Differenze tra le versioni di "Publio Terenzio Afro"

m
nessun oggetto della modifica
(→‎Altri progetti: semplifico source, + opere)
m
'''Publio Terenzio Afro''', in latino ''Publius Terentius Afer'' (195 a.C. – 159 a.C.), commediografo romano.
 
==''Adelphoe'' (''I fratelli'')==
===[[Incipit]]===
Storace! Questa notte Eschino non è tornata da pranzo, e così nessuno degli schiavetti che gli sono andati incontro. È proprio vero quel che dicono: se ti assenti, è meglio che si avverino gli accidenti che tua moglie ti manda.
===Citazioni===
*O dei immortali, non vi è di peggio che un ignorante che non riconosce nulla giusto se non quello che piace a lui. (I, 2, 98-99)
*La vera [[saggezza]] consiste non solo nel vedere ciò che ci sta davanti al naso, ma anche nel prevedere ciò che potrebbe accaderci. (III, 3)
*Spesso ti accadrà di dire, quando due fanno la stessa cosa: Ciò che questi può fare [[impunità|impunemente]], non è lecito all'altro. (V, 3, 827-828)
:''Duo quum idem faciunt, saepe ut possis dicere: | Hoc licet impune facere huic, illi non licet''.
 
==''Andria'' (''La ragazza di Andros'')==
===[[Incipit]]===
====Massimo Rossi====
*Il mio [[prossimo]] per me è me stesso. (IV, I, 637)
:''Proximus sum egomet mihi''.
*Io sono Davo, non sono Edipo. (I, 3, 194, citato<ref>Citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. 521.</ref>)
:''Davus sum, non Oedipus''.
*Quando la mente è presa dal [[dubbio]] viene spinta qua e là da un impulso leggerissimo. (I, 5)
*Non si dice cosa alcuna che non sia stata detta avanti. (prol., 41)
:''Nullum est jam dictum, quod non dictum sit prius''.
*È da saggi provare tutte le vie prima di arrivare alle [[arma|armi]]. (789)
:''Omnia prius ecperiri quam armis sapientem decet''.
*Senza Cerere e Bacco, [[Venere]] è gelata. (IV, 6, 731)
:''Sine Cerere et Libero'' (non ''Baccho'') ''friget Venus''.
 
==''Heautontimoroumenos'' (''Il punitore di se stesso'')==
*Sono un [[uomo]] e nulla di ciò che è umano mi è estraneo. (I, 1, 77<ref>Citato in Françoise Waquet, ''Latino. L'impero di un segno (XVI-XX secolo)'', traduzione di Alessandro Serra, Feltrinelli, Milano, 2004, [http://books.google.it/books?id=Z3U7wSJrJDUC&pg=PA293 p. 293]. ISBN 88-07-10370-2</ref>)
:''[[w:Homo sum, humani nihil a me alienum puto|Homo sum, humani nihil a me alienum puto]]''.
{{Pedia|Heautontimorumenos||(163 a.C.)}}
{{Pedia|Eunuchus||(161 a.C.)}}
{{Pedia|Phormio||(161 a.C.)}}
{{Pedia|Adelphoe||(160 a.C.)}}