Differenze tra le versioni di "Jarod il camaleonte (terza stagione)"

nessun oggetto della modifica
*{{NDR|Jarod si prepara ad asportare il rene a Luther Ecksley}}<br/>'''Jarod''': Non ti agitare, altrimenti l'ago può spezzarsi.<br/>'''Luther''': Questo non è un ospedale!<br/>'''Jarod''': Beh, va più che bene...per quello che devo fare.<br/>'''Luther''': Tu non sei un dottore!<br/>'''Jarod''': Tecnicamente, hai ragione. Ma sono abbonato all'enciclopedia medica!<ref>La battuta è ancora più divertente in lingua originale, in quanto Jarod risponde: "''Technically, you’re right, but I do enjoy that ER program.''" facendo chiaro riferimento al telefilm '''E.R. - Medici in prima linea'''</ref>
 
==Episodio 16, ''Buonanotte, Chicago''==
*{{NDR|Jarod chiama una radio che sta ascoltando mentre viaggia in macchina per svelare un mistero di cui è a conoscenza}}<br/>'''Neil''': Il nostro amico Mr. Mistero, ciao!<br/>'''Jarod''': Non è possibile che la Commissione Trilaterale fosse nell'Area 51, quel giorno. Erano nel Delaware.<br/>'''Neil''': E tu come lo sai?<br/>'''Jarod''': Ho pranzato con loro. Ero seduto al di là di un vetro e mangiavo integratori ottimizzati.<br/>'''Neil''': Cosa mangiavi?!<br/>'''Jarod''': Mmm. E' una lunga storia.<br/>'''Neil''': Stai ancora scappando dall'uomo cattivo?<br/>'''Jarod''': L'uomo cattivo?<br/>'''Neil''': Dai, non far finta di non capire. Sai bene di chi parlo. Cosa ti hanno fatto, dimmi?<br/>'''Jarod''': Mi hanno portato via dalla mia famiglia quando ero bambino. Ricordo a malapena mia madre e mio padre. Ormai li cerco da tantissimo tempo.
 
*{{NDR|Jarod prende il posto di Neil alla radio e parla con un ascoltatore}}<br/>'''Ascoltatore''': E' un'altra stupida trovata pubblicitaria di Neil!<br/>'''Jarod''': Ehi, imbranato...<br/>'''Ascoltatore''': Chi parla?<br/>'''Jarod''': Se la missione di Neil è di far luce sugli intrighi e sulle menzogne, credi davvero che ne inventerebbe una?<br/>'''Ascoltatore''': Ah, e perché no?<br/>'''Jarod''': Beh, tornatene al villaggio, scemo, sentono molto la tua mancanza!
 
*{{NDR|Jarod si mette a raccontare la sua storia alla radio }}<br/>'''Jarod''': Salve amici, quella che sentite è la voce...di uno come tanti. Mentre aspettiamo notizie di Neil, vi racconterò una breve storia che a molti di voi sembrerà un po' strana. E' l'incredibile storia di un bambino allevato da un'organizzazione alquanto misteriosa. Un'organizzazione nel Delaware che non ha eguali. E' strano, lo so. Ma spesso la verità è strana.
 
*{{NDR|Miss Parker parla con Sydney e Broots della proposta di Tommy}}<br/>'''Parker''': Avanti, parla Syd!<br/>'''Sydney''': Quindi Thomas si trasferisce...E vuole che tu vada con lui, che lasci Blue Cove...<br/>'''Broots''': Lasci il Centro? Tuo padre impazzirà.<br/>'''Parker''': Grazie per avermelo detto!<br/>'''Sydney''': Parker, molto tempo fa ho perso la mia famiglia perché non ho saputo oppormi al potere. Fai in modo che non succeda anche a te.<br/>{{NDR|Sydney le mette una mano sulla spalla e Miss Parker vi appoggia sopra la sua, poi se ne va}}
 
*{{NDR|Jarod e Angela visitano l'alloggio segreto di Neil}}<br/>'''Jarod''': "Mai smettere di farsi domande."<br/>'''Angela''': Il motto di Neil?<br/>'''Jarod''': Einstein una volta disse che la cosa più importante è non smettere mai...di farsi domande.
 
*{{NDR|Jarod è ancora alla radio e parla con un'ascoltatrice un po' matta}}<br/>'''Jarod''': Ma insomma, andiamo! Uno che spedisce per posta topi morti è uno squilibrato!<br/>'''Ascoltatrice''': Secondo me è la televisione che fa fare certe cose.<br/>'''Jarod''': Mmm. {{NDR|Scuote la testa}} NOn cerchiamo alibi.<br/>'''Ascoltatrice''': Beh, ora devo andare, Erkell mi sta mandando un messaggio segreto...<br/>{{NDR|L'ascoltatrice attacca e Jarod guarda Angela incuriosito e divertito}}
 
*{{NDR|L'ascoltatore psicopatico che ce l'ha con Neil chiama Jarod alla radio}}<br/>'''Jarod''': Immagino che tu sia...Pavlov. Non ti dispiace se ti chiamo Pavlov, vero?<br/>'''Pavlov''': Credo che dovresti chiamarmi "Il signore del Bene e del Male".<br/>'''Jarod''': Oh...Allora il suo destino dipende da te.<br/>'''Pavlov''': E' quel bastardo che l'ha voluto.<br/>'''Jarod''': {{NDR|Dopo alcuni istanti di silenzio}} Pavlov...ci sei ancora? Non te ne sei andato, vero?<br/>'''Pavlov''': Ha distrutto tutto quello che era importante per me, quindi gli restituirò il favore.<br/>'''Jarod''': Se sei un personaggio così potente, perché non dici chi sei.<br/>'''Pavlov''': No, no. L'anonimato, il vero potere è proprio quello. Chiedilo a Neil. Quel vigliacco lo sa bene. Mi ha pugnalato alle spalle. Ma adesso ho io il coltello dalla parte del manico. Sono io la mannaia che farà giustizia.<br/>'''Jarod''': Abbiamo diritto di vedere in faccia i nostri accusatori.<br/>'''Pavlov''': Oh, che pensiero profondo. Un giorno potresti scriverlo nell'epitaffio di Neil.
 
*{{NDR|Jarod continua a intrattenere gli ascoltatori di Neil}}<br/>'''Jarod''': Il signore del male si aggira fra di noi. Se non riesce a scovarti, colpisce le persone a cui vuoi bene. [...] Amare una persona sarà pure una debolezza, ma è anche la tua forza. Ti fa lottare. Ti aiuta a restare un passo avanti al demone che vuole fiaccarti nell'animo.
 
*{{NDR|Pavlov chiama di nuovo Jarod e stavolta cerca di colpire i suoi sentimenti}}<br/>'''Jarod''': Non sei soltanto un'anima in pena, no...tu sei un uomo solo e disperato, i cui unici compagni sono la rabbia e la malvagità dell'anonimato.<br/>'''Pavlov''': Tu mi sembri molto più solo e disperato di me. Cos'è, ti manca l'amore di mamma e papà? Già...ho sentito la tua storia strappalacrime del rapimento.<br/>'''Jarod''': I miei genitori non sono l'argomento in questione.<br/>'''Pavlov''': No, immagino che loro siano tutta la tua vita! La vita che continui a cercare disperatamente notte e giorno. Quali atroci dubbi devono attanagliare la tua anima...<br/>'''Jarod''': Di che dubbi stai parlando?<br/>'''Pavlov''': Forse i miei genitori hanno perduto le speranze, forse credono che il loro adorato bambino sia morto. O forse non ci sono più. E mentre tu ti arrovelli il cervello e ti affanni a cercarli...loro sono già cibo per vermi.<br/>'''Jarod''': Sai una cosa, Pavlov, quando ti troverò...<br/>'''Pavlov''': Non riuscirai mai a trovarmi. Sono uno dei segreti di Neil. Una contraddizione dentro un paradosso avvolto in un enigma.
 
*{{NDR|Thomas va a trovare Miss Parker al Centro}}<br/>'''Tommy''': Questo posto è molto più protetto di Alcatraz!<br/>'''Parker''': Che sei venuto a fare?<br/>'''Tommy''': Non pensavi quello che hai detto. Non eri tu che parlavi, era tuo padre, è qui dentro che vi fanno diventare insensibili!<br/>'''Parker''': Per te è molto facile, non è vero? Un giorno entri nella mia vita, la smembri come se fosse un immobile da ristrutturare, tieni le parti che preferisci e butti via tutto il resto, nessuna conseguenza, nessun impegno!<br/>'''Tommy''': Se questo non è un impegno, cosa sarei venuto a fare?!<br/>'''Parker''': Io so solamente che il tuo unico legame con il mondo è una casa vuota, una borsa di attrezzi e un vecchio furgone, beh io non ho questa libertà! Ho degli obblighi, dei rapporti con le persone!<br/>'''Tommy''': Hai degli obblighi?! Rapporti con le persone?! Beh, da come l'hai detto sembrerebbero piuttosto intimi. La posta la ricevi chissà dove, il tuo numero non è sull'elenco e non ho mai avuto il piacere di conoscere uno dei tuoi colleghi di lavoro.<br/>'''Parker''': Ho la mia vita.<br/>'''Tommy''': Che ti rifiuti di condividere. Questa non è vita, Parker, è una condanna.<br/>{{NDR|Miss Parker fa per andarsene}}<br/>'''Tommy''': Parker. Ti prego, non farmi lasciare parte della mia vita qui. Ti prego.
 
*{{NDR|Miss Parker risponde al telefono, convinta che sia Tommy, invece la sta chiamando Jarod}}<br/>'''Parker''': Mi dispiace, fra noi due è finita Tommy.<br/>'''Jarod''': No...sono io.<br/>'''Parker''': Jarod...Hai un altro rebus da sottopormi?<br/>'''Jarod''': Volevo solo dirti che Thomas sta vendendo la casa, ma a quanto pare è chiaro che ne avete già parlato.<br/>'''Parker''': Già. Si trasferisce nell'Oregon...e vuole che vada con lui.<br/>'''Jarod''': E allora vai...<br/>'''Parker''': {{NDR|Ridacchia}} Ti piacerebbe, eh? Comunque è troppo tardi.<br/>'''Jarod''': Hai litigato con lui, vero?<br/>{{NDR|Miss Parker non risponde}}<br/>'''Jarod''': Non è questo che vuoi, Miss Parker...<br/>'''Parker''': All'improvviso sapete tutti quello che voglio!<br/>'''Jarod''': Tua madre l'ha sempre saputo. Venne uccisa perché cercava di andarsene dal Centro, voleva portarti il più lontano possibile da lì. E' solo questo che vuole Thomas...Non è una coincidenza.
 
*{{NDR|Neil spiega a Jarod di aver seguito le gesta di un "buon samaritano"}}<br/>'''Neil''': Ho l'impressione che tu sia un uomo molto intelligente. Sai, ho seguito le gesta di un altro uomo intelligente. Un tipo misterioso, che appare all'improvviso in luoghi inaspettati. E aiuta i più deboli e gli indifesi.<br/>{{NDR|Neil dà a Jarod una cartella che contiene ritagli di giornale che parlano di lui}}<br/>'''Neil''': Credi che avrei detto i miei segreti a uno qualsiasi?<br/>'''Jarod''': Perché non mi hai smascherato alla radio?<br/>'''Neil''': No. No, la mia specialità sono gli intrighi sporchi.
 
*{{NDR|Angela avvisa Jarod della visita degli spazzini}}<br/>'''Angela''': Sono venute delle persone allo studio, e hanno chiesto di Jarod. Erano in giacca e cravatta, uno di loro si chiama Sam.<br/>'''Jarod''': Mi hanno trovato.<br/>'''Neil''': Chi sono?<br/>'''Jarod''': Il potere del male.
 
*{{NDR|Jarod e Neil parlano alla radio per attirare Pavlov e il Centro in trappola}}<br/>'''Jarod''': Guarda un po' chi c'è sulla 1. Va' pure, Pavlov!<br/>'''Pavlov''': Non avresti dovuto farlo.<br/>'''Jarod''': E perchè no? Neil ti aspetta, vieni qui allo studio a prenderti la rivicinta! Esegui la tua sentenza, signor padre eterno!<br/>'''Pavlov''': Lo farò. ma non dove ti aspetti tu.<br/>'''Jarod''': Già, è vero. Tu sei un enigma avvolto in un paradosso. O forse era il contrario? Ho l'impressione che non sia più tu a condurre le danze.<br/>'''Pavlov''': Non farti troppe illusioni caro orfanello, ho sempre io il coltello dalla parte del manico.
 
*{{NDR|Jarod prende in trappola Pavlov e lo lega a una sedia}}<br/>'''Jarod''': Le trappole hanno una caratteristica. Non fanno distinzioni fra cacciatore e preda.<br/>{{NDR|Il folle si trova un ratto intrappolato sulle gambe}}<br/>'''Jarod''': Scusa se ti ho rubato la metafora, ma direi che è proprio adatta al caso. Topo, trappola. Topo, trappola! Ti ho preso!
 
*{{NDR|Il simulatore, furioso, urla addosso al Dr. Spence}}<br/>{{NDR|Jarod prende delle foto da una cartella e iniziando a gettarle addosso all'uomo legato}}<br/>'''Jarod''': Guarda, foto di cavie umane da laboratorio. Gente che hai deciso che non doveva conoscere la verità. Cavie umane, porcellini d'india, topi di laboratorio, persone!<br/>'''Pavlov''': Sono stato in prigione sette anni per questo!<br/>'''Jarod''': Tu non sai cosa significa sentirsi imprigionati! Spesso la prigione più terribile è quella che si deve affrontare quando ci si sveglia ogni mattina! Quando credi di vivere libero e invece sei seguito, braccato!
 
*{{NDR|Dato che Spence è diabetico, Jarod ha organizzato un modo per farlo confessare}}<br/>'''Jarod''': Solo una di quelle siringhe contiene insulina, le altre due una sostanza sperimentale che può rivelarsi letale. Ma quello che può funzionare sulle cavie del Dr. Spence...può funzionare anche per lui...{{NDR|Mangia una barretta di cioccolato}} Zucchero...mmm, che buono!<br/>'''Pavlov''': Tu sei un pazzo!<br/>'''Jarod''': Prova a fare 1-2-3, può darsi che indovini! Ma in tutta franchezza le probabilità che indovini sono piuttosto scarse...In bocca al lupo, eh?
 
*{{NDR|Dopo aver detto la verità, il Dr. Spence vorrebbe la sua iniezione di insulina}}<br/>'''Pavlov''': Qualche contiene l'insulina?<br/>'''Jarod''': Tutte e tre. Io non sono quello che pensi tu. Goditi il formaggio.<br/>{{NDR|Jarod gli fa sentire la conversazione registrata pochi istanti prima}}<br/>'''Jarod''': Neil sarà contento. Ti immagini che indici d'ascolto?!
 
*{{NDR|Miss Parker torna da Thomas e gli confessa le sue paure}}<br/>'''Thomas''': E' forse un sì?<br/>'''Parker''': Ci sono cose di me...che tu devi sapere prima di rendermi...parte della tua vita.<br/>'''Thomas''': Senti, io non credo...<br/>{{NDR|Miss Parker lo blocca}}<br/>'''Parker''': Avevi ragione. Non...non ero io a parlare. Non sono stata me stessa per tanto tempo e adesso...amandoti...me ne sono resa conto. Ci sono alcune cose di me...veramente molto oscure.<br/>'''Thomas''': E hai paura che se io venissi a saperle non le accetterei? Ascolta...se c'è qualcosa che non va, vedremo di sistemarla insieme. Sono un restauratore, ricordi?<br/>{{NDR|Ridono entrambi}}<br/>'''Parker''': Farai di me il tuo nuovo progetto?<br/>'''Thomas''': Sì, un progetto che non venderò mai.
 
*{{NDR|Neil è tornato alla radio e fa un ultimo saluto a Jarod, che lo ascolta dalla macchina}}<br/>'''Neil''': Prima o poi tutti arriviamo a delle tappe fondamentali della nostra vita. Come molti di voi sanno, recentemente ne ho raggiunta una molto importante. E ci sono arrivato grazie ad un nuovo amico. So che in questo momento mi ascolti. Tieni gli occhi aperti e non fermarti mai. Perché un giorno, lungo la strada, troverai la tua meta. Buonanotte, Chicago.
<!-- ************************************
NASCONDO GLI EPISODI SENZA CITAZIONI
************************************
Per rimettere gli episodi spostarli sopra questo avviso
 
==Episodio 16, ''Buonanotte, Chicago''==
==Episodio 17, ''Legami che uniscono''==
==Episodio 18, ''Un amore perduto''==
200

contributi