Differenze tra le versioni di "Café Express"

m
orfanizzo template obsoleto
m
m (orfanizzo template obsoleto)
* Il [[caffè]] è un amico, un amico che ti tiene sveglio, fa sta' più allegri e qualche volta evita i dispiaceri. ('''Michele Abbagnano''')
 
{{*|{{NDR|Raccontando a Suor Camilla come aveva perso il braccio}} Una notte che a Casavatore ci stava una tempesta terribile e due criature rimanettero dentro a un incendio... fischiava il vento e urlava la bufera, ma io li sentetti strillare e me buttai in mezzo alle fiamme eh... all'ospedale quando mi svegliai mi dicettero che le due criature si avevano salvate ma il braccio mio no... lo volete sempre il resto?
 
*{{NDR|Raccontando a Imbastaro come aveva perso il braccio}} Io pure per esempio facevo il pianista [...] una sera ad Aversa durante un concerto all'aperto scoppiò una tempesta terribbile: fischiava il vento e urlava la bufera... e proprio mentre stavo suonando il ritornello della sinfonia, mi si è chiuso il coperchio del pianoforte...
== Dialoghi ==
 
{{*|'''Improta''' {{NDR|Al capostazione che sta per dare il segnale di partenza}}: Uè scusate tanto un minuto, eh, ma c'è un nostro amico che sta un momento al cesso... <br/> '''Capostazione''': Eh, proprio adesso? <br/> '''Improta''': E che volete fare eh? quello quando scappa, scappa. <br/> '''Amitrano''': Ma è mai possibile che deve fare questo ogni volta che dobbiamo lavorare? <br/> '''Improta''': E quello è l'apprensione ognuno la vince come può, io per esempio la vinco pregando. <br/> '''Amitrano''': Eh, e isso la vince cacando!}}
 
* '''Abbagnano''' {{NDR|vedendo le bambine nello scompartimento della suora}}: Sono orfani? <br/> '''Suor Camilla''': Sono figli di Dio! <br/> '''Abbagnano''': ... Orfani!
 
{{*|'''Padre del morto''' {{NDR|per spiegare il pianto di una donna}}: Sta troppo dispiaciuta... <br/> '''Michele Abbagnano''': Ma che è stato? <br/> '''Madre del morto''': Mio figlio lavorava dentro a 'na cava, è venuto a chiovere e s'è sgarrupato tutto... alla cava di chillo signore là. <br/> '''Padre del morto''': Ha passato il guaio pure lui, poveraccio! non lo teneva neanche assicurato mio figlio! <br/> '''Michele Abbagnano''': Ah...! <br/> '''Padre del morto''': Lo faceva lavorare pe' carità. <br/> '''Madre del morto''': È stato tanto buono... ci ha portato a vedere il funerale tutti quanti, a spese sue... <br/> '''Michele Abbagnano''': Non v'ha fatto pagà neanche il biglietto, eh? <br/> '''Padre del morto''': No... niente... <br/> '''Michele Abbagnano''': Eh che brava persona!}}
 
* '''Michele Abbagnano''': Ho saputo della disgrazia. <br/> '''Il padrone della cava''': Ah sì? <br/> '''Michele Abbagnano''': Eh beh, sono guai, eh... adesso voi per esempio, comme fate alla cava senza il guardiano? <br/> '''Il padrone della cava''': Ci metto un cane mastino! <br/> '''Michele Abbagnano''': Buono, eh, ma quanto vi costa? quelli i mastini mangiano assai: pasta, carne... io per esempio la carne non la mangio mai... <br/> '''Il padrone della cava''': Ma il mastino abbaia! <br/> '''Michele Abbagnano''': Sissignore... ma abbaia solamente, io invece so anche telefonare... <br/> '''Il padrone della cava''': A chi? <br/> '''Michele Abbagnano''': Non so, ai carabinieri, se vengono i ladri... <br/> '''Il padrone della cava''': Eh, ci mancano solo i carabinieri dentro la cava mia! non complichiamo le cose, quello il mastino quando abbiaia i ladri se ne scappano! <br/> '''Michele Abbagnano''': Eh già, se scappano... <br/> '''Il padrone della cava''': E se non se ne scappano li sbrana! <br/> '''Michele Abbagnano''': Beh, a sbranare i cristiani io forse non so' capace, quello ci vuole una vocazione speciale... però volendo so anche abbaiare, volete sentire?
 
{{*|'''Antonio Cammarota''': No io capisco che sei preoccupato, ma non te la puoi pigliare cò 'mmè <br/> '''Michele Abbagnano''': Ma chi ha detto che se la piglia cò 'ttè <br/> '''Antonio Cammarota''': E tu ti alteri! <br/> '''Michele Abbagnano''': E perché sto incazzato! <br/> '''Antonio Cammarota''': Ma io che c'entro? <br/> '''Michele Abbagnano''': Ma chi ti ha detto che sto incazzato cò 'ttè? <br/> '''Antonio Cammarota''': E noi qua due siamo! <br/> '''Michele Abbagnano''': E io sto incazzato cò 'mmè, va bene? posso esser incazzato cò 'mmè? }}
 
* '''Imbastaro''': Ah, bravo bravo, ci voleva proprio un cappuccino... <br/> '''Michele Abbagnano''': Un momento, questo è per il Cavaliere delle Nazioni Unite... <br/> '''Imbastaro''': Quali Nazioni Unite? <br/> '''Michele Abbagnano''' {{NDR|indicando le iniziali sul cappello dello spazzino addormentato}}: N – U: il Cavaliere porta gli aiuti ai terremotati del Sud ...<ref>Si riferisce al terremoto del 1968 nel Belice, in Sicilia.</ref><br/> '''Imbastaro''': Ma come, quello mi ha detto che porta il camion d'à monnìzza. <br/> '''Michele Abbagnano''': E secondo voi, le Nazioni Unite che ci portano ai terremotati del Sud?
 
{{*|'''Viaggiatore alto''': E allora due caffé <br/> '''Michele Abbagnano''': Lunghi?<br/> '''Viaggiatore alto''': No, perché? <br/> '''Michele Abbagnano''': Così... scendete giù voi a pigliarveli o ve li porto su io?}}
 
* '''Suor Camilla''': Pss! sentite! <br/> '''Michele Abbagnano''': Dite... <br/> '''Suor Camilla''': Mi fate una cortesia? <br/> '''Michele Abbagnano''': Certamente... <br/> '''Suor Camilla''': Mi chiamate il capotreno? <br/> '''Michele Abbagnano''': ...Io? <br/> '''Suor Camilla''': Io non mi posso muovere, c'ho le bambine! <br/> '''Michele Abbagnano''': Ma pecché, ch'è stato? <br/> '''Suor Camilla''' {{NDR|indicando uno scompartimento chiuso}}: Quei due la dentro... non avete visto che stanno facendo? <br/> '''Michele Abbagnano''': Che stanno facendo? <br/> '''Suor Camilla''': E guardate... <br/> '''Michele Abbagnano''': Qua non si vede niente, stanno le tendine chiuse! <br/> '''Suor Camilla''': Eeeh, ma se vi mettete qua, in punta di piedi, e guardate di traverso... si vede tutto! <br/> '''Michele Abbagnano''': E voi non vi mettete qua, in punta di piedi, e non guardate di traverso, e così non vedete niente!
 
{{*|'''Michele Abbagnano''': Ma che hai fatto a 'sta mano? <br/> '''Operaio''': La pressa m'ha scamazzato il dito mignolo. <br/> '''Michele Abbagnano''': Ah, bbuono! allora può piglià 'a pensione? <br/> '''Operaio''': Ennò, quella ce ne volevano almeno due... <br/> '''Michele Abbagnano''': Ah, che peccato... sei stato sfortunato! <br/> '''Operaio''': E a te quanno te rann' e' pensione? <br/> '''Michele Abbagnano''': Ammè? niente! <br/> '''Operaio''': Ma pecchè, nun t'à spetta? <br/> '''Michele Abbagnano''': Mi aspetta ma nun me la danno... <br/> '''Operaio''': Almeno la pratica l'hai aperta? <br/> '''Michele Abbagnano''': No, per aprire l'ho aperta eh, so' anni che sta aperta... <br/> '''Operaio''': E allora che aspettano? <br/> '''Michele Abbagnano''': E che aspettano... che mmoro, così la chiudono...}}
 
* '''Michele Abbagnano''' {{NDR|porgendo un thermos al barista della stazione}}: Mi fate una cortesia, mi scaldate un poco il latte per il bambino? <br/> '''Barista''': Subito subito! <br/> '''Michele Abbagnano''': Grazie! <br/> '''Barista''': Prego! <br/> '''Michele Abbagnano''': Uei! vero café espress! {{NDR|porge al barista un altro thermos}} una sbruffata pure a quest'... <br/> '''Barista''': E quanto bbeve 'stu guaglione? <br/> '''Michele Abbagnano''': E dobbiamo arrivare in Germania... grazie... {{NDR|prendendo alcune bustine di zucchero}}: quante ne spettano? <br/> '''Barista della stazione''': Eeh, cumm' ve piace! <br/> '''Michele Abbagnano''': Assai zuccherato! {{NDR|prende altre bustine}} ...però ce le metto dopo, il viaggio è lungo, eh!
 
{{*|{{NDR|Militari fermano Michele Abbagnano parlando un linguaggio incomprensibile e ispezionano il suo cestino}} <br/> '''Michele Abbagnano''': Sò patane<ref>''Patate'' nel dialetto campano.</ref>, pane e patane... <br/> '''Militare''': Le patane? <br/> '''Michele Abbagnano''' {{NDR|credendoli tedeschi}}: Kartoffeln!<ref>''Patate'' in lingua tedesca.</ref> <br/> '''Militare''': Kartoffeln? <br/> '''Michele Abbagnano''': Kartoffeln, patane! <br/> {{NDR|arrivano altri militari con pastori tedeschi}} <br/> '''Michele Abbagnano''': Io nichte! io kameraten!<ref>''Io niente, io camerata'' in lingua tedesca maccheronica.</ref> <br/> '''Militare''': Kameraten? <br/> '''Michele Abbagnano''': Kameraten, kartoffeln! <br/> '''Militare''': Kartoffeln? <br/> '''Altro militare''': Ma che cazzo state dicendo? <br/> '''Michele Abbagnano''': Ma siete italiani? <br/> '''Altro militare''': Siamo dell'Orobica...<ref>Brigata alpina ora soppressa, utilizzata anche per la sorveglianza delle linee ferroviarie.</ref> <br/> '''Michele Abbagnano''': Però parlate italiano! <br/> '''Altro militare''': Beh, insomma... questi son quasi tutti quanti bergamaschi... stiamo cercando le bombe sulla linea, è per questo t'hanno fermato. Che tieni e' bbombe tu? <br/> '''Michele Abbagnano''': Sì sì, comme no... <br/> '''Altro militare''': Eh? <br/> '''Michele Abbagnano''': No no, comme sì, che bombe! <br/> '''Altro militare''': Ti sei fatto bianco bianco, te sei messo paura? <br/> '''Michele Abbagnano''': No, e quella ce l'ho sempre... quella è paura di avere paura...}}
 
* '''Improta''': Permettete una domanda? <br/> '''Michele Abbagnano''': Dito! <br/> '''Improta''': Voi siete cattolico? <br/> '''Michele Abbagnano''': No, io so' disoccupato... <br/> '''Improta''': Oh, e fate male a non credere, perché il Padreterno questa notte ha voluto preparare due grazie, proprio per voi... <br/> '''Michele Abbagnano''': Veramente? <br/> '''Improta''': Quello vede tutto, evidentemente ha capito che voi avete bisogno di soldi... <br/> '''Michele Abbagnano''': E c'ha messo quarantacinqu'anni per se ne accorgere! <br/> '''Improta''': E che sono di fronte all'eternita! <br/> '''Michele Abbagnano''': E faciteme capì, mo' questo Padreterno, in cambio, che volesse da me? <br/> '''Improta''': Eh eh, niente, una piccola informazione... voi, quando vendete il caffé, volente o nolente voi vi accorgete a chi tiene il portafoglio più gonfio... e voi lo dite a me... <br/> '''Michele Abbagnano''': E voi volente o nolente glielo sgonfiate... <br/> '''Improta''': No, volente! <br/> '''Michele Abbagnano''': Ho capito... oh, ma la grazia dove sta? <br/> '''Improta''': Oh... il Padreterno nella sua infinita misericordia, vi prepara ogni sera per voi una bbella ventimila lire... <br/> '''Michele Abbagnano''': E io addivento ladro per grazia divina... sentite a me... dite a questo vostro Padreterno che non mi avete trovato. <br/> '''Improta''': Però vi siete dimenticato della seconda grazia... <br/> '''Michele Abbagnano''': No, se è come la prima non la voglio neanche sentire! <br/> '''Improta''': No, è diversa, quello il Padreterno vi vuole avvertire che facendo così andate incontro a qualche dispiacere, con frattura degli arti inferiori e superiori, e degenza ospedaliera con prognosi riservata! <br/> '''Michele Abbagnano''': Questo castigo di Dio per mancata collaborazione chi me lo porterebbe? <br/> '''Improta''': Diodato Amitrano detto 'o pazzo! <br/> '''Michele Abbagnano''': E chi è? <br/> '''Amitrano''' {{NDR|Sbarrandogli la strada con un braccio}}: Song' io! <br/> '''Michele Abbagnano''': Uè, ha mandato pure l'Arcangelo Gabriele, oì... <br/> '''Amitrano''': E allora? <br/> '''Michele Abbagnano''': E allora... eh... e allora se la situazione è questa se ne può discutere... <br/> '''Improta''': Eh, e lo sapevo! <br/> '''Michele Abbagnano''': Ma non qua... è una cosa troppo delicata... <br/> '''Amitrano''': E dove? <br/> '''Michele Abbagnano''': Qua. {{NDR|Apre uno scompartimento dove si trovano dei carabinieri}} Maresciallo egregio, tengo due belle sorprese per voi... accomodatevi... <br/> '''Improta''': Ah, no, grazie magari... ne parliamo dopo eh? <br/> '''Amitrano'''. Però ne parlamm', hai capito?
 
{{*| {{NDR|nel tentativo di sfuggire al controllo dei biglietti, Michele Abbagnano cerca di entrare nel gabinetto del treno}} <br/> '''Voce dal gabinetto''': È occupato! <br/> '''Michele Abbagnano''' {{NDR|mette un piede sulla porta del gabinetto}}: Biglietti prego... <br/> '''Voce dal gabinetto''': Ah, sì un momento, subito... <br/> '''Michele Abbagnano''': Allora? <br/> '''Operaio''': Eee lo sto cercanno... ma proprio adesso ve serve, non potete ripassare? <br/> '''Michele Abbagnano''': Eh, no! {{NDR|I controllori si avvicinano}} <br/> '''Voce dal gabinetto''': Ah, eccolo qua, tieni, piglia! <br/> {{NDR|Abbagnano afferra il biglietto, subito dopo arrivano i controllori}} <br/> '''Controllore''': Biglietto... <br/> '''Michele Abbagnano''': Ah... mi scordo sempre dove lo metto {{NDR|finge di cercare il biglietto, poi lo porge al controllore}} <br/> '''Controllore''' {{NDR|timbra il biglietto}}: Grazie... <br/> '''Michele Abbagnano''': Prego! {{NDR|aspetta che i controllori si allontanino, poi restituisce il biglietto timbrato all'uomo nel gabinetto}}: Grazie... <br/> '''Voce dal gabinetto''': Prego!}}
 
* {{NDR|Il capotreno Sanguigno bussa alla porta del gabinetto}} <br/> '''Signora''': È occupato, un momento! <br/> '''Il capotreno Sanguigno''': No, invece! se deve aprì subito! <br/> {{NDR|La signora esce}} <br/> '''Signora''': Ma che è stato? <br/> '''Il capotreno Sanguigno''': È stato che i cessi fino a Napoli devono sta' chiusi! ordine delle Ferrovie dello Stato! <br/> '''Signora''': Aah... questo è stato! <br/> '''Signore''': Ma che è stato? <br/> '''Signora''': Lo Stato ha deciso che ci dobbiamo cacare sotto!
 
{{*|'''Picone''': Quella, la signora, adesso sta impiantando un grande allevamento di polli vicino a Paestum... <br/> '''Sign.ra Valmarana''': Ci proviamo! <br/> '''Michele Abbagnano''': Signo', e perché non fate una società con me? voi ci mettete i soldi, io ci metto la fame, a fine mese contiamo il guadagno, e dividiamo a metà... [...]<br/> '''Sign.ra Valmarana''': Ma lei se ne intende di animali? <br/> '''Michele Abbagnano''': Modestamente tengo la casa piena... <br/> '''Sign.ra Valmarana''': E di che razza sono? <br/> '''Michele Abbagnano''': Zoccole, signora! razza zoccola... ma io le vedo solo la notte. Quando mi sveglio ci stanno sempre occhietti che mi guardano... qualunque cosa faccio, loro mi guardano... <br/> '''Sign.ra Valmarana''': Ma sono topi? <br/> '''Michele Abbagnano''': Topi, sorci... <br/> '''Sign.ra Valmarana''': Pantegane? <br/> '''Michele Abbagnano''': No, no, proprio vicine, però non ci diamo fastidio, io arispetto a loro e loro arispettano a me! so' persone di famiglia oramai, ma ci vediamo poco: facciamo orari diversi...}}
 
* '''Sign.ra Valmarana''': Che simpatico! lei è napoletano? <br/> '''Michele Abbagnano''': Per servirla... <br/> '''Sign.ra Valmarana''': Allora ci canti qualche cosa! <br/> '''Michele Abbagnano''' {{NDR|Rimane interdetto}}: Veramente non canto mai... <br/> '''Sign.ra Valmarana''': Non ne ha voglia? <br/> '''Michele Abbagnano''': No... non tengo il motivo per cantare!...
 
{{*|'''Maresciallo Panepino''': Si può sapere quello che è successo? <br/> '''Il ragioniere''': Quest'individuo propina una mistura che mette a repentaglio la vita dei passeggeri! <br/> '''Michele Abbagnano''': E che è, veleno? sarà venuto malamente ma sempre caffé è, no? <br/> '''Sign.ra Valmarana''': Questo lo dice lei! <br/> '''Michele Abbagnano''': Permettete... scusate Marescià... eccolo qua! provatelo voi e vediamo se è caffè! <br/> '''Maresciallo Panepino''': E sì che lo provo, eh! <br/> '''Picone''': Quello c'ha pisciato dentro!<ref>In realtà è stato Amitrano, per vendetta.</ref> <br/> '''Maresciallo Panepino''': E lo debbo provare io? provatelo voi! <br/> '''Michele Abbagnano''': Allora non ci credete? <br/> '''Sign.ra Valmarana''': Bevete 'sto caffé e facciamola finita! <br/> '''Michele Abbagnano''': E certamente... eh!.. {{NDR|porta il bicchiere alle labbra ma si ferma}} mi dispiace solo per questa mancanza di fiducia... {{NDR|si ferma ancora}} la parola dell'uomo una volta contava qualche cosa... {{NDR|posa il bicchiere}} <br/> '''Maresciallo Panepino''': E che è, non lo bevete? <br/> '''Michele Abbagnano''': E lo zucchero non ce lo devo mettere? <br/> '''Maresciallo Panepino''': Abbagnà... eeh? <br/> '''Michele Abbagnano''': E vabbè... {{NDR|lo beve, e con molta difficoltà riesce ad inghiottire}} bbuono!... è tutta roba naturale... }}
 
* '''Ispettore capo''': Allora, come si chiama? {{NDR|Michele Abbagnano non risponde; l'ispettore consulta dei fogli}} Abbagnano Michele... paternità?... N.N... data di nascita?... quando è nato? <br/> '''Michele Abbagnano''': Il giorno che non ne potetti fare a meno... <br/> '''Ispettore capo''': Due ottobre ventisette... <br/> '''Michele Abbagnano''': E se non arrivavate voi oggi potevate scrivere anche la data di morte... <br/> '''Ispettore capo''': Lei non si sarebbe mai buttato...<ref>Abbagnano aveva minacciato il suicidio restando appeso con una mano fuori dal treno in corsa.</ref> <br/> '''Michele Abbagnano''': E che altro potevo fare? mi volevano pigliare tutto, tutto quello che mi serve per campare... <br/> '''Ispettore capo''': Uno che fa tutte queste scene per sopravvivere alla fine non si suicida. <br/> '''Michele Abbagnano''': Ah, e allora per vivere uno si deve suicidare veramente? e poi che ne potete sapere quanto potevo resistere attaccato là fuori con una mano sola! <br/> '''Ispettore capo''': Eh già, sì... l'altra lei non ce l'ha, vero? <br/> '''Michele Abbagnano''': Nossignore. <br/> '''Ispettore capo''': Come mai? <br/> '''Michele Abbagnano''': E che ve lo dico a fare? <br/> '''Ispettore capo''': Perché io lo devo scrivere sul rapporto. <br/> '''Michele Abbagnano''': ...Durante la guerra io mi trovavo vicino a coso... là... come si chiama... <br/> '''Ispettore capo''': Stalingrado. <br/> '''Michele Abbagnano''': Eh!.. un freddo terribbile, neve ghiaccio dappertutto: un inverno così non ve lo potete neanche immaginare... <br/> '''Ispettore capo''': Fischiava il vento e urlava la bufera... <br/> '''Michele Abbagnano''': Ci stavate anche voi? <br/> '''Ispettore capo''': No, io stavo al Ministero... <br/> '''Michele Abbagnano''': E in che epoca? <br/> '''Ispettore capo''': Dal quarantatré. <br/> '''Michele Abbagnano''': E non vi ricordate di me? <br/> '''Ispettore capo''': No... <br/> '''Michele Abbagnano''': E io nel cinquanta facevo il marmista al Ministero del Trasporto a Roma!.. una sera fischiava il... c'era una tramontana terribbile, e una lastra di marmo mi cadde qua sopra e mi tagliò tutti i tendìni dell'avambraccio, e siccome non si poteva fare niente, gentilmente me la amputarono lì stesso là... <br/> '''Ispettore capo''': E l'altro braccio, il destro, se l'è sfracellato in mezzo a due respingenti, vero? <br/> '''Michele Abbagnano''': No, era sempre il sinistro, ma prima che me lo tagliavano! <br/> '''Ispettore capo''': E quello stritolato dal cingolo di un carro armato inglese in Africa durante una tempesta di sabbia? <br/> '''Michele Abbagnano''': Eh, è passato tanto tempo ma è successo veramente! <br/> '''Ispettore capo''': E quello bruciato per salvare i bambini dall'incendio? <br/> '''Michele Abbagnano''': E purtroppo anco questo è successo! <br/> '''Ispettore capo''': Ma lei quante braccia ha? è successo tutto a lei? <br/> '''Michele Abbagnano''': Non propriamente a me, ma è successo a tanta gente, non poteva capitare pure ammè?
 
{{*|'''Ispettore capo''': Allora, lei è mutilato o no? questo braccio di legno è vero o falso? <br/> '''Michele Abbagnano''': Cerco scusa, ma voi volete sapere se è vero che è vero o se è vero che è falso? <br/> '''Ispettore capo''': Che cosa? <br/> '''Michele Abbagnano''': Em... volete sapere se è falso il braccio o se è falso che è vero? <br/> '''Ispettore capo''': Senta... la smetta con questi giochetti, non le conviene... <br/> '''Michele Abbagnano''': Ispettò, io la verità ve la potrebbe anche dicere... {{NDR|Guarda infastidito il controllore Scognamilio}} ma a voi solo! <br/> '''Ispettore capo''': Sto aspettando! <br/> '''Michele Abbagnano''': E io pure! <br/> '''Ispettore capo''': Che cosa? <br/> '''Michele Abbagnano''' {{NDR|Fissa Scognamilio}}: Oì... chisto pare ca niente fa... eppure scassa 'o cazz'!}}
 
* {{NDR|Michele Abbagnano si è tolto il guanto: non ha un braccio di legno, ma un braccio apparentemente normale}} <br/> '''Ispettore capo''': Io lo sapevo che dietro a tutte le vostre commedie c'è sempre una sola verità tangibile... basta avere la pazienza e la forza di cercarla... <br/> '''Michele Abbagnano''': Ah! esiste una sola verita!.. una solamente... mi fa specio che avete studiato! {{NDR|solleva il braccio: la mano spenzola inerte}} questo è paralizzato... {{NDR|sbatte ripetutamente il braccio sul finestrino e sul tavolino dello scompartimento}} paralizzato veramente! e la gente non lo vuole vedere, le fa impressione! come la miseria! e io invece lo faccio diventare importante, con tutte la storie che ci racconto sopra... il braccio falso è l'unica cosa vera per la gente, qua la verità è quella che si vede, e io con questa verità ci campo... <br/> '''Ispettore capo''': Sì però io queste sue storie non posso scriverle sul rapporto... io ho bisogno di fatti concreti! <br/> '''Michele Abbagnano''': No, voi vi fissate sopra la commedia del braccio perché non volete vedere la tragedia che ci sta indietro... il fatto è che i calci sono sempre diversi, ma il culo è sempre il mio...
143

contributi