Differenze tra le versioni di "Jarod il camaleonte (terza stagione)"

*{{NDR|Jarod è sott'acqua e sta ripensando a come ci è arrivato, così inizia a raccontare la storia dell'episodio}}<br/>'''Jarod''': {{NDR|Voce narrante}} E' da quand'ero bambino che la gente mi dice che sono speciale, che ho un dono, che posso diventare qualunque cosa voglio. Non avrei mai immaginato di finire così, nell'Oceano Atlantico, come un'àncora umana. Ma forse è meglio cominciare dall'inizio. {{NDR|Dopo aver ascoltato la battuta di un attore}} Il Comedy Slot, dove le battute sono eleganti come i suoi clienti. Non rideva proprio nessuno, specialmente io. Avevo letto tutti questi annunci per settimane, ma non sapevo ancora chi li aveva messi. Era troppo banale per essere una trappola del Centro, ma dovevo stare attento. E' per questo che non lasciai tracce alle Hawaii, ed è per questo che avrei dovuto girarmi e andarmene non appena riconobbi l'autore degli annunci. Argyle. Una volta mi salvò la vita. E poi cercò di vendermi al Centro.
 
*{{NDR|Jarod incontra Argyle al Comedy Slot di Atlantic City}}<br/>'''Argyle''': Jarod! Che piacere vederti, sapevo che avresti letto i miei annunci!<br/>'''Jarod''': Metà della popolazione dello stato li ha letti.<br/>[...]<br/>'''Argyle''': Ehi, cambi ancora identità quando vuoi? Nei panni di chi sei adesso?<br/>'''Jarod''': Di un idiota! Che cavolo vuoi?<br/>'''Argyle''': Cosa voglio? Un altro paio di Martini, ecco c-cosa voglio, ma senza oliva. Ok, cosa voglio? Voglio che tutti vadano d'accordo, che siano tutti felici.<br/>'''Jarod''': Cominciando da te stesso!<br/>'''Argyle''': Lo credo, ci mancherebbe. Guardami, chi potrebbe essere più felice di me? Sono un pezzo da novanta qui dentro, ho la stima e il rispetto di tutti.<br/>'''Jarod''': Chi hai dovuto vendere per averlo?<br/>'''Argyle''': Non devi dire così. Non è bello, dovrei spararti. {{NDR|Fa un gesto teatrale}} Ma ti perdono.<br/>'''Jarod''': Cosa hai fatto a quel dito?<br/>'''Argyle''': Ah, questo? Incidente sul lavoro.<br/>'''Jarod''': Avrebbero dovuto tagliarti la mano! Allora, che cosa vuoi?<br/>'''Argyle''': Ok, ti racconto tutto, eh...C'è un certo signor Faddas<ref>Anche se il nome del mafioso è scritto ''Faddis'', in lingua originale viene pronunciato velocemente, di conseguenza in italiano è diventato ''Faddas''.</ref> qui in città, il signor Sonny Faddas, è una specie di grosso imprenditore. E' un mio grande amico.<br/>'''Jarod''': Gli amici spezzano il pane, non le dita.<br/>'''Argyle''': Ok, ho capito quello che pensi sul mio dito, hai torto, ha della gente che fa queste cose per lui, ok? Recentemente mi ha fornito un piccolo aiuto finanziario.<br/>'''Jarod''': Piccolo quanto, scusa?<br/>'''Argyle''': 5000 dollari.<br/>'''Jarod''': Che cosa? E tu mi avresti fatto venire qui per avere 5000 dollari?!<br/>'''Argyle''': Senti Jarod, questo signor Sonny Faddas è un tipo pericoloso, ok? Ha fatto scegliere a me quale dito dovevano rompermi. Gli ho detto questo qui {{NDR|indica il suo medio, fasciato}}, gli altri mi servono per prendere le cose. La morale, caro Jarod, è che se non gli restituisco quei soldi Argyle sarà solo un bel ricordo. {{NDR|Fa il gesto di tagliarsi la gola}} Tra amici 5000 dollari cosa vuoi che siano?<br/>'''Jarod''': Tu hai cercato di vendermi per dieci!<br/>'''Argyle''': Lo so, lo so benissimo. Lo so che quello che ho fatto è sbagliato, ma so anche che io e tu siamo, come dire, spiritualmente legati. {{NDR|Jarod lo guarda, incredulo}} E non guardarmi in quel modo! Sappiamo come ci si sente a essere soli al mondo, e come è difficile non avere nessuno a cui appoggiarsi. Sei tutto quello che ho, Jarod.<br/>'''Jarod''': {{NDR|Voce Narrante}} Mi trovavo improvvisamente di fronte alla mia simulazione più difficile: diventare amico di Argyle.<br/>'''Argyle''': Sei un amico, Jarod. Sei un vero amico, Jarod!<br/>'''Jarod''': {{NDR|Voce Narrante}} E non mi servivano carte o documenti falsi...<br/>'''Argyle''': Dai, servici un altro paio di drink.<br/>'''Jarod''': {{NDR|Voce Narrante}} Ci voleva molta pazienza...e zero buon senso.
 
*{{NDR|Miss Parker e Thomas parlano dei lavori che deve fare a casa sua}}<br/>'''Thomas''': Sai che cosa ci starebbe bene qui? Un colore chiaro. Togliere i vetri colorati e anche il bay window, così entrerà più luce e tutto l'ambiente sarà molto più illuminato.<br/>'''Parker''': Senti, io direi di rifare solo questa parte rovinata e di ridipingerla. Dello stesso colore.<br/>'''Thomas''': Mmm-Mmm.<br/>'''Parker''': Che cosa c'è?<br/>'''Thomas''': {{NDR|Ride}} Sei...Sei una decisa.<br/>'''Parker''': Una decisa?<br/>'''Thomas''': Sì. Sai, ho lavorato nelle costruzioni per pagarmi il college, sempre al servizio di signore esigenti. Ci sono due tipi di padrone di casa: le indecise, che cambiano continuamente idea e magari ti fanno rifare una stanza appena finita...e quelle come te, che sono decise. Che dicono le cose una volta sola. E basta.<br/>'''Parker''': Io so sempre quello che voglio.
200

contributi