Differenze tra le versioni di "Euripide"

87 byte rimossi ,  6 anni fa
sposto citazione da Polido in su, - doppioni
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
(sposto citazione da Polido in su, - doppioni)
{{TOCright}}
'''Euripide''' (486 a.C. – 406 a.C. circa), poeta tragico greco.
 
==Citazioni di Euripide==
*''Chi può sapere se il [[vivere]] non sia [[morte|morire]] | e se il morire non sia vivere?''<ref>Da ''Polido''; citato in [[Platone]], ''Gorgia'', 492e; in Platone, ''Tutti gli scritti'', a cura di [[Giovanni Reale]], Bompiani, Milano, 2005, p. 902. ISBN 88-452-9003-4</ref>
*Gli dei ci creano tante sorprese: l'atteso non si compie, e all'inatteso un dio apre la via. (da ''Baccanti'')
*La donna è il peggiore dei mali. (da ''Ippolito'')
*Parla da saggio ad un ignorante ed egli dirà che hai poco senno. (da ''Baccanti'')
*Si è schiavi del [[denaro]] o della [[sorte]]. (citato in Stefano Rodotà, ''La vita e le regole'', p. 136)
*Chissà se ciò che è chiamato morire è vivere, oppure se vivere è morire. (da ''Polido'')
*Il tempo è breve; chi insegue l'immenso perde l'attimo presente. (da ''Baccanti'')
 
*Or te io canterò, figlio di Clinia.<br>Bella è vittoria, ma ancor più bello<br>– cosa che non toccò ad altri Elleni –<br>correr col carro primo, poi secondo<br>ed anche terzo, ed uscirne invitto<br>per ben due volte e farsi incoronare<br>d'olivo e farsi proclamare a voce<br>da un araldo. (''frammento 3'')
{{NDR|Euripide, ''Epinicio per Alcibiade'', traduzione di Antonio D'Andria, http://www.biblio-net.com/lett_cla/traduzioni/euripide_epinicio_per_alcibiade.htm}}
 
===''Polydos''===
*Chi sa se il vivere non sia morire<br>e il morire invece vivere.</br>
{{NDR|Euripide, Polydos fr.638''' (citato da [[Platone]], ''[[Gorgia]]'' 492e: «davvero non mi stupirei, se Euripide dicesse la verità quando dice...») Traduzione di [[Giorgio Colli]], in ''La Sapienza Greca'', vol.1 p. 139)}}
 
==Citazioni su Euripide==
*Euripide è il primo drammaturgo che segue consapevolmente un'estetica. Di proposito egli cerca ciò che è perfettamente comprensibile: i suoi eroi sono nei fatti quel che sono quando parlano. Essi si esprimono totalmente attraverso le parole, là dove invece i personaggi di [[Eschilo]] e di [[Sofocle]] sono assai più profondi e più pieni rispetto alle parole che dicono: propriamente essi balbettano su di sé. ([[Friedrich Nietzsche]])
*Euripide dà forma ai personaggi, e nello stesso tempo li decostruisce: di fronte alla sua anatomia essi non hanno più niente di nascosto. Se Sofocle aveva detto di Eschilo ch'egli faceva il giusto pur senza averne coscienza, Euripide avrebbe dovuto dire di lui ch'egli faceva quel che non bisognava fare, poiché non ne aveva coscienza. ([[Friedrich Nietzsche]])
 
==Note==
<references/>
 
==Bibliografia==