Martha Nussbaum: differenze tra le versioni

1 376 byte aggiunti ,  9 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Annullata la modifica 398417 di 93.46.199.9 (discussione), senza fonte)
Nessun oggetto della modifica
*Oggi stiamo cercando di costruire una scuola in cui le donne, i membri di minoranze etniche e religiose e le persone che appartengono a culture non occidentali possano essere visti e ascoltati, con rispetto e amore, sia in veste di portatori di una conoscenza specifica, sia come oggetto di studio. Una scuola in cui si consideri che il mondo è formato da molti tipi diversi di cittadini e nella quale si possa tutti imparare a comportarsi come cittadini dei mondo. (da ''Coltivare l'umanità'', 1999)
*Possiamo provare [[compassione|com-passione]] solo fino a quando crediamo che la persona sofferente condivide con noi vulnerabilità e possibilità. (da ''Compassion and Terror'', p. 16)
 
==Non per profitto==
*Tutte le democrazie moderne sono società nelle quali il significato e lo scopo ultimo della vita umana sono argomenti di ragionevole disaccordo fra cittadini che hanno vedute religiose e secolari molto diverse [...]. Ciò su cui possiamo comunque essere d'accordo è che in tutto il mondo, cioè in ogni [[nazione]] abbastanza fortunata da essere democratica, i giovani devono essere abituati a partecipare a una forma di governo in cui le persone si informano sulle problematiche fondamentali che saranno oggetto del loro voto e, talvolta, della loro azione come funzionari eletti o motivati. Ogni [[democrazia]] moderna è anche una società nella quale le persone differiscono molto, per molteplici aspetti, come religione, etnicità, ricchezza e classe sociale, condizione fisica, genere e orientamento sessuale, e in cui tutti gli aventi diritto al voto compiono scelte che hanno una ricaduta notevole anche sulla vita di persone assai diverse da loro. Un modo di valutare un progetto educativo è chiederci in che modo esso prepari i giovani a vivere in un'organizzazione sociale e politica che abbia queste caratteristiche. Senza il concorso di cittadini educati in maniera appropriata, nessuna democrazia può rimanere stabile. (''Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica'', Il Mulino 2013 2a ed. pag. 28)
 
==Bibliografia==
46

contributi