Differenze tra le versioni di "Marco Revelli"

2 309 byte aggiunti ,  7 anni fa
nuove citazioni tratte da una intervista
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
(nuove citazioni tratte da una intervista)
*Il [[progressismo]] è la malattie senile del [[riformismo]].<ref name=oper/>
*Il 12 dicembre 1969 segna una frattura, nella storia della repubblica [...] perché effettivamente, allora, insieme a sedici persone comuni, morì un pezzo significativo della prima repubblica: una parte consistente dell'apparato statale passò consapevolmente nell'illegalità. Si pose come potere criminale continuando a occupare istituzioni vitali ed essendone tollerato (sono migliaia i 'servitori dello Stato', poliziotti, giudici, agenti segreti, politici, cancellieri, ministri, passacarte e uomini di mano che hanno cooperato per realizzare e poi coprire, depistare, insabbiare, rendere impunibile quel delitto). È da allora che l'Italia ha cessato di essere una democrazia costituzionale in senso pieno. (da ''Le due destre'', Bollati Boringhieri, 1996)
 
 
{{Int|Marco Revelli: «Imprese cinesi, ipocrisia italiana»|[http://www.lettera43.it/economia/macro/marco-revelli-imprese-cinesi-ipocrisia-italiana_43675115050.htm Intervista] di Antonietta Demurtas, ''Lettera43'', 03 dicembre 2013}}
 
*dentro quel nuovo sistema della forza lavoro in cui è strutturato il tessile di Prato il sindacato non esiste, così come non c'è più in buona parte del ciclo produttivo transnazionale.
*Il sindacato è morto già da tempo, è ormai un ceto politico che galleggia in questo mondo sperando di non essere trascinato nel gorgo. Ma che ormai quel mondo non lo rappresenta più. Si può riposizionare come forma di patronato, fornitore dei servizi, gestore dei pensionati, o nel caso più nobile può tutelare i diritti residui della classe operaia salariata di antico regime.
*Il mondo è andato da un'altra parte e il sindacato non ha capito la portata di questa sfida, che viene da lontano, dal passaggio tra gli Anni 70 e gli 80 e che in Italia si è materializzata nei 35 giorni della Fiat.
*A Prato è avvenuto un rovesciamento epocale: la forza lavoro servile cinese che gli imprenditori italiani per primi hanno fatto affluire e hanno gestito, perché meno costosa di quella italiana, si è rivoltata loro contro.
*<sm<ll>'''ndr: gli imprenditori pratesi'''</small>Hanno perso quella energia che solo chi viene dal basso possiede e che la prima generazione di imprenditori aveva avuto.
*Ricordiamoci che il meccanismo secondo cui gli operai italiani hanno iniziato a lavorare per i cinesi e i cinesi poveri per i loro connazionali arricchiti non è avvenuto contro la volontà degli imprenditori pratesi.
*quello che è successo a Prato è un grumo di verità del nostro tempo: la globalizzazione anziché distribuire nel mondo i diritti, importa le condizioni di lavoro delle periferie dove i diritti erano stati conquistati. Come ha scritto Il manifesto «prima la Cina era vicina, ora la Cina del turbo capitalismo senza leggi è dentro di noi».
*Gli unici che hanno denunciato quella barbarie erano italiani concorrenti dei micro imprenditori cinesi, che chiedevano di aumentare i controlli non per un senso di umana solidarietà con quei lavoratori ma per la competizione. Nessuno si è mosso per salvarli, né l'ispettorato del lavoro né la politica.
----
 
 
Utente anonimo