilio, il quale non si impegna a cercare le forme migliori, e si accontenta di espressioni colloquiali, che non si addicono alla lingua [[scrittura|scritta]].</ref> Garbato, naso fino, duro però nel mettere assieme i suoi versi. Il suo difetto? Eccolo: in un'ora, come fosse [[grandezza|gran]] cosa, dettava sovente duecento versi, e reggendosi su un piede soltanto. Siccome scorreva fangoso, c'erano cose che avresti voluto levare; era ciarliero e insofferente della [[fatica]] di [[scrivere]], di scrivere [[bene]]. ([[Quinto Orazio Flacco|Orazio]])
 
*<ref name=gr/> «Ha fatto però una cosa non da poco: ha mescolato [[parole]] [[Grecia|greche]] alle parole latine». O ritardatari delle belle [[letteratura|lettere]], ritenete davvero [[difficoltà|difficile]] e [[meraviglia|meravigliosa]] una cosa che riesce perfino a Pitoleone da Rodi? ([[Quinto Orazio Flacco|Orazio]])
 
*<ref>Orazio e tutti i [[poesia|poeti]] satirici latini riconoscono a Lucilio la [[padre|paternità]] della [[satira]].</ref> Sia pure, io dico, che Lucilio fosse garbato ed urbano, sia pure ch'egli fosse più limato di quanto non sia in genere l'iniziatore di una [[poesia]] [[novità|nuova]] e intentata dai [[Grecia|Greci]] e più anche di tutto il gruppo dei poeti più antichi; ma anche lui, se il [[destino]] l'avesse fatto scivolar giù fino ai nostri [[giorno|giorni]], eliminerebbe molte cose dai suoi versi e tutto il superfluo, che si trascina al di là dell'espressione compiuta, lo taglierebbe via e, nel comporre il verso, si gratterebbe spesso la [[testa]] e si roderebbe le unghie fino alla carne [[vita|viva]]. ([[Quinto Orazio Flacco|Orazio]])
 
*<ref>[[Quinto Orazio Flacco|Orazio]] rileva nella [[satira]] luciliana una natura diaristica.</ref> Io mi diletto di chiudere le [[parole]] nel verso, alla maniera di Lucilio, migliore di me e di te. Come a [[fedeltà|fedeli]] [[compagnia|compagni]], ai [[libro|libri]] egli soleva affidare i suoi [[segreto|segreti]], né altrove ricorreva se le cose gli andavano [[male]], né se gli andavano [[bene]]: perciò avviene che tutta la [[vita]] di questo [[vecchiaia|vecchio]] ci sta davanti agli [[occhio|occhi]], come fosse dipinta su un quadretto votivo. ([[Quinto Orazio Flacco|Orazio]])
 
*<ref>Ricompaiono i bersagli della biforcuta [[lingua]] di Lucilio: Lucio Cornelio Lentulo Lupo e Quinto Muzio Scevola Augure.</ref> Me ne vado: Lucilio ha morso a [[sangue]] la [[città]],<br />te, o Lupo, e te, o Muzio... e ci si è rotto un [[dente|molare]]. ([[Aulo Persio Flacco|Persio]])
 
==Bibliografia==
26 767

contributi