Apri il menu principale

Modifiche

sfid
*Più l'[[arte]] è controllata, limitata, lavorata, e più è libera. (da ''Poetica musicale'')
*Se, come quasi sempre accade, la [[musica]] sembra esprimere qualcosa, questa è soltanto un'illusione. (da "Cronache della mia vita")
 
==Senza fonte==
{{senza fonte}}
 
*Di tutti i musicisti del suo tempo [[Franz Joseph Haydn|Haydn]] è il più consapevole... che essere perfettamente simmetrico equivale ad essere perfettamente morto.
*Gli arpisti spendono il novanta per cento del loro tempo accordando le loro arpe e il dieci percento suonando scordati.
*La mia [[infanzia]] è stata un periodo di attesa del momento in cui potessi mandare al diavolo tutto e tutti di quel tempo.
*Un buon compositore non imita: ruba.
*I [[film]] musicali devono avere lo stesso rapporto con i film drammatici, di chi sta suonando il piano nel mio soggiorno con il libro che sto leggendo.
*La mia musica è compresa meglio da bambini e animali.
*[[Benito Mussolini|Mussolini]] è un uomo formidabile. Non credo che qualcuno abbia per Mussolini una venerazione maggiore della mia. Per me Egli è l'unico Uomo che conti nel mondo intero.
*[[Antonio Vivaldi|Vivaldi]] chi? Quello che scrisse ottocento volte lo stesso concerto?
 
==Citazioni su Igor' Fëdorovič Stravinskij==
*Dirà che il "Falstaff" è opera perfetta in ogni suo elemento. Strawinsky, da vero Petruska, mutava spesso di umore e di idee, ma alla fine trovava sempre il pensiero giusto, come accadde poco dopo aver fatto la prima affermazione, allorché asserì che "Falstaff" era senz'altro un capolavoro assoluto. ([[Mario Rinaldi]])
*La nostra epoca talvolta è riuscita a stravolgere e a estraniare il significato dei più noti capolavori di [[Ludwig van Beethoven|Beethoven]], ma basterebbe ascoltare con animo vergine la «Grande Fuga» op. 133 per quartetto d'archi per domandarsi stupiti come si sia potuto ancora scrivere della musica. [[Igor Stravinsky|Stravinsky]] afferma che «se la musica [della Grande Musica] fosse riuscita a penetrare nella coscienza del suo tempo la Musica moderna avrebbe perso, molto prima, parte del suo mordente, e ora dove saremmo?». ([[Gianfranco Maselli]])
 
==Note==
<references />
20 220

contributi