Differenze tra le versioni di "Sin City"

26 byte aggiunti ,  6 anni fa
nessun oggetto della modifica
==''Sin City''==
*Non so perché sei morta, Goldie. Non so perché e non so come e, diamine, non ti avevo mai incontrata prima di stanotte, ma sei stata ben più di un'amica quando ne avevo bisogno e quando scoprirò chi è stato, per lui non sarà rapido e silenzioso come è successo con te. No, il mio modo di uccidere sarà spettacolare e orribile. Fisserò il bastardo in faccia e riderò mentre invocherà Dio e riderò ancora più forte quando frignerà come un bimbo. E quando sbarrerà gli occhi, l'inferno in cui lo spedirò gli sembrerà il paradiso dopo quello che gli avrò fatto. Ti amo, Goldie. ('''Marv''', pp. 29-30)
*[[Inferno]]? Tu non hai idea di cosa sia l'inferno. Nessuno di voi lo sa. L'inferno non è prenderle o essere accoltellato o essere trascinato di fronte a qualche frocio di giudice. L'inferno è risvegliarsi ogni dannato giorno che Dio ci ha dato e non sapere nemmeno perché sei qui. È non sapere neanche perché respiri. ('''Marv''', p. 44)
*Se imbocchi il vicolo giusto, a Sin City puoi scoprire qualsiasi cosa. ('''Marv''', p. 50)
*In questa città quasi tutto quello che vale la pena fare è contro la legge. E hanno tutti il loro tornaconto. Sbirri e politicanti fanno la loro fortuna guardando da un'altra parte mentre imbroglioni come Kadie la fanno franca facendoci pagare dieci dollari un bicchiere.
*Mi piacciono i sicari. Non importa quello che gli fai, tanto non ti senti in colpa. Al contrario, peggio li conci, meglio è. ('''Marv''', p. 61)
*Sin City è una gran brutta baldracca distesa sotto di me che mi supplica di prenderla e io la prendo, per quel che mi importa. Poi la prendo un'altra volta e lei mi supplica ancora. Caspita, è bello essere vivi. ('''Marv''', p. 73)
*Mi piace la [[pioggia]]. Mi piace il modo con cui mi striscia gelida lungo il collo. Il modo in cui l'aria diventa elettrica e tutto sembra così limpido. Respiri e te lo senti nelle narici. ('''Marv''', p. 131)
*'''Wendy''': Sei rimasto lì seduto a prenderle... quando avresti potuto strapparmi via la pistola quando ti pareva...<br/>'''Marv''': Certo. Ma ho pensato che potevo farti ragionare... e forse per prenderti la pistola avrei dovuto rifilarti un cazzotto... e io non picchio le ragazze. (p. 150)
 
*Bisogna saper difendere i propri amici. Anche se talvolta significa morire. Qualche volta significa anche uccidere un mucchio di gente. ('''Dwight''')
*La piccola e letale Miho. Ti affetta in un attimo. Ti uccide senza il minimo rumore. Non senti nulla, a meno che lei non voglia. ('''Dwight''')
*Odio la [[pioggia]]. Rende così difficile pensare con chiarezza. ('''Dwight''')
 
==''Quel bastardo giallo''==
*Lo privo delle sue armi. {{NDR|Gli spara alla mano che tiene la pistola}} Entrambe. {{NDR|Gli spara in mezzo alle gambe}} ('''Dwight''', p. 41)
*Un vecchio muore, e una ragazzina vive. Uno scambio equo. ('''John Hartigan''', p. 56)
*Il [[potere]] non deriva da un distintivo o da una pistola. Il potere deriva dalle [[bugia|bugie]], e bisogna dirle grosse, finché non avrai il maledetto mondo intero che sta al tuo gioco. Li avrai in pugno non appena sarai riuscito a mettere tutti d'accordo su quello che in cuor loro sanno bene non essere vero. Allora sei il capo. Puoi falsificare la realtà sotto i loro occhi e loro ti sorrideranno. Puoi trasformare un farfugliante sciroccato come il mio onnipotente fratello in un santo. Puoi picchiare a morte tua moglie con una mazza da baseball come ho fatto io e lasciare le tue impronte dove accidenti ti pare e una dozzina di testimoni giurerà su una pila di Bibbie che tu eri a migliaia di chilometri da lì. ('''Roark''', p. 65)
 
==Citazioni su ''Sin City''==