Differenze tra le versioni di "Ralph Waldo Emerson"

m (refuso)
*In lui trovate ciò che avete già trovato in Omero, ora maturato in pensiero, il poeta convertito in filosofo, con vene di saggezza musicale più elevate di quelle raggiunte da Omero; come se Omero fosse il giovane e [[Platone]] l'uomo finito; eppure con la non minore sicurezza di un canto ardito e perfetto, quando ha cura di avvalersene; e con alcune corde d'arpa prese da un più alto cielo. Egli contiene il futuro, pur essendo uscito dal passato. In Platone esplorate l'Europa moderna nelle sue cause e nella sua semente, il tutto in un pensiero che la storia d'Europa incarna o dovrà ancora incarnare.<ref>Da ''Libri'', in ''Realizzare la vita'' 2007.</ref>
*L'[[arte]] è un'amante gelosa.<ref>Da ''La condotta della vita''.</ref>
*Le religioni che chiamiamo false erano una volta vere. <ref>Citato in ''Focus N.94 pag.168</ref>
*''[[Pierre-Marc-Gaston de Lévis|Noblesse oblige]]'': ossia, migliori opportunità obbligano a maggior generosità.<ref>Da ''Progress of culture'', in ''Letters and Social Aims'', 1876.</ref>
*Ogni libro [...] dato [[Rogo di libri|alle fiamme]] illumina il mondo.<ref>Da Ralph Waldo Emerson, Peter Norberg, ''Essays and Poems by Ralph Waldo Emerson'', Spark Educational Publishing, 2005, [http://books.google.it/books?id=xRFBaxPTWdgC&pg=PA150 p. 150]. ISBN 159308076X</ref>
Utente anonimo