Nereo Rocco: differenze tra le versioni

m
(Annullata la modifica 590710 di 79.49.46.189 (discussione) la fonte va rispettata, indica una nuova fonte e correggeremo)
*{{NDR|Su [[Dino Sani]]}} Gavemo comprà un impiegà del catasto. [[Giuseppe Viani|Gipo]] nostro ga fato rimpatriar el nonno. (p. 89)
*{{NDR|Rivolto a [[Alberto Bigon|Bigon]]}} Ti te ga studià, vero? E alora mona de un dotòr, tradusi, che questi no conossi le lingue. (p. 139)
*Io posso prendere un [[difensore|terzino]] e metterlo all'[[centrocampista|ala]] senza che nessuno dica niente. Ma se prendo un'ala e gli chiedo una volta, per un'emergenza, di fare il terzino ne devo render conto al sindacato? Ma andè in mona tuti quanti, Spegiorin, Campana e ti che me sta a 'scoltar a 'sta ora de note. (p. 150)
*Me piase [[Sergio Santarini|Santarini]], el portièr e [[Giancarlo De Sisti|De Sisti]]. [[Roberto Pruzzo|Pruzzo]] xe pesante de fianchi, tuti i altri i fa barufa a centrocampo. Tatticamente, me racomando, scrive bén, xe la storia de tuti i alenadori. Dal lùnedi al vénerdi i xe olandesi. Al sabato i ghe pensa. La domenica, giuro su la mia beltà, tuti indrìo e si salvi chi può. (p. 182)
*{{NDR|Sulla sua partecipazione alla Domenica Sportiva}} Go fato 'l paiazzo per tanti ani in spogliatoio perché me divertivo. Nol poso farlo in televisiòn perché se diverta el signor Tito Stagno. (pp. 183-184)