Differenze tra le versioni di "Marco Porcio Catone"

m (r2.6.6) (Bot: Aggiungo tr:Marcus Porcius Cato)
*Non credere sempre a chi ti dà notizie: bisogna avere poca fiducia in chi parla molto. (da ''Distico'' 2, 20)
:''Noli tu quaedam referenti credere semper: exigua est tribuenda fides, qui multa locuntur.
 
*Pianta alberi, che gioveranno in un altro tempo. (citato in Cicerone, ''De senectute'')
:''Serit arbores, quae alteri saeclo prosint.''
*È meglio avere degli acerrimi nemici piuttosto che quegli amici che si fingono dolci: i primi spesso dicono il vero, i secondi mai.<ref name="multidieci">{{Rif|10}}</ref> (citato in [[Cicerone]], ''De amicitia'', 24, 90)
:''Melius acerbos inimicos mereri, quam eos amicos, qui dulces videantur: illos verum saepe dicere, hos numquam''.
 
===Attribuite===
*Sopprimere una [[legge]] equivale a far vacillare tutte le altre. (citato in [[Tito Livio]], XXXIV, 3; 1997)
*La cosa più onorevole, così come la cosa più sicura, è quella di affidarsi interamente al [[valore]]. (citato in [[Tito Livio]], XXXIV, 14; 1997)
:''[Q]uod pulcherrimum, idem tutissimum: in virtute spem positam habere.''
 
===Senza fonte===
{{senza fonte}}
 
*È davvero strano che un indovino non rida quando incontra un indovino.
*Le avversità domano e insegnano che cosa convenga fare; la buona sorte, invece, suole impedire di riflettere e di agire adeguatamente.
*Mai l'uomo è così attivo come quando non fa nulla, mai meno solo di quando è in compagnia di se stesso.
*Meglio che gli uomini chiedano perché non ho una statua, piuttosto che chiedano perché ne ho una.
*Pensa sempre a quanto è lungo l'[[inverno]].
*Per il companatico degli schiavi si abbia cura di conservare le olive cadute dall'albero e quelle raccolte, che rendono poco olio; e si badi che durino a lungo.
*Quello che ti manca chiedilo in prestito a te stesso.
*''Vir bonus, dicendi peritus''
:Uomo di valore ed esperto nel dire.
 
==[[Incipit]] di ''De agri cultura''==
26 287

contributi