Differenze tra le versioni di "Kṣemarāja"

(Spandanirṇaya)
==''Spandanirṇaya''==
*L'oggetto ultimo di venerazione di ogni scuola teistica non differisce dal principio [[Spanda]]. La varietà della meditazione è dovuta solo alla libertà assoluta di Spanda.<ref>Citato in Mark Dyczkowski 2013, p. 146.</ref>
*La sua vera natura {{NDR| di Spanda}} è la manifestazione di espansione e contrazione del soggetto percipiente e dell'oggetto percepito, che rappresentano l'intera creazione, pura e impura.<ref>Citato in Mark Dyczkowski 2013, p. 118.</ref>
*Tutte le cose sono manifeste perché non sono altro che manifestazione. Il punto è proprio che nulla è manifesto separatamente dalla manifestazione.<ref>Citato in Mark Dyczkowski 2013, p. 80.</ref>
 
26 871

contributi