Apri il menu principale

Modifiche

m
 
==Citazioni di Luciano di Samosata==
*{{NDR|Parla la [[gotta|Podagra]]}} ''[...] calco i capi degli uomini, e le piante de' miei piedi son tenere, e dal valgo son chiamata Podagra, perché ai piedi io fo caccia.''<ref name=gotta>Nei due componimenti, la [[gotta|Podagra]] viene personificata come una dea.</ref> (da ''Parnaso straniero'', ''La tragopodagra o il podagroso'', [http://books.google.it/books?id=sBdrliWHpm0C&pg=RA2-PA28 p. 27])
*''Grande, o ricca [[gotta|Podagra]]<ref name=gotta/>, è il poter tuo, | cui pur teme di Giove il pronto dardo; | treman di te l'onde del mar profondo, | tremane il re degl'Infernali, Pluto. | O godente di fasce, e di piumacci | amante, e d'ogni corso impeditrice, | dei talloni tormento, e delle piante | dei piedi incendiatrice, e che la terra | tocchi appen sulla pelle, e dei pestelli | paurosa, ginocchi piangi, vegghia, | calcina e crucia man, ginocchi piega; | ed ingobba, Podagra potentissima.'' (da ''Parnaso straniero'', ''La tragopodagra o il podagroso'', [http://books.google.it/books?id=sBdrliWHpm0C&pg=RA2-PA28 p. 27])
*''Molti ne ho pure io domi degli Eroi | e sel sanno i Sapienti, e Priamo detto | fu Podarco, per esser podagroso. | Morì di [[gotta]] Achille di Pelèo: | di podagra patì Bellorofonte; | podagroso fu Edipo re di Tebe. | Podagroso Plistene dei Pelopidi: | di Peante il figliuol colla podagra | conduceva l'armata, ed altro duce | dei Tessali fu pur detto Podarco, | il qual, poscia che cadde in la battaglia | Protesilao ancor esso gottoso, | Benché non sano conducea l'armata. | Il re d'ltaca Ulisse di Laerte | uccisi io, non la spina della triglia.''<ref name=gotta/> (da ''Parnaso straniero'', ''La tragopodagra o il podagroso'', [http://books.google.it/books?id=sBdrliWHpm0C&pg=RA2-PA28 p. 28])
*''Io al mondo grave, con cattivo nome | [[gotta|Podagra]] detta son<ref name=gotta/>, terribil male, | con nervei lacci lego altrui le gambe; | penetrando ne' membri non veduta, | rido di quei che son da me percossi, | che il ver non dicon mai de' mali loro; | ma con pazze finzioni lusingandosi, | ciascun pasce sé stesso di bugie; | e con dire agli amici esserci svolto, | O percosso il suo piè, la cagion tace, | e agli altri ascoso vuol quel ch'ei non dice. | Ma il ver col tempo poi malgrado suo | mostrasi, e vinto allor mi chiama a nome; | e gli amici lo menano in trionfo. | La fatica è compagna de' miei mali, | io sola senza d'essa non son nulla.'' (da ''Parnaso straniero'', ''L'ocipo o il celeripede'', [http://books.google.it/books?id=sBdrliWHpm0C&pg=RA2-PA32 p. 31])
*''Ascolta le [[parole]] che provengono dal [[cuore]].'' (da ''Iuppiter tragoedus'', 19)
:''Ακουε τάπό καρδίας''