Spartacus (serie televisiva): differenze tra le versioni

Nessun cambiamento nella dimensione ,  9 anni fa
m
Automa: sistemo automaticamente alcuni degli errori comuni...
m (Automa: sistemo automaticamente alcuni degli errori comuni...)
* '''Nasir''': Non bevi insieme a me?<br>'''Agron''': Voglio essere lucido: Crisso all'alba marcerà verso Roma.<br>'''Nasir''': Mi sono scontrato spesso con il Gallo, ma il suo fetore mi mancherà.<br>'''Agron''': Non posso dire altrettanto.<br>'''Nasir''': Lo odi ancora?<br>'''Agron''': Non sentirò la sua mancanza, perché ho deciso di partire con lui.<br>'''Nasir''': E così lasci Spartacus per marciare con Crisso.<br>'''Agron''': Spartacus sarà sempre un fratello, anche se la pensiamo diversamente. Non c'è nulla per me al di là delle Alpi: non sono un pastore, e non so coltivare. Sangue e battaglia, non conosco altro!<br>'''Nasir''': Dunque è deciso: marceremo verso Roma con Crisso.<br>'''Agron''': Quello che hai appena detto allieta lo spirito, ma ti chiedo di restare con Spartacus.<br>'''Nasir''': Ma il mio posto è vicino a te, Agron.<br>'''Agron''': Non questa volta.<br>'''Nasir''': Avevi giurato che neppure gli Dei ti avrebbero strappato da me, e invece adesso mi getti da parte?<br>'''Agron''': Il mio cuore non palpiterà mai per altri, ma smetterebbe di battere se io ti mandassi nell'Oltretomba.<br>'''Nasir''': Io sono un guerriero!<br>'''Agron''': Del quale io sono estremamente orgoglioso! Tu devi restare qui e aiutare Spartacus a condurre i più deboli verso una vita libera.<br>'''Nasir''': Non chiedermi di separarmi da te...<br>'''Agron''': Io ti sto chiedendo solamente di continuare a vivere, e di godere di ciò che il Fato ti offrirà nel tempo che ti resta.
 
* '''Spartacus''': Crisso, ti devo parlare.<br>'''Nevia''': Sarà come parlare a un sasso, se vuoi fargli cambiare idea.<br>'''Spartacus''': Volevo soltanto brindare con un uomo di valore.<br>'''Crisso''': Qualità non sempre riconosciuta.<br>'''Spartacus''': Né posseduta da tutti.<br>'''Crisso''': Da noi due sicuramente sì.<br>'''Spartacus''': Spesso sono stato molto testardo.<br>'''Crisso''': Una caratteristica che abbiamo in comune, del resto.<br>'''Spartacus''': ÉÈ sorprendente, che non ci siamo ancora scannati. Magari potessimo tornare indietro: faremmo ancora meglio.<br>'''Crisso''': Io non farei nulla di diverso. Abbiamo compiuto l'impossibile: abbiamo mandato in rovina la casa di Batiato, abbiamo ridotto in cenere l'arena di Capua, sconfitto Glabro e le tante legioni romane che sono seguite, sanato il cuore strappato dal petto. Se non avessi avuto il conforto di una femmina, forse il nostro cammino sarebbe stato meno glorioso.<br>'''Spartacus''': Batiato un giorno lontano mi disse che bisogna accettare il proprio destino, oppure...<br>'''Crisso''': ...oppure esserne annientati. Quel cane rognoso lo diceva a tutti.<br>'''Spartacus''': Io mi auguro che tu ottenga ciò che desideri e spero che un giorno ci si possa rincontrare in questa vita.
 
* '''Spartacus''': Sei proprio sicuro?<br>'''Agron''': Non sempre ho creduto nelle tue strategie.<br>'''Spartacus''': Me ne sono accorto, e ti ringrazio di aver eseguito gli ordini, anche quando non ci credevi.<br>'''Agron''': Io credevo nell'uomo. E lo farò sempre.<br>'''Spartacus''': Ti auguro di trovare quello che cerchi.<br>'''Agron''': Anch'io spero che tu trovi conforto in mezzo alle avversità. Te lo meriteresti, fratello.
* '''Crisso''': Spartacus! Quando ci battevamo per la casa di Batiato, ti dissi che avremmo potuto essere fratelli, in un'altra vita.<br>'''Spartacus''': Ma non in questa.<br>'''Crisso''': Ebbene, mi sbagliavo: per me sarai sempre un fratello.<br>'''Spartacus''': E tu lo sarai per me.
 
* '''Crisso''': {{NDR|Discorso d'incitamento ai soldati}} Roma è dinanzi a noi, a un passo dai nostri artigli! ÉÈ difesa solo da un'unica legione, guidata da quell'asino incapace di Arrius: è tutto ciò che si frappone fra noi e una vittoria gloriosa destinata a divenire leggenda! Tanti e tanti anni fa, quando ero un gladiatore di proprietà della casa di Batiato, il mio maestro, Enomao, pose una domanda alle reclute che si battevano in cerca di gloria calcando la sabbia dell'arena. Chiese: che cosa c'è sotto i vostri piedi?<br>'''Agron''': Terra sacra! Imbevuta di lacrime di sangue!<br>'''Crisso''': E in questo giorno dovrà essere Roma a stillare sangue e lacrime! Siete pronti a combattere? Siete pronti a combattere? Siamo pronti a combattere!
 
== Voci correlate ==
69 545

contributi