Differenze tra le versioni di "Aleksandr Isaevič Solženicyn"

nessun oggetto della modifica
 
==Citazioni di Aleksandr Solženicyn==
*Più di mezzo secolo fa, quando ancora ero un bambino, ricordo che un certo numero di anziani offrivano questa spiegazione per i disastri che avevano devastato la Russia: "Gli uomini hanno dimenticato Dio, perciò tutto questo è accaduto". Da quel giorno, ho passato 50 anni a lavorare sulla storia della nostra rivoluzione (la rivoluzione russa); ho letto centinaia di libri, raccolto centinaia di testimonianze personali. Ma se mi fosse domandato di formulare in maniera più concisa possibile la principale causa della rovinosa rivoluzione che ha inghiottito quasi 60 milioni di russi, non potrei metterla in maniera più accurata che ripetendo: "Gli uomini hanno dimenticato Dio, perciò tutto questo è accaduto."
(da: Edward E. Ericson, Jr., "Solzhenitsyn – Voice from the Gulag," Eternity, October 1985, pp. 23–24)
 
*Alla fine della mia vita posso sperare che il materiale storico i temi storici, i quadri di vita e i personaggi da me raccolti e presentati, riguardanti gli anni durissimi e torbidi vissuti dal nostro Paese, entreranno nella coscienza e nella memoria dei miei connazionali [...]. La nostra amara esperienza nazionale ci aiuterà nella possibile nuova ripresa delle nostre mutevoli fortune, ci metterà in guardia e ci terrà lontani da rovinose rotture. (da ''Il sole 24 ore'', 4 agosto 2008)
*Bisogna saper migliorare con pazienza quanto ogni giorno ci offre. <ref name=maria>Da ''[http://www.avvenire.it/Cultura/Dalla+Vandea+ai+gulag+Il+filo+rosso+di+Solzenicyn_200909280755226430000.htm Dalla Vandea ai gulag: Il filo rosso di Solzenicyn]'', in ''Avvenire'' del 27 settembre 2009. {{c|Collegamento interrotto}}</ref>
Utente anonimo