Differenze tra le versioni di "Giovanni Trapattoni"

== Citazioni di Giovanni Trapattoni ==
*A giudizio di qualcuno, la Fiorentina avrebbe bisogno soltanto di giovani. 'Verdè è una bella parola. Ma con tutti verdi si rischia di arrivare a giugno e di non riuscire a mietere il grano.<ref>Citato in ''[http://www.tv.mediaset.it/italia1/chiambretti_night/news_5329.shtml 30 marzo: Giovanni Trapattoni ospite di Chiambretti]'', ''Tv. Mediaset.it''; 29 marzo 2010.</ref>
*A proposito della benedetta (mai come in questo caso si addice meglio questo aggettivo!) acqua santa, mia sorella Romilda soleva dirmi: "Guarda, Gianni, che questa ti fortifica... ovviamente non ti assicura la vittoria." Ebbene, mi scuseranno gli intellettuali e anche i teologi di professione, ma parole come queste valgono molto di più di tanti libri, sono il segno manifesto di quanto ognuno di noi (anche la persona celebre ed affermata) abbia bisogno di affidarsi, di affidarsi anche ad un segno che rimandi ad un'Appartenenza più grande, ad un'Appartenenza con la "A" maiuscola. D'altronde è proprio questo esser convinto che c'è Qualcuno lassù che mi ha voluto prima calciatore e poi allenatore, che mi fa continuare in questo stupendo lavoro... <ref>Dalla prefazione de ''Il Catechismo del pallone'' di Corrado Gnerre, Mimep-docete, febbraio 2014. </ref>
*A volte bisogna gettare un sasso nella pozza. Avete capito? Un sasso muove l'acqua. Un allenatore non deve dormire. Lui fa "ronf, ronf" e la partita finisce 0 a 0. Sbagliato. Un coach deve sempre essere sveglio e indovinare il cambio decisivo.<ref name=icaro> Citato in Luca D'Ammando, ''[http://altrimondi.gazzetta.it/2009/03/icaro-volava-ma-icaro-era-un-p.html «Icaro volava, ma Icaro era un pirla, orco zio!». Summa della frasi più belle del Trap]'', ''Gazzetta dello Sport'', 23 marzo 2009.</ref>
*Abbiamo ritrovato il nostro filo elettrico conduttore.<ref name=telepass>Citato in Alberto Costa, ''[http://archiviostorico.corriere.it/2011/giugno/06/Quel_Telepass_chiamato_Trap_co_9_110606054.shtml Quel Telepass chiamato Trap]'', ''Corriere della sera''; 6 giugno 2011.</ref>
*Forse se andiamo a vedere, è una delle più numerose partite giocate così.<ref name=auguri/>
*[[Francesco Totti|Francesco]] è fondamentale proprio per le sue caratteristiche. Credo che in nessun'altra squadra europea ci sia un Totti con le caratteristiche di Totti.<ref>Citato in Alberto Costa, ''[http://archiviostorico.corriere.it/2004/giugno/09/benedizione_del_Totti_unico_come_co_9_040609114.shtml La benedizione del c.t.: «Totti è unico: come lui c'era Platini»]'', ''Corriere della Sera'', 9 giugno 2004.</ref>
*Giocando al calcio e poi allenando tante squadre (grazie a Dio con i successi che sono quelli che sono), ho sempre pensato che questo sport potesse e possa insegnare molto. Se è lo sport più amato del mondo, un motivo deve pur esserci. Ho infatti sempre pensato che nulla accade per caso. E' un insegnamento che mi porto dietro... che mi porto dietro dalla mia storia, dalla fede dei miei genitori, dalla mia terra. <ref>Dalla prefazione de ''Il Catechismo del pallone'' di Corrado Gnerre, Mimep-docete, febbraio 2014. </ref>
*Giocatori con caratteristiche diverse poi si eludono a vicenda e diventa poi anche difficile proporsi in emozione come usate dire voi.<ref name=lessico/>
*Guai a fare gli Icari della situazione. Ho detto gli Icari, non gli acari.<ref name=straparlare> Citato in Stella Gian Antonio, ''[http://archiviostorico.corriere.it/2001/marzo/28/Trapattoni_straparlare_genio_co_0_01032810659.shtml Trapattoni, lo straparlare di un genio]'', ''Corriere della sera'', 28 marzo 2001.</ref>
Utente anonimo