Differenze tra le versioni di "P. D. James"

m
nessun oggetto della modifica
m
'''Phyllis Dorothy James White, Baronessa James of Holland Park''', meglio nota come '''P. D. James''' (1920 – vivente), scrittrice britannica.
 
== Citazioni di Phyllis Dorothy James ==
*Tutti i moventi per l'[[omicidio]] sono riassunti esaurientemente in queste quattro parole: [[amore]], lussuria, [[denaro]] e [[odio]]. Ti verranno a raccontare, ragazzo, che la più pericolosa è l'odio. Non crederci. La più pericolosa è l'amore. (da ''La stanza dei delitti'', traduzione di Grazia Maria Griffini, Mondadori)
*Essere selezionati nel mucchio è sempre gratificante per la propria autostima e fa sentire in dovere di ricambiare in qualche modo; questo rivela il perché di molti matrimoni altrimenti incomprensibili. (da ''I figli degli uomini'', cap. 7, traduzione di Anna Maria Biavasco e Valentina Guani, Mondadori)
:''What the detective story is about is not murder but the restoration of order''. (citato in ''The Face'', dicembre 1986)
 
== ''Un lavoro inadatto a una donna'' ==
==[[Incipit]] di ''La paziente privata''==
=== [[Incipit]] ===
Il 21 novembre — giorno del suo quarantasettesimo compleanno e tre settimane e due giorni prima di venire uccisa —, Rhoda Gradwyn si recò in Harley Street per presentarsi al primo appuntamento con il chirurgo estetico. Fu lì, in uno studio medico che sembrava essere stato progettato e arredato per ispirare fiducia e placare qualsiasi ansietà, che prese la decisione che avrebbe inesorabilmente portato alla sua morte.
 
== ''Un lavoro inadatto a una donna'' ==
=== [[Incipit]] ===
La mattina della morte di Bernie Pryde – ma poteva anche essere il mattino dopo, perché Bernie morì quando decise di farlo e non pensò che valesse la pena di annotare l'ora approssimativa della propria dipartita – Cordelia rimase bloccata da un guasto della Bakerloo Line fuori Lamberth North, ed era quindi in ritardo di trenta minuti sul suo orario d'ufficio.
 
=== Citazioni ===
* Miss Markland parlò con [[passione]] improvvisa, come se le parole le fossero strappate di bocca:<br />«Non mi piace la sua generazione, Miss Gray. Non mi piace la vostra [[arroganza]], il vostro [[egoismo]], la vostra [[violenza]], la strana selettività della vostra [[compassione]]. Non pagate nulla di tasca vostra, neanche i vostri ideali. Denigrate, distruggete, e non costruite mai. Provocate le punizioni come bambini ribelli e vi mettete a strillare quando vi castigano. Gli uomini che ho conosciuto, quelli con cui sono cresciuta, non erano così. [...] Lei dirà certamente che sono solo [[invidia|invidiosa]] della [[gioventù]]. È una sindrome piuttosto frequente nella mia generazione.»<br />«Non dovrebbe esserlo. Non riesco a capire cosa ci sia da invidiare. In fondo la gioventù non è un privilegio, ne riceviamo tutti la stessa dose. Qualcuno può essere nato in un periodo più facile o essere più [[ricchezza|ricco]] o più avvantaggiato di altri, ma ciò non ha nulla a che vedere con l'essere giovani. E l'essere giovani a volte è terribile. Non ricorda come poteva essere terribile?»<br />«Sì, lo ricordo. Ma ricordo anche altre cose.» (dal cap. 2)
 
==[[Incipit]] di ''La paziente privata''==
Il 21 novembre — giorno del suo quarantasettesimo compleanno e tre settimane e due giorni prima di venire uccisa —, Rhoda Gradwyn si recò in Harley Street per presentarsi al primo appuntamento con il chirurgo estetico. Fu lì, in uno studio medico che sembrava essere stato progettato e arredato per ispirare fiducia e placare qualsiasi ansietà, che prese la decisione che avrebbe inesorabilmente portato alla sua morte.
 
== Bibliografia ==
*P.D. James, ''La paziente privata'', traduzione di Grazia Maria Griffini, Mondadori, 2009. ISBN 9788804584780
*P.D. James, ''Un laovoro inadatto a una donna - Un indizio per Cordelia Gray'', traduzione di Roberta Rambelli, Mondadori, 1995. ISBN 9788804394617