Differenze tra le versioni di "Utente:Bradipo Lento/Scarabocchi"

semplifico la parte "citazioni su"
m
(semplifico la parte "citazioni su")
|campo_bio=Serie televisiva anime tratta dall'omonimo romanzo di Tatsuhiko Takimoto, trasposto anche in manga.
|campo_contenuto=
*Certo che oggi la vita è diventata proprio comoda... Basta entrare in un discount per trovare cibo, cosmetici e... perfino telefoni cellulari. Che peccato: tra le altre cose non vendono anche rapporti umani. ('''Hitomi'''')
*Se non si riesce ad avere fiducia in se stessi, è sufficiente immaginare che l'interlocutore sia messo peggio di noi. ('''Misaki''')
*Anche chi sta sempre chiuso in casa, se lo fa per uno scopo preciso non può essere chiamato hikikomori. ('''Satō''')
*Alla fine... ecco cosa significa essere un hikikomori. Praticamente... equivale a essere prigionieri di se stessi. ('''Satō''')
 
===Citazioni su ''Welcome to the NHK''===
*Ancora adesso, io non riesco a vedere questo romanzo in maniera oggettiva.<br />Ogni volta che lo rileggo mi viene una leggera confusione mentale. Sudo freddo.<br />Ogni volta che mi avvicino a qualche passaggio, mi viene voglia di scagliare fuori dalla finestra il computer in cui sono conservati tutti i capitoli. Leggendo altri punti, invece, mi scatta la voglia di andare a fare il monaco eremita su una sperduta montagna indiana.<br />Probabilmente tutto questo è dovuto al fatto che i temi affrontati nel libro sono ancora terribilmente attuali per me.<br />Non riesco a guardare con occhio distaccato frasi come «A quell'epoca eravamo giovani».<br />Perché per me è ancora un problema. ([[Tatsuhiko Takimoto]])
*Tra situazioni rocambolesche e gag assurde, mi sa che alla fine mi sono perso. Quello che è rimasto è un messaggio troppo diretto, che non è né comico né narrativo: "la volontà cambia le persone". I bei ricordi non svaniscono, ma sento di voler chinare il capo e scusarmi con tutti. Mi vergogno moltissimo. Eppure, voglio anche ringraziarvi... Probabilmente ho fallito e la responsabilità è mia. Se chiudo gli occhi, affiorano alla mia mente i sorrisi di Satō, Yamazaki e Misaki. Mi vengono in mente solo cose belle, che non dimenticherò. ([[Tatsuhiko Takimoto]])
}}