Differenze tra le versioni di "E. M. Forster"

→‎Explicit: L'explicit citato non appartiene a "Casa Howard", bensì a "Monteriano". Pertanto, ho provveduto a cencellarlo.
(→‎Explicit: L'explicit citato non appartiene a "Casa Howard", bensì a "Monteriano". Pertanto, ho provveduto a cencellarlo.)
 
===[[Explicit]]===
Gli occhi di Philip erano fissi sul campanile di Airolo. Ma vedeva invece il bel mito di Endimione. Questa donna era una dea fino alla fine. Nessun amore poteva degradarla: lei rimaneva al di fuori di ogni degradazione. Questo episodio, che lei considerava così sordido, e che era tanto tragico per lui, rimaneva supremamente bello. Egli s'era innalzato a tale altezza, che senza rimpianto ora le avrebbe potuto dire che anche lui l'adorava. Ma a che cosa serviva dirglielo? Poiché tutte le cose meravigliose erano già accadute.<br />«Grazie,» fu tutto quello che si permise di dire. «Grazie di tutto.»<br />Lei lo guardò con grande amicizia, perché le aveva reso la vita sopportabile. In quel momento il treno entrò nella galleria del San Gottardo. S'affrettarono a rientrare nello scompartimento e a chiudere il finestrino, perché i carboncini non entrassero negli occhi di Harriet.
 
==''Il viaggio più lungo''==
Utente anonimo