Differenze tra le versioni di "Aleksandr Isaevič Solženicyn"

→‎Incipit di alcune opere: Ordine alfabetico, aggiunto incipit
(sfid)
(→‎Incipit di alcune opere: Ordine alfabetico, aggiunto incipit)
 
==[[Incipit]] di alcune opere==
===''Il primo cerchio''===
''Ma voi chi siete?''<br>Le lancette traforate segnavano le cinque e cinque.<br>Nella cieca morente giornata decembrina il bronzo dell'orologio sull'étagère sembrava addirittura nero.<br>I doppi vetri dell'alta finestra, che cominciava dal pavimento, aprivano giù in basso lo sguardo sul frettoloso affaccendarsi della strada e dei portieri, che, sotto i piedi dei passanti, spazzavano la neve appena caduta ma già pesante e d'un colore bruno sporco.
 
===''Arcipelago Gulag''===
L'anno millenovecentoquarantanove ci capitò sotto gli occhi, a me e alcuni amici, una curiosa nota nella rivista «Natura» dell'Accademia delle Scienze. Vi si diceva, in minuti caratteri, che in riva al fiume Kolyma, durante gli scavi, era stato trovato uno strato sotterraneo di ghiaccio, antico torrente gelato, e racchiusi in esso esemplari pure congelati di fauna fossile (di qualche decina di millenni fa). Fossero pesci o tritoni si erano conservati tanto freschi, comunicava il dotto corrispondente, che i presenti, spaccato il ghiaccio, li mangiarono sul posto, VOLENTIERI.
 
===''Il primo cerchio''===
''Ma voi chi siete?''<br>Le lancette traforate segnavano le cinque e cinque.<br>Nella cieca morente giornata decembrina il bronzo dell'orologio sull'étagère sembrava addirittura nero.<br>I doppi vetri dell'alta finestra, che cominciava dal pavimento, aprivano giù in basso lo sguardo sul frettoloso affaccendarsi della strada e dei portieri, che, sotto i piedi dei passanti, spazzavano la neve appena caduta ma già pesante e d'un colore bruno sporco.
 
===''Padiglione cancro''===
Il padiglione cancro era il numero tredici. Pàvel Nikolàeviĉ Rusànov non era mai stato superstizioso, né avrebbe potuto esserlo, ma ebbe un tuffo al cuore quando vide scritto «padiglione N. 13» sul suo foglio di ricovero. Possibile non avessero avuto abbastanza buon senso da dare quel numero al padiglione delle protesi o a quello di patologia intestinale?<br>Ma era quella clinica, ormai, l'unico posto in tutta la repubblica, in cui si poteva fare qualcosa per lui.
 
===''Un giorno nella vita di Ivan Denisovič''==
Alle cinque di mattina, come ogni mattina, fu suonata la sveglia: a colpi di martello contro un pezzo di rotaia, accanto alla baracca del comando.<br>
{{NDR|citato in [[Fruttero & Lucentini]], ''Íncipit'', Mondadori, 1993}}
 
==Citazioni su Aleksandr Solženicyn==
26 287

contributi